“Le donne Resistenti”: Mostra fotografica di Paolo Bona all’Arcibellezza di Milano

2 lug 2012

27 giugno 2012,

Mostra fotografica di Paolo Bona : “Le donne Resistenti”

Qualche giorno fa siamo state a cena all’Arcibellezza  di Milano e nella sala ristorante era allestita una mostra di fotografia sulle donne partigiane.
Al fotografo  Paolo Bona,  abbiamo chiesto se avesse voglia di raccontarci quello che le donne delle foto avevano raccontato a lui, e lui ha detto subito  di si.

Onalim: Queste donne fanno parte di un’associazione?

Paolo Bona: Alcune si, fanno parte dell’Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), o ne hanno fatto parte. Sono tutte molto anziane e non tutte continuano a frequentare l’associazione. Io mi sono rivolto all’Anpi per cercare di individuarle.

Onalim: Come mai hai scelto di fotografare le donne partigiane?

Paolo Bona: Perchè non se ne parla mai. Sul resto si sa tanto. I miti sono tutti uomini, se di miti si può parlare, come Giovanni Pesce, marito di Nora Pesce che io ho fotografato.

Onalim: Erano contente di  raccontare la loro storia?

Paolo Bona: Si, tutte molto contente.

Onalim: Nessuna ti ha detto di no?

Paolo Bona: Nessuna. Il loro atteggiamento era quello di una nonna che racconta al proprio nipote i suoi ricordi.

Onalim: Le donne di Milano hanno partecipato a degli scontri ?


Paolo Bona
: Si. Lei è la più nota, Nora Pesce, moglie di Giovanni Pesce fondatore dei Gap (Gruppi d’azione partigiana) che sono stati i gruppi di resistenza nelle città. Lei ha combattuto, è stata anche arrestata, è stata in un lager a Bolzano fino al 25 aprile del 1945. Lei non ha mai sparato, nessuna di queste donne ha mai sparato.

Onalim: Erano armate queste donne?

Paolo Bona: Più che armate, loro trasportavano armi come staffette, da un posto all’altro.

Onalim: Ti hanno raccontato qualche battaglia?

Paolo Bona: Quando l’ho intervistata io, non stava bene, aveva la voce bassa, ma non volle rinunciare. Vi consiglio di leggere il suo libro “Pane bianco”, l’ha scritto poco prima di morire, l’anno scorso, in cui racconta molte storie. In città era tutto furtivo, anche loro non si conoscevano per questione di sicurezza. E avevano un nome di battaglia, il suo era Sandra e quello di suo marito Visone. Una volta Nora Pesce stava trasportando del tritolo e si è accorta di essere seguita da un tedesco, lei era molto carina da giovane, e questo ha cominciato a farle un po’ il filo. E lei gli ha dato corda.

Onalim: E certo, che doveva fare?

Paolo Bona: E lui le ha proposto di portarle il pacco, finchè non ha trovato una scusa per salutarlo, dandogli appuntamento per il cinema il giorno dopo.
Onalim: Immaginiamo non si sia presentata.

Paolo Bona: No.

Onalim: Lei chi è?

Paolo Bona: Lei è una donna di Verbania. Lei era di famiglia antifascista, e faceva già la staffetta quando suo fratello rimase ucciso, e questo la sconvolse, perché era molto legata al fratello. Lei è ancora viva.

Onalim: Del carcere cosa hanno raccontato?

Paolo Bona: Sono state molto restie a raccontare dell’esperienza in prigione. Ti dicono “calci e botte” ma non approfondiscono quel momento.

Onalim: Ci piace tantissimo lei.

Paolo Bona: Lei è stata la prima che ho intervistato. Si chiama Dina Croce. E’ dell’Oltrepo pavese. Lei è proprio l’emblema di quello che sono state le donne partigiane. Lei non era neanche di famiglia antifascista. Per lei era semplicemente troppo quello che stava succedendo e lei doveva aiutare. Lei era anche benestante, e si sentiva in dovere di dare una mano.

Onalim: Una donna molto coraggiosa.

Paolo Bona: Si super coraggiosa. Si è esposta in modo del tutto spontaneo, che è quello che io ricercavo. Il fatto che le donne l’hanno fatto in modo spontaneo, perché al contrario gli uomini erano in qualche modo obbligati a schierarsi.

Onalim: E lei chi è?

Paolo Bona: Lei è Elena D’Ambrosio, quest’anno portava lo striscione dell’Anpi. Anche lei vive a Milano. Lei ha ancora la forza di scendere in piazza.

Onalim: E lei?

Paolo Bona: Lei stava a Lissone e fece la staffetta a Monza. Lei mi raccontò che subì una perquisizione. Siccome giocavano sul fatto che erano giovani e carine, riuscivano a imbambolare i tedeschi.

Onalim: In questo caso la femminilità era veramente un’arma, non in senso metaforico.

Paolo Bona: Si si, poi loro erano furbe ed erano abili. Una cosa che mi è stata detta è che i tedeschi erano più gentili degli italiani. Per loro era più facile imbambolare il tedesco.

Onalim: Chissà, forse subivano il fascino delle donne italiane.

Onalim: C’era qualche momento di gioia per loro?

Paolo Bona: Si certo, era gente che sapeva che stava facendo la storia. E ogni momento poteva essere l’ultimo se fossero state scoperte.

Onalim: Chi è lei? Ci piace tantissimo il bastone.

Paolo Bona: Lei è Stellina Vecchio. L’episodio più noto le capitò, il 25 aprile, quando era insieme a un’altra staffetta in bicicletta in zona Niguarda a Milano e c’era un comando. La sua compagna fu uccisa dai tedeschi. Era Gina Galeotti Bianchi, chiamata Lia, ed era incinta di otto mesi. Su questa donna che fu uccisa è stato fatto uno spettacolo teatrale “Nome di battaglia Lia” e c’è una targa al Niguarda che la ricorda. I tedeschi la uccisero gratuitamente perché se ne stavano andando, era il 25 aprile, ma sparavano così a caso. Stellina fece in tempo a buttarsi in un fossato e si salvò. Quando mi raccontò quell’episodio era così commossa che le spuntarono le lacrime e il suo grande rimpianto è, visto che Lia era incinta, “Perché non è successo a me?”. Quindi lei avrebbe preferito morire al suo posto. Per dirvi l’altruismo. La resistenza era fatta di questo. Altrimenti non sarebbe potuta esistere.

Onalim: Grazie Paolo

Testo e foto  tratti  dall’intervista  a Paolo Bona di Daria Palma ed Isabella Musacchia,  pubblicata sul loro sito  –  onalim.it


Tags:

Lascia un commento

Altri articoli correlati a "Le donne Resistenti": Mostra fotografica di Paolo Bona all'Arcibellezza di Milano

Il sito Onalim, un blog che parla della Milano ironica, sentimentale, colorata, imperfetta, quest'anno ha deciso di creare una mappa dei posti aperti a Milano in Agosto. Milano è da sempre la citt..
Ho vissuto a Milano per un periodo. Sono stato uno di quelli che si vestono in giacca e cravatta per andare a lavorare negli uffici del centro. Strano ma vero, anch'io quando passavo davanti alla vetr..
Femminicidio è un neologismo diventato di uso comune per indicare un delitto compiuto da un uomo su una donna, molto spesso nell'ambito di una coppia.  A molti questo termine non piace ed io sono un..
Cos'è il coraggio? Diceva Paolo Borsellino che è impossibile non avere paura, l'importante è che insieme alla paura ci sia anche il coraggio. Il coraggio è la capacità di affrontare con forza d'..