Claudio Scajola, un perseguitato!

Le disavventure dell’ex ministro Claudio Scajola, gli hanno perlomeno consentito di guadagnare il record di “ex ministro”. E’ già alle seconde dimissioni: le prime le dovette rassegnare quando qualificò come “rompicoglioni” quel Marco Biagi, già vittima delle Brigate Rosse. Perdere un ministero per una semplice intemperanza verbale fu giudicato un prezzo talmente alto che dopo qualche anno di purgatorio gli fu offerta una seconda occasione e fu rinominato ministro. Una seconda occasione, infatti, non si nega mai a nessuno! Ma l’uomo dev’essere davvero sfortunato se anche in questa seconda occasione il diavolo ci ha messo la coda. Perché è successo che mentre egli firmava il contratto di acquisto di una casa a Roma in prossimità del Colosseo, qualcuno a sua insaputa consegnò al venditore alcune centinaia di migliaia di euro per il saldo dell’acquisto. Devo confessare che mi sono scandalizzato poco o nulla perché una volta una cosa del genere è avvenuta anche a me. Ero entrato in un bar per prendere un caffé e la cassiera mi disse “può andare al banco, è già pagato”. Chiesi chi fosse il benefattore, ma la cassiera mi rispose che aveva avuto la consegna di non rivelarlo. Poiché, al contrario dell’onorevole Scajola, sono un poco sospettoso insistetti per pagare il caffé, superando con fatica le resistenze della povera e imbarazzata cassiera. Ciò per dire che certe cose possono avvenire. L’onorevole Scajola poteva mai sapere che il valore dell’immobile che stava acquistando era ben superiore alla somma che lui consegnava al venditore? Penso proprio di no, visto che il piacere di cedere un proprio bene ad uomini potenti convince i venditori a dimezzare e anche più le loro pretese. Anche di questo sono certo perché alcuni anni addietro volevo acquistare una villetta per la quale mi furono chiesti 350 milioni di lire. Rinunciai perché la richiesta oltrepassava e di molto le mie possibilità. Qualche mese dopo chiaccherando con un amico, all’epoca titolare di una importante carica politica, questi mi confidò che aveva acquistato una villetta, meno villetta e più villa di quella alla quale io avevo rinunciato, pagandola 150 milioni. Non nascose che si era tattato di una vera occasione, una di quelle occasioni che a me ed a tanti altri come me purtroppo non capitano mai.

Post correlati a Claudio Scajola, un perseguitato!

Cos'è l'onestà? Definizione di onestà in frasi di autori famosi

L'onestà è una parola di gran moda. Dal latino honestas, onestà indica la qualità umana di agire e comunicare in maniera sincera, leale e traspare..

Gli occhi lucidi di Claudio Scajola

Nella intervista rilasciata dopo essersi allontanato dalla riunione a Palazzo Grazioli nella quale il Pdl, segretamente, ma democraticamente eleggeva ..

Anche Tremonti si rotola nel fango

Nell'intervento per chiudere la campagna della Moratti il ministro dell'economia Giulio Tremonti ha testualmente affermato che "se dovesse vincere Pis..

Il micione e i topolini

Tanto tuonò che piovve. Anzi è stato un vero e proprio diluvio che ha gettato lo sompiglio nel Pdl. In una Conferenza stampa con i giornalisti ester..

Il ritorno della vergine Scajola

[caption id="attachment_47906" align="alignleft" width="150" caption="Claudio Scajola"][/caption]"Qui il migliore ha la rogna" si suole dire per rifer..

2 Comments

  • fabio

    13 giugno 2010

    Chiedo se si può denunciare alla giustizia Berluscuni per vilipendio della costituzione e del capo dello stato?Ci son molti elementi per farlo che molti italiani conoscono.Mi piacerebbe avere una risposta da qualche persona illuminata! Penso che se questo avvenisse,per questo reato finirebbe subito in galera senza aspettare i suoi processi.

  • elgallito

    13 giugno 2010

    Denunciare si può di certo, ma con poche possibilità di vederlo condannare considerati i precedenti di Bossi e altri leghisti.

Lascia un Commento


phpJobScheduler