Ricetta della frittata con formaggio e prosciutto

Frittata con formaggio e prosciutto

E’ una frittata farcita che si magia con gusto e va bene per grandi e piccini.

Dosi per 4 persone

  • 6 uova
  • 2 cucchiai di pan grattato
  • 100gr di formaggio  grana grattuggiato
  • 100 grammi di formaggio tenero (Primo sale, caciocavallo fresco,svizzero…)
  • 150 gr di prosciutto cotto tagliato sottile
  • Due cucchiai di olio extra vergine d’oliva

Battere  bene le uova in una capiente ciotola con un pizzico di sale il formaggio grattuggiato e il pan grattato.

In una padella mettere a riscaldare un velo d’olio e quando è ben caldo versare il composto, abbassare la fiamma ed aggiugere  distibuendoli uniformemente il prosciutto che avrete precedentemente sbriciolato ed il formaggio tagliato a dadini piccoli.

Cuocere a fuoco lento, e quando la frittata appare rappresa aiutandovi con  due piatti rivoltatela e fatela dorare anche dall’altra parte.

Con un’insalatina mista è una cenetta sempre molto gradita. Buon appetito!

  • Metodo dei due piatti per rivoltare la frittata:
  • Fate scivolate la frittata mezza cotta su un piatto piano, coprirla con un’altro piatto piano della stessa misura e rivoltateli.
  • Fate scivolare nuovamente la frittata nella padella dove avrete precedentemente rimesso un velo d’olio.
frittata con formaggio e prosciutto
frittata con formaggio e prosciutto

Ricetta dei carciofi fritti con uovo e mollica

Carciofi fritti con uovo e mollica

Questi carciofi sono croccanti e gustosi, adatti per accompagnare una pietanza, come antipasto o rinforzare un aperitivo.

Dosi Per 4 persone

  • 4 caciofi con le spine
  • 2 uova intere
  • 2 etti di pangrattato
  • Un limone
  • 1/2 litro di olio di extra vergine di oliva
  1. I carciofi vanno lavati e liberati dalle foglie più dure ed immersi per 5 minuti  in  una  ciotola piena d’acqua in cui avrete spremuto un limone.
  2. Battere in una ciotola le uova  con un pizzico di sale e disponete in un piatto la mollica di pane.
  3. Mettere in un pentolino l ‘olio a riscaldare a fuoco vivo stando attenti che non fumi .
  4. Togliere i carciofi dall’acqua, asciugarli bene e dividerli  a spicchi non troppo spessi.
  5. Intingere  i carciofi nell’uovo battuto e passarli  nel pan grattato premendo con decisione perchè aderisca bene.
  6. Immergere i carciofi impanati nell’olio bollente e quando sono ben dorati aiutandovi con la pinza poggiateli ad asciugare su carta assorbente. Completate con  un pizzico di sale  ben distribuito.
carciofi fritti uovo e mollica
carciofi fritti uovo e mollica

 

 

 

Ricetta della caponata di mele

La caponata di mele

Questa caponata più delicata è un piatto veramente chic!

Dosi per 4-6 persone

  • Mele golden: 4
  • Cipolla rossa tritata: due cucchiaiate colme.
  • Coste di sedano lessate in acqua salata e tagliate a rondelle: gr 300
  • Pomodoro da salsa : gr 600
  • Olive verdi snocciolate: gr 200
  • Capperi lavati  in acqua e  ben strizzati: gr 50
  • Mandorle sgusciate: gr 50
  • Olio extra vergine di oliva : due cucchiai
  • Zucchero : due cucchiaiate
  • Aceto bianco tre cucchiai
  • Esecuzione:
    • Sbollentare il sedano in acqua salata e tagliatelo a dadini.
    • Passate velocemente in acqua bollente il pomodoro e dopo averlo pelato eliminare i semini.
    • In un tegame basso fate soffriggere dolcemente la cipolla stando attenti che  si cuocia senza bruciare.
    • Aggiungere i filetti di pomodoro e quando saranno cotti (5 minuti circa) mettere il sedano, le olive snocciolate , i capperi e le mandorle sgusciate. Spegnere il fuoco e procedere alla preparazione delle mele che vanno sbucciate, liberate dal torsolo e tagliate a dadi. Fatele stufare con un pizzico di sale per 5 minuti in un tegame conl’ olio di oliva fino  a quando saranno cotte ma non scotte. A questo punto incorporarle nel condimento già pronto e rimescolare con delicatezza dopo avere aggiuto lo zucchero che avrete precedentemente sciolto in una tazza con l’aceto.
    • La caponata va mangiata fredda e preferibilmente il giorno dopo……..ed poichè è priva di fritti è leggera….anzi leggerissima….
caponata di mele
caponata di mele

Ricetta della pasta con i broccoli e acciughe

Ricetta della pasta con i broccoli e acciughe

Dosi per 4 persone

  • Pasta corta fresca : 400 gr
  • Cavolfiore bollito 500 gr
  • Olio extra vergine di oliva: 6 cucchiai
  • Acciughe: 6 filetti sottolio
  • Cipolla tritata: Due cucchiai
  • Aglio: uno intero
  • Mandorle sgusciate e tritate: Due cucchiai
  • Grana grattuggiato:50 gr

In una capiente padella fare rosolare lentamente  nell’olio di oliva  l’aglio e la cipolla, appena sono dorate, togliere l’aglio ed aggiugere due filetti di acciuga e le mandorle tritate; schiacciare bene con una paletta di legno fino a rendere  il  tutto una cremina omogenea. Aggiugere il cavolfiore già lessato in acqua leggermente salata ed amalgamare bene il tutto.

