Daniela Martani e le senatrici del Pdl

Daniela Martani e le senatrici del Pdl

In un comunicato diffuso attraverso Adnkronos e riportato integralmente in calce, le senatrici del Pdl stigmatizzano con molta durezza il comportamento di Daniela Martani.Ci perdonino le illustri senatrici se facciamo fatica a schierarci dalla loro parte. In un Paese dove:

  • i professori universitari assumono figli, mogli, nipoti e amanti mortificando le attese di giovani ben più brillanti;
  • un concorso pubblico è assolutamente insuperabile se non si è più che raccomandati;
  • per farsi strada valgono più due belle tette che una solida preparazione professionale;
  • i giovani guardano al futuro con sempre minore fiducia;
  • gli assessori della giunta di una delle più grandi città d’Italia rispondono negativamente alla sollecitazione del sindaco di versare ciascuno un contributo mensile di 150 € da devolvere in beneficenza;
  • gli stupri e le violenze sulle persone rimangono regolarmente impuniti,

come facciamo a preoccuparci con tanta accoratezza del comportamento di una ragazza tutto sommato figlia dei tempi? Con ciò non intendiamo mettere l’aureola alla bella Daniela, ma ben altri sono i comportamenti da censurare.

Comunicato delle senatrici del Pdl

Roma, 4 feb. (Adnkronos) – “Le senatrici del Pdl giudicano offensivo per il ruolo che le donne italiane ricoprono nelle imprese, nella pubblica amministrazione e nelle istituzioni l’immagine del lavoro femminile offerta dalla hostess dell’Alitalia. Il lavoro femminile è troppo importante per il sistema paese per poter essere simbolizzato dalla squallida immagine offerta al pubblico dalla signorina Daniela Martani”. E’ quanto si legge in una nota delle senatrici del Pdl.

Secondo le firmatarie, Daniela è “un pessimo esempio per tutti, per le donne in particolare, per tutti coloro che un lavoro fanno fatica a trovarlo e a mantenerlo. Il grande sacrificio che chiediamo ai cittadini, attraverso le loro tasse per pagare la cassa integrazione a chi è in difficoltà lavorativa non può essere deriso da un’avvenente signorina in cerca di notorietà. E a chi manca di rispetto al lavoro non si può concedere i benefici pagati con le tasse di noi italiani”, concludono le senatrici del Pdl.

Per altri post su Daniela Clicca qui

Leave a Reply

*