Cos’è il perdono?

Non c’è una definizione esatta del “perdono”. Comunemente si pensa che sia la ferma decisione di allontanare il risentimento ed i pensieri di vendetta. Perdonare qualcuno però non significa che stiamo dimenticando o condonando quello che è successo: Infatti si può  perdonare la persona senza però scusare l’atto che ci ha offeso. Il perdono  fa bene all’anima ma anche  al corpo,  poichè riducendo lo stress  ci evita disturbi invalidanti come pressione alta,  ritmo cardiaco alterato, depressione