Poesie d’’amore di William Shakespeare: Silenzio!

27 Ott 2010

Silenzio! Quale luce irrompe da quella finestra lassù?
È l’oriente, e Giulietta è il sole.
Sorgi, vivido sole, e uccidi l’invidiosa luna,
malata già e pallida di pena
perché tu, sua ancella, di tanto la superi in bellezza.
Non essere la sua ancella, poiché la luna è invidiosa.
Il suo manto di vestale è già di un verde smorto,
e soltanto i pazzi lo indosano. Gettalo via.
È la mia donna; oh, è il mio amore!
se soltanto sapesse di esserlo.
Parla, pure non dice nulla. Come accade?
Parlano i suoi occhi; le risponderò.
No, sono troppo audace; non parla a me;
ma due stelle tra le più lucenti del cielo,
dovendo assentarsi, implorano i suoi occhi
di scintillare nelle loro sfere fino a che non ritornino.
E se davvero i suoi occhi fossero in cielo, e le stelle nel suo viso?
Lo splendore del suo volto svilirebbe allora le stelle
come fa di una torcia la luce del giorno; i suoi occhi in cielo
fluirebbero per l’aereo spazio così luminosi
che gli uccelli canterebbero, credendo finita la notte.
Guarda come posa la guancia sulla mano!
Oh, fossi un guanto su quella mano
e potessi sfiorarle la guancia!


Tags:

Lascia un commento

Altri articoli correlati a Poesie d'’amore di William Shakespeare: Silenzio!

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Anjeza Gonxha Bojaxhiu (Skopje, 26 agosto 1910 –Calcutta, 5 settembre 1997), è stata una religiosa e beata albanese, di fede cattolica, fondatrice de..
Amo tutto ciò che è stato, tutto quello che non è più, il dolore che ormai non mi duole, l’antica e erronea fede, l’ieri che ha lasciato dolore, quello che ha lasciato allegria solo perc..
Festa di San Valentino  *  14 Febbraio - 2013 * Eccola qua : San Valentino......la festa degli innamorati...... ovvero di tutti quelli che  amano e che hanno amato ......... La festa di San Val..
Questa canzone, resta sempre  indimenticabile per coloro che erano giovane negli anni 70; fu interpretata sia da Battisti, coautore con Mogol , che dall'Equipe 84. 29 Settembre di Mogol- Battisti..
LE  NOZZE È pur dolce in su i begli anni de la calda età novella lo sposar vaga donzella, che d?amor già ne ferì. In quel giorno i primi affanni ci ritornano al pensiere: e maggior ..
V'aggia spià na cosa Donn'Amà: vurria sapè pecchè quanno ve veco, la capa mia nun po' cchiù raggiunà. Si me parlate, 'mpietto 'a voce vosta, m'arriva comme n'arpa, nu viulino; quanno rerite..