Frasi sulla stupidità

Stupido è chi lo stupido fa

forrest-gump“Potenza celeste che ti nascondi nelle pieghe dell’encefalo,
dote senza fondo elargita al genere umano in saecula saeculorum,
tu sei innumere come la via lattea e molteplice come l’erba.”

Così inizia l’inno alla stupidità di Hans Magnus Enzesberger, un’opera che rende onore alla vera compagna della nostra esistenza. Sebbene si faccia di tutto per ostentare vanitosamente la nostra intelligenza, non possiamo nascondere del tutto la nostra stupidità, che non ci abbandona mai e viene fuori alla prima occasione utile.

Cos’è la stupidità? Diceva la mamma di Forrest Gump che stupido è chi lo stupido fa. Ci sentiamo d’accordo, la stupidità non dipende dalle connaturate capacità intellettive, ma dall’atteggiamento assunto consapevolmente da chi usa male le proprie facoltà, mostrandosi chiuso mentalmente, superficiale e arrogante.

Messa in questi termini tra intellettuali e cattedratici potrebbero esserci degli stupidi. Soprattutto tra di loro. Ci sentiamo d’accordo con quanto diceva Cechov, e cioè che l’università sviluppa tutte le inclinazioni, inclusa la stupidità.

Paradossalmente chi, con buona dose d’umiltà, riesce a mettere a fuoco la propria stupidità e cerca di migliorarsi mostra una vera intelligenza. Continue Reading

Il movimento anti “Buonismo” in twitter

“Buonismo” e “Buonista” sono espressioni che hanno assunto un significato assolutamente negativo. La parola viene usata perlopiù da chi ha una soluzione chiara e semplice a problemi molto complessi, per colpire un avversario a suo dire miope e sinistrorso.

Buonismo è un termine vago che affascina, per il senso che ha assunto nel “dibattito” attuale. Ci fa pensare al “comunista” di Berlusconi, una parola che porta con se dei valori alti e positivi, ma che il cavaliere usava con un’accezione puramente negativa ed offensiva. In questo modo confondeva l’avversario che si sentiva anche lusingato, e nel frattempo compattava gli oppositori schierati a suo fianco, per contrastare un potere subdolo e ipocrita rappresentato dai suoi avversari.

In effetti pare che la parola buonista sia stata una nuova invenzione linguistica di Berlusconi. Una parola che in se non porta offesa, anzi, descrive bene il comportamento del buon samaritano citato della parabola di Cristo come esempio universale dell’uomo giusto.

Chi sono gli anti-buonisti? Ci piacerebbe mettere a fuoco il loro pensiero, qualora ce ne fosse uno chiaro ed intellegibile. Il pensiero di chi combatte il becero buonismo si confonde spesso con espressioni di rabbia e soluzioni facili quanto improbabili a questioni estremamente complesse.

Cominciamo a conoscere gli acerrimi nemici dei buonisti con questa lista di pensieri tratti oggi da twitter.

red_mask  @red_mask9
Il buonismo è la maschera indossata dall’egoismo quando incontra l’ipocrisia. https://t.co/hV9Mvlpfvm  » the tweet
IL SAGGIO  @francetomm
Questi bastardi ormai li abbiamo nei pianerottoli dei nostri condomini. Chi dobbiamo ringraziare? Il buonismo? https://t.co/GuNZkGeYyM  » the tweet
Anne  @cheioavrei
Il buonismo mi fa cagare!  » the tweet

Continue Reading

Frasi sul sesso

E’ bello quando non dura poco

sessoIl sesso è un elemento fondamentale nella nostra vita, se non altro è grazie ad esso se siamo venuti al mondo.

Il sesso ci aiuta anche a definire chi sia un’intellettuale: infatti un intellettuale è qualcuno che è riuscito a trovare qualcosa di più interessante del sesso.

Oscar Wilde diceva che tutto nella vita ha a che fare con il sesso a parte il sesso, che ha a che fare con il potere. David Letterman ha fatto invece notare che la specie è umana è l’unica al mondo che riesca a fare sesso per telefono.

Il sesso di cui vogliamo parlare ha a che fare con la ricerca del piacere e delle emozioni che vengono scambiate liberamente tra due persone.

Abbiamo dato un’occhiata su twitter per vedere cosa si dice sul sesso. Ecco cosa abbiamo trovato..