Appena la pasta è  al dente aggiungerla al condimento e fare saltare per qualche minuto per amalgamare i sapori. Aggiungere in ultino il formaggio grattuggiato:

pasta con broccoli e acciughe
pasta con broccoli e acciughe

Come evitare la depressione

In questo articolo abbiamo elencato alcune buone norme per tenere a distanza la depressione. Attenzione, perché si può cadere in uno stato depressivo in seguito a un atteggiamento scorretto di chiusura nei confronti del mondo, che si prolunga nel tempo.

1) Interessatevi agli altri.
La depressione comporta un ripiegamento egocentrico su se stessi.
Le persone depresse vivono spesso in un universo limitato a se stessi, alle loro sofferenze, e alle persone che li fanno soffrire.

Come frequentemente avviene ai soggetti predisposte alla depressione, la loro ossessione per se stessi e i loro bisogni, impedisce loro di valutare pienamente sia i bisogni degli altri, come pure l’esistenza di un mondo al di là dell’universo circoscritto della loro sofferenza.

Un antidoto a tutto questo è smettere di concentrarsi sui propri problemi.
Più allargherete i vostri orizzonti, più sarete in grado di ridimensionare le vostre disgrazie.

Interessatevi a quello che succede nel mondo,leggete i giornali e tenetevi informati.
Imparate una nuova lingua o qualcosa di nuovo.
Cercate di conoscere e di fare amicizia con i vostri vicini di casa.
Combattete la vostra tendenza all’egocentrismo, facendo del volontariato.
Dedicatevi ad una buona causa e il vostro umore migliorerà notevolmente!

2) Controllate i pensieri negativi. Continue Reading

Ricette del pane duro: Involtini di spatola.

Se trovate del pesce spatola sfilettato compratene tre striscioline  a persona e preparate questo buonissimo piatto che prevede l’utilizzo del pane raffermo. Sul principio che in cucina nulla si butta ecco una ricetta semplice e gustosa.

Per 4 persone

  • Pesce spatola a filetti:  12 striscioline  (circa  700 grammi)
  • Pane raffermo : 200 gr
  • uova  – 1 intero
  • Formaggio grattato  (Caciocavallo o Pecorino) gr  70
  • Prezzemolo tritato: due cucchiai
  • Alloro : qualche foglia
  • Cipolla rossa tritata : due cucchiai

Esecuzione:

  • Mettete il pane  raffermo tagliato a pezzettini in una ciotola e ricopritelo con un pò d’ acqua,  appena si è  ammorbidito strizzatelobene ed aggiungete l’uovo intero , 70 gr di formaggio, un cucchiaio di cipolla tritata, un cucchiaio di prezzemolo. Impastate bene con le mani e controlalte che sia giusto di sale.
  • Lavate  bene il pesce ed asciugatelo –  battetelo leggetmente e  confezionate degli involtini con il ripieno  che avete già preparato: Non  dimenticate di salare leggermente il pesce. Man mano che  arrotolate gli involtini posizionateli in una pirofila e  ricopriteli con delle cucchiaiate della farcia che avrete messo da parte. In ultimo cospargete gli involtini con i restanti prezzemolo e cipolla .  Prima di infornare aggiungete qualche foglia di alloro. Il pesce cuoce in 20- 25 minuti con il forno a 180° . Prima di sfornare :  5 minuti di grill per renderli dorati e croccanti.

Curarsi con i cibi: Il miele

Il miele è un alimento molto  importante non solo perchè  è buono ma sopratutto per le sue proprietà benefiche. Essendo  questo “nettare divino”  attinto dalle api dal polline dei fiori….  di queste piante ne conserva intatte le proprietà terapeutiche.

Per esempio:  il miele di acacia  è un utile antiinfettivo, il miele di castagno protegge il sistema circolatorio ed il miele di fiori d’arancio ha un potere rilassante……..

Recentemente si è scoperto che il miele possiede anche sostanze ormonali che favoriscono la crescita, pertanto è utilissimo per i bambini  e ragazzi nell’età evolutiva. Inoltre ha buone proprietà sedative ed ansiolitiche: Una tazza di latte con miele di  fiori d’arancio favorisce  “dolcemente” il riposo notturno.

Il miele dovrebbe esere un alimento sempre presente nelle nostra alimentazione. Come usarlo?

– Su una fetta di pane o sui biscotti.

– Sciolto nel latte o nel te, avendo cura di non metterlo  in bevande troppo calde che ne degradano le sostanze bioattive.

– Come dolcificante al posto dello zucchero, con un grande risparmio calorico dato che di miele ne occorre  circa la metà.

– Sui formaggi stagionati di cui esalta il sapore.

Un cucchiaio di miele puro allevia il mal di gola, ed usato regolarmente, dato che contiene una miriade di sostanze nutritive e curative, è  capace di dare  salute e benessere.

Ricetta dei biscotti farciti all’arancia

Biscotti all’arancia: sono dei “dolcini”  molto facili da preparare, molto gustosi ed adatti per tutti i momenti della giornata.

Dosi per 15 biscotti:

Arancia: Una grande e molto succosa
Uovo:   Uno intero
Zucchero di canna: gr 150
Farina 00: gr 200
Lievito per dolci: Un cucchiaino da te
Burro: Un cucchiaio colmo
Pistacchio tritato: Un cucchiaio
Zucchero a velo: Un cucchiaio
Buccia d’arancia candita: Poca per decorare.

Esecuzione:

In una ciotola o nel mixer, impastate  prima la farina con il burro  ed aggiungete  successivamente 130 grammi di zucchero di canna, l’uovo intero e il succo dell’arancia. In ultimo  incorporate il lievito. L’impasto deve essere morbido ma facilmente maneggiabile…. in caso aggiungere un altro pò di farina. Mentre fare riposare l’impasto per qualche minuto, con un coltellino recuperate la polpa dell’arancia ed unitela ai 20 grammi di zucchero rimasti: questa “marmellatina a freddo” servirà per farcire i biscotti.

Formate con l’impasto già pronto delle  palline di circa 3 cm di diametro,  e dopo avere creato un buco con il pollice inserire  mezzo cucchiaino della polpa di arancia zuccherata. Chiudete il foro rimodellando la pasta: poggiate i dolcetti su una teglia imburrat o ricoperta da carta forno e schiacciateli leggermete avendo cura di lasciare un pò di spazio tra di loro. Cuocete a forno caldo per 15 minuti circa a 180 °. Quando  i biscotti saranno dorati sfornateli, ed appena freddi spolverateli con lo zucchero a velo e il pistacchio tritato. Decorate con una sottile striscia di buccia d’arancia.

biscotti all'arancia

Ricetta per preparare il “salmoriglio”

Come fare un ottimo salmoriglio?

l salmoriglio è una salsina semplice ma insostituibile quando si mangia la carne o il pesce arrosto, ma qual’ è il segreto perchè sia sempre perfetta?: Le proporzioni dei vari ingredienti!

Ingredienti e dosi:

-aglio: uno spicchio intero sbucciato
-olio extra vergine di oliva: 6 cucchiai
-succo di limone: due cucchiai
-origano: mezzo cucchiaino
-prezzemolo tritato: un cucchiaio colmo
-sale: quanto basta
-pepe: se piace

Esecuzione:

In una ciotola versare l’olio extra vergine di oliva e rimescolare  con un cucchiaio di legno fino  a quando si rapprende leggermente, unire l’aglio intero ed il succo di limone sempre rimescolando  ed infine aggiungere il sale ed il pepe. Lasciare riposare un pò. Qualche minuto prima di usare la salsina come condimento su carni o pesci grigliati (ma anche su tartine ed uova sode o ancora su verdure grigliate e patate bollite….) togliete l’aglio ed  infine aggiungere il prezzemolo e l’origano.

Io il salmoriglio lo metto anche su delle semplici fette di pane  leggermente  tostato ……è buonissimo!

salmoriglio
salmoriglio

Curarsi con i cibi: Il mal di gola

Il mal di gola è un tipico male di stagione per cui è importante  la prevenzione. Evitare pertanto locali chiusi ed affollati, posti surriscaldati ed  in cui si fuma. E’ più facile prendre il mal di gola in queste condizioni poco salutari ….che esporsi al freddo andando in alta montagna.

I cibi da prediligere per evitare il mal di gola  sono tutti quelli che contengono sostanze antibiotiche e più precisamente: l’aglio, la cipolla, i porri, gli agrumi, le ciliegie, l’ananas.

Mentre vanno evitati i cibi elaborati e la cioccolata.

Una volta arrivato il mal di gola….. si può curare con dei rimedi naturali:

– Gargarismi con un infuso di timo, salvia e  calendula. In un litro d’acqua bollente versare 5 gr ammi  di foglie e fiori di ciascuna pianta e lasciare in infusione almeno 5 minuti. Filtrare e  usare come colluttorio durante la giornata.

– Cataplasma  tiepido di porri cotti e ben strizzati da mettere in mezzo ad una garza e da poggiare sulla gola per 10 minuti.

– Cataplasma di cavolo: Prendere una foglia ben lavata ed asciugata di cavolo cappuccio, stirarla con il ferro da stiro ed applicarla calda, ma non troppo,  sulla gola.

– Poggiare delle foglie di edera sulla gola e coprire con un fasciacollo: tenere anche per tutta la notte.


phpJobScheduler