An intellectual is a person who’s found one thing that’s more interesting than sex.Aldous Huxley

Il sesso non è, chimicamente parlando, molto diverso dal mangiare cioccolato.  » tweet

La differenza fra “sesso” e “fare l’amore” è che sesso sono solo cinque lettere e quindi è più facile usarlo in un tweet da 140 caratteri.  » tweet

My favourite sex quote….
“does it feel like a warm… wet…
hug….” https://t.co/cLgDoKVKy0  » tweet

I know a man who gave up smoking, drinking, sex, and rich food. He was healthy right up to the day he killed himself.
Johnny Carson#quote  » tweet

Lui: Vedi cara, l’amore è una cosa, il sesso un’altra-. Lei: -E la roba che facciamo noi come si chiama?-.  » tweet

“Che ognuno a suo modo è un tossico vero: di pere, di affetto, di sogni, di sesso di idee”
Auguri grande #Ligabuehttps://t.co/KaJomCRqSN  » tweet

“Marketing is like sex, you get out what you put in” – @TimElliottUK #quote #inspiration https://t.co/CcQ040CExT  » tweet

Chi fa sesso fino a 90 anni ragiona di più e decide meglio – Il Tirreno https://t.co/ImweepGzeE  » tweet

Sex is always about emotions. Good sex is about free emotions; bad sex is about blocked emotions.
@DeepakChopra #quote #sex #emotions  » tweet

❝Sex is the best high. It’s better than any drug. I want to die making love because it feels so good.❞ by Bai Ling #nsfw #quote  » tweet

The sex element is the most important in the business. You must sell sex. – Read full quote @ https://t.co/FVoV4G3lnH @KimKardashian  » tweet

Don’t knock masturbation, it’s sex with someone I love. Woody Allen #quote nV  » tweet

Se in media si fa sesso circa 110 volte l’anno, volevo ricordarvi che, grazie a Twitter, ad oggi ve ne mancano ancora 108.  » tweet

Non confondete l’amore con la voglia di sesso in primavera  » tweet

Il sesso è bello quando non dura poco..  » tweet

When you don’t have any money, the problem is food. When you have money, it’s sex. When you have both it’s hea… https://t.co/Vnowsg5WuE  » tweet

❝Humans are the only animal who can have sex over the phone.❞ by Dave Letterman #nsfw #quote  » tweet

❝Sex is nature, and I believe in going along with nature.❞ by Marilyn Monroe #nsfw #quote  » tweet

Quote of the week: “Go with the flow and just ride the wave of love, sex and romance” #stopoverthinkingaboutoverthinking  » tweet

Da sesso droga e rock n roll a seghe tisana e voltaren é un attimo sa  » tweet

Ma perché la sessualità ha necessariamente bisogno di etichette? Il sesso è sesso. Punto! https://t.co/zz0AGqLizQ  » tweet

Ecco alcune frasi sul sesso di autori più o meno famosi. Continue Reading

Qual è il contrario di buonista?

Buonista è una delle accuse più frequenti che si sente pronunciare nelle conversazioni politiche online e offline. Letteralmente il buonista è chi ha un atteggiamento di buonismo. Ecco alcune definizioni del sostantivo che va per la maggiore:

Garzanti: atteggiamento che, nei rapporti politici, di lavoro, familiari, viene considerato troppo incline alla comprensione e alla collaborazione da chi preferirebbe un comportamento più duro e aggressivo. fonte

Google: Il comportamento di chi, specialmente in politica, si dimostra tollerante nei confronti degli avversari.

Repubblica: Atteggiamento di benevola apertura e comprensione per tutte le posizioni, accusato di non andare al di là di generici appelli moralistici, capaci solo di produrre compromessi confusi e di basso livello
|| estens. Eccesso di buoni sentimenti, suggestivo ma inconcludente. fonte

Treccani: Ostentazione di buoni sentimenti, di tolleranza e benevolenza verso gli avversarî, o nei riguardi di un avversario, spec. da parte di un uomo politico; è termine di recente introduzione ma di larga diffusione nel linguaggio giornalistico, per lo più con riferimento a determinati personaggi della vita politica. fonte

Corriere: Nel l. politico e giornalistico, spesso con valore iron., ampia disponibilità nei confronti dell’avversario. fonte

Le definizioni che abbiamo visto di per se non hanno nulla di terribile, eppure Buonista è considerato una delle peggiori accuse, sinonimo di stupidità, ottusità e pericolosità sociale.

Il buonista viene accusato di essere un ipocrita collocato politicamente a sinistra, imbonitore se ricco, semplicemente idiota se povero, che trae godimento dal pulirsi la coscienza con affermazioni fuori dalla realtà e iniziative tafazziane.

Il buonista sarebbe uno sconsiderato, con la testa nel mondo delle favole, che vorrebbe accogliere migranti e presunti terroristi agevolando loro i viaggi della speranza, e favorendo un’invasione che andrebbe in ogni modo fermata per ragioni di sicurezza, economiche, identità culturale e religiosa, di salvaguardia del benessere e dello stile di vita degli italiani etc..

Il contrario del buonista sarebbe invece un realista, uno che alza muri e spiana i fucili, ma con il cuore commosso e dolorante, rimanendo perciò all’interno dei principi della misericordia cristiana.

Ma come definire il contrario di buonista? Con quale aggettivo:
Realista? Cattivista? Razzista? Nazista? Imbonitore di frustrati? Nazionalista? Lungimirante? Vero buono? O vero stronzo?

Trovare una definizione non è facile, per il semplice fatto che siamo nella materia della relatività umana, ma soprattutto siamo davanti a fenomeni molto complessi che richiederebbero da una parte e dall’altra un approccio molto molto serio.

Invece per prendere voti in italia si devono sputare slogan banali e ignoranti.

Così parlò Gramellini a Che Tempo che fa

Quando mi capita di vedere Che tempo che fa del sabato, non posso fare a meno di imbattermi negli apprezzatissimi soliloqui di Gramellini, ormai assurto al rango di oracolo.

Ieri ci ha raccontato il perché gli italiani di mezza età ricordino con più chiarezza il mondiale vinto dell’82, rispetto a quello del 2006. Principalmente perché sarebbe un ritorno alla loro giovinezza; ma c’è dell’altro, raccontato in una girandola di evocazioni e considerazioni che mi hanno confuso.

Il giornalista ha iniziato con l’esegesi dell’urlo tardelliano, simbolo dell’uomo solo che esprime in quel gesto, dopo un decennio buio di terrorismo e barricate, il sentimento prevalente nel cuore degli italiani: la volontà di rinascita, una rinascita tuttavia viziata da congenito individualismo.

La voglia dell’italia di rinascere era per Gramellini evocata anche dai muscoli di Cabrini, guarda caso presente in trasmissione, che corse per tutta la finale come un ossesso, nonostante il rigore sbagliato alla fine del primo tempo.

Un ricordo è andato anche alte cariche dello stato, da Pertini a Spadolini, che accompagnarono quell’epica espressione simbolica di riscatto, festeggiando insieme al popolo la nascita della nuova epoca post Santiano Bernabeu.

Dopotutto si è trattato solo di una partita di calcio.
Gramellini è un bravo giornalista, è molto apprezzato, ma a volte, come ha fatto notare Checco Zalone nella sua imitazione, esagera un pò.

Si deve tuttavia rendergli merito del fatto che le sue parole sono spesso sagge e condivisibili, e di questi tempi di Salvini, Gasparri e compagnia, non è affatto poco.

Appena finisce di parlare, scatta puntualmente un fragoroso applauso. Ci piacerebbe sentire la pungente opinione di Frassica.

Intanto vediamo cosa ne pensano i twitters

luca  @Luca_1998
Io amo il modo di raccontare di
Gramellini #chetempochefa  » tweet
Pierre  @Strapierre
Ma perché uno deve pagare il canone per sentire concionare Gramellini?  » tweet
Jonathan Crane  @Jona_Crane
Ogni settimana guardo Gramellini perché voglio che mi stupisca.
Sempre nuove forme di velata critica a Renzi, seguite da carezzevoli leccate  » tweet

Continue Reading

News Trends in Italia nell’ultimo week end

Lista dei trends nell’ultimo week end, ottenuta seguendo l’attività in twitter intorno ai principali siti di news.
La paternità surrogata di Vendola che ha sollevato un putiferio moralista, lascia spazio alla crisi in Libia, dove nei prossimi giorni dovranno essere prese delle decisioni importanti.

Il caso degli ostaggi italiani e l’ipotesi di un imminente intervento militare di terra guidato dall’Italia, stanno toccando nel vivo l’interesse nazionale.
Secondariamente tengono la scena le primarie del PD a Roma e la festa della donna dell’8 marzo.

Questi sembrano i temi che terranno banco nel dibattito mediatico dei prossimi giorni. Staremo a vedere.
_0306trends

Salvini contro Vendola: le reazioni dei Tweeters

Sul caso Vendola papà così parlò l’illuminato leghista:

Matteo Salvini  @MateoSalvini
#Salvini: Faccio i miei migliori auguri al bimbo di #Vendola, figlio dell’EGOISMO di due ADULTI. #fuorionda » tweet
Matteo Salvini  @MateoSalvini
#Salvini: Al centro commerciale si comprano i DVD o le stoviglie, NON I BAMBINI! #fuorionda #Vendola https://t.co/xdCAikG4j8 » tweet

Come hanno reagito i tweeters di fronte alle sentenze di Salvini? Ecco cosa gli hanno risposto.

Nicola Chiappinelli  @NicKiappa
Dopo @matteosalvinimi,@gasparripdl,@beppe_grillo,@ale_dibattista e @VittorioSgarbi spiace non possa dire la sua su #Vendola pure Pacciani :( » tweet
Roberto  @ottogattotto
#Vendola padre
#Salvini “Disgustoso egoismo”
Sono d’accordo al 66%, fino a “Salvini disgustoso” » tweet
Franco K Peracidus  @FrancoCappellet
#Salvini : “Quello di #Vendola è disgustoso Egoismo”. Il vostro “noi possiamo e voi no” invece è Altruismo. » tweet
stefano sechi  @stephciccone
@matteosalvinimi eiaculare in una vagina nn ti rende un genitore migliore di Vendola
Disgustoso è far crescere dei bimbi a chi parla come te » tweet
Paolo Foschi  @Paolo_Foschi
#Salvini critica la #famiglia di #Vendola. L’esempio da seguire è quindi la famiglia di #salvini? » tweet
Gnaafamos  @gnaafamos
Certo che dovendo scegliere un padre tra #Salvini e #Vendola… » tweet
massimo masi  @massimomasi
Meglio essere figlio in maternità surrogata di #vendola che essere figlio naturale di #salvini ! #ovvietà » tweet
Daniele Mosconi  @DanieleMosconi
Possibile che una cosa privata come un bambino debba essere #disgustosoegoismo mentre su #CriccaLombarda non apre bocca? #Salvini #Vendola » tweet
Gabriele Ventricelli  @Gabrontolo_72
A prescindere da tutto, dette da #Salvini e #Gasparri, le parole “disgustoso” e “turpe” perdono di significato,… https://t.co/3kfoPpZzKA » tweet
E.  @equeendi
#Salvini attacca #Vendola dichiarando “disgustoso egoismo” che poi è paro paro quello che penso io de Salvini. » tweet
Fabrizio C.  @faber65c
Ma il fascista #salvini ke attacca #Vendola è lo stesso k come massimo atto d amore brucerebbe ttt gli extracomunitari ..? » tweet
vito damato  @vitodamato
#vendola amerà un bimbo #salvini i bimbi profughi li vuole #ruspare o rispedire sotto le bombe .. vendola è il cattivo e salvini il buono ? » tweet
Bauhaus  @sajikur
Tutto sta a capire in quale delle due case un bambino avrebbe più problemi mentali #Vendola #Salvini. Io non ho dubbi » tweet
Francesco  @francispin76
#Salvini dice che #Vendola ha comprato suo figlio, come al mercato, dove si comprano dvd e libri. Ma un cervello per #Salvini non si trova? » tweet
Alessandro Marzioni  @Ginger_Ale_Marz
Imprecano contro #Vendola #uteroinaffitto mercificazione #Donna gli stessi che la vedono solo orizzontale #ruby #Salvini #stepchildadoption » tweet
sergio granata  @sergiogranata
Non so perché ma continuo a pensare che possa crescere meglio un figlio allevato da #Vendola che uno allevato da #Salvini. » tweet

Vendola papà, le prime reazioni in twitter

La notizia di Vendola papà ha eccitato gli animi in rete e ha spaccato l’opinione in contrari e favorevoli, com’è normale che accada in italia. E’ un caso che ha toccato l’inconscio di un popolo che ha reagito d’istinto venendo allo scoperto e manifestando un’opinione o del tutto contraria o favorevole. Sin dall’inizio c’è stata una netta prevalenza di contrari, che si sono espressi con ironia, durezza e in molti casi volgarità.

Continueremo a seguire la vicenda perché vogliamo provare a capire il sentimento degli italiani. In questo link puoi seguire un ascolto sul tema con buzzmeter.

Alcuni tweets contrari sono di natura “politica”, e in tal caso il disgusto fa leva sull’ipocrisia radical chic e “inferiorità morale” del comunista Vendola, ma vengono da personaggi opachi come Gasparri, Adinolfi e Salvini, che non mancano di manifestare disgusto in numerose occasioni, purché ciò possa loro portare una manciata di voti.

Ci sono anche molti altri che esprimono un giudizio morale. In questo primo post sull’argomento raccogliamo alcuni tweets.

Congratulazioni a #Vendola e Testa ma la maternità surrogata dietro pagamento non la condivido. Solo se vero altruismo senza pagamento

Auguri a mamma #Vendola.Un pensiero per chi ha venduto utero e ovuli.La legalizzazione del traffico di organi prossima battaglia de sinistra

Amico #Vendola, mi sai dire quando aprono la sezione figli di Amazon? Grazie.

Avessi 130 mila euro comprerei la casa,
#Vendola invece ci ha comprato un giocattolo di nome #Tobia
… just the asshole can

“Vorrei una californiana da asporto, grazie.” #Vendola

Alcuni tweets a favore

La cattiveria che tirate fuori di fronte alla nascita di un bambino voluto, desiderato e, sicuramente, amato è allucinante. Auguri #Vendola

Ci scandalizziamo che in America Trump cita Mussolini e poi andiamo ad insultare pesantemente #Vendola per aver voluto un figlio.

Leggendo certi tweet su #Vendola ti rendi conto di quanto il medioevo sia presente tra noi

Ma quelli che insultano #vendola saranno mica gli stessi che osannavano Elton John a Sanremo?#persapere

#Vendola fa venir allo scoperto tutta la merda omofoba degli italioti di merda!


Al di là dei modi usati negli attacchi che lo stesso Vendola ha definito “da squadristi” ci sono delle accuse oggettive che gli vengono mosse e che non c’entrano niente con l’omofobia.

Si tratta di accuse legate alla pratica immorale della maternità surrogata che tuttavia di deve ammettere non ha mai subito un attacco così violento, quando a farne uso è una povera coppia eterosessuale che non può avere figli. La materia non è semplice e offre uno spunto per molte riflessioni.

Italia, terra di poeti, giubilanti e leopoldini

Una domenica come il 13 dicembre 2015 capita una volta nella vita. Potremo dire ai nostri nipoti che noi c’eravamo. Per Santa Lucia si sovrappongono due eventi di grande significato simbolico, circondati da un’aura di mistero (nel senso che la gente si chiede a che servano), la Leopolda e il Giubileo.

La Leopolda è sinonimo di ottimismo e futuro. Visonari riformatori senza cravatta e in maniche di camicia, ci dipingono un futuro fantastico. Renzi (con le bandiera del pd nel cuore) dopo avere mandato la scorsa settimana i suoi gregari a parlare in tv di noiosi argomenti come banche fallite, conflitti d’interesse e risparmiatori truffati, ora salta sul palco e con il suo show ci riempie di ottimismo.
Le vicende di Banca etruria hanno un pò guastato il clima festoso ed entusiastico, ma ha rafforzato lo spirito di corpo dei leopoldini stretti a coorte in strenua difesa del ministro Boschi. “Le colpe dei padri (dei ministri) non devono ricadere sui figli” è stata la sentenza. I debiti dei padri risparmiatori raggirati possono ricadere sui figli, invece.

Il Giubileo è sinonimo di remissione dei peccati, di riconciliazione, conversione e penitenza sacramentale. Per ottenere il perdono Bergoglio ha aggiunto le sette opere di misericordia corporale e le sette opere di misericordia spirituale (consigliare i dubbiosi, insegnare agli ignoranti, ammonire i peccatori, consolare gli afflitti, pregare Dio per i vivi e per i morti, perdonare le offese, sopportare pazientemente le persone moleste).

Allora siamo tutti perdonati.

Banche resuscitate – calci ai risparmiatori e buffetti agli amministratori

bancheLe nuove normative europee prevedono che il privato risparmiatore-investitore debba accollarsi tutti i rischi di una malagestione dell’istituto finanziario emittente dei titoli che egli acquista. Il principio è assolutamente condivisibile, ma lascia spazio a una zona grigia dove si alimentano le fregature.

Se le banche commissariate, facendo leva sulla fiducia dei correntisti, propongono allo sportello i loro titoli come sicuri, allora il livello d’attenzione del povero risparmiatore deve schizzare alle stelle. La stessa banca sottopone alla firma dell’investitore una marea di documenti che nessuno firmerebbe mai se non si fidasse dell’impiegato che ha davanti.

Le banche sono di fatto società che devono fare profitti, e i loro dipendenti hanno obbiettivi di vendita da raggiungere. E’ comprensibile che l’ambizione del dipendente lo spinga a piazzare dei titoli ad alto rischio, esagerando un tantino in rassicurazioni. Rimane da capire come sia possibile piazzare titoli rischiosi in linea con il profilo mifid obbligatorio per ogni risparmiatore.
Ad ogni modo gli investitori dovrebbero sempre ricordare che un titolo con rendimenti alti, non potrà per sua definizione essere sicuro. La scoperta “geniale” di titoli ad alto rendimento e rishio zero è un’ingenuità che si rischia sempre di pagare a caro prezzo, ovvero con il capitale investito. Continue Reading

Frase illuminante della Cei “La civiltà non si misura con il pil” .. e nemmeno con le tasse sul patrimonio immobiliare

galatino“Speriamo che questo faccia riflettere un po’ tutti quanti noi a non misurare la vita e il progresso della civiltà soltanto con il Pil o le percentuali dei soldi”. Così Il segretario della Cei, monsignor Galantino, commenta il suicidio del pensionato di Civitavecchia che ha perso i risparmi nel fallimento della banca Etruria.

Le frasi di monsignori, vescovi e cardinali lasciano sempre basiti. Quasi sempre dicono tutto e non dicono niente.
Non si capisce se Galatino ce l’abbia con qualcuno. Ce l’ha con il pensionato disperato che s’è tolto la vita, scegliendo la via più anticristiana? Ce l’ha con gli amministratori delle banche che hanno truffato gli incauti risparmiatori? Ce l’ha con gli organi di vigilanza che non hanno vigilato, con la Banca d’Italia che non ha informato a sufficienza?

Entrando nel merito della sua frase illuminante, e cioè che la civiltà non va misurata con il Pil, si spinga oltre, e giunga a conclusioni più concrete che implichino una qualche responsabilità. Ci dica il monsignore come dobbiamo comportarci in questa società che a noi comuni mortali appare sempre più un far west.

Come comportarci con l’indebitamento al 130% del Pil, con gli interessi a carico delle nuove generazioni, con le politiche di sviluppo e solidarietà, con la sostenibilità finanziaria del welfare, sanità, istruzione e perfino della chiesa cattolica, che continua a smarcarsi dall’impegno morale di pagare le tasse allo stato italiano sul patrimonio immobiliare; fatto che inevitabilmente va ad appesantire il carico fiscale sugli italiani, che il 16 dicembre hanno un’altra importante scadenza.

Ci illumini il monsignore, abbiamo bisogno di una guida come lui, siamo tutt’orecchie.

Il governatore Crocetta risponde a Vecchioni sdraiandosi mollemente tra i ciottoli

CrocettaDesnudoOspite all’Università di Palermo per un conferenza, nello stupore generale, Vecchioni ha detto:

“…è inutile mascherarsi dietro il fatto che hai il mare più bello del mondo e che hai questo e quello, non basta, sei un’isola di merda. La filosofia e la poesia antiche hanno insegnato cos’è la bellezza e la verità, la non paura degli altri, in Sicilia questo non c’è, c’è tutto il contrario. E mi sono chiesto prima di arrivare qui, se dovevo dirle queste cose a voi ragazzi: ‘Perché non gl’invento una sviolinata? Come siete bravi, avete inventato la Magna Grecia?’ Sinceramente no, io non amo la Sicilia che non si difende (…) Non amo la Sicilia che rovina la sua intelligenza e la sua cultura. Che quando vado a vedere Selinunte, Segesta non c’è nessuno. Non amo questa Sicilia che si butta via (…) Mi dà un fastidio tremendo che la Sicilia non sia all’altezza di se stessa”

Il governatore Crocetta in risposta all’affronto ricevuto dal tristo brianzolo cosa fa? Invidioso per la scena mediatica rubata dal cantautore, mostra di essere all’altezza del suo ruolo istituzionale, innalzandosi a paladino difensore dell’orgoglio siculo.
E qual è la migliore delle risposte sui contenuti della polemica di Vecchioni? Spogliarsi e farsi fotografare mollemente sdraiato sulla spiaggia di castel di Tusa, giocando con una copia del giornale di sicilia, provvidenzialmente usata per coprirne la presidenziali pudende: “La mia risposta a chi parla male della Sicilia”, scrive.

L’immagine del Crocetta desnudo sia da monito per tutti i detrattori della Sicilia e dei siciliani! Astenetevi, se non volete rischiare una nuova risposta nello stile del governatore siciliano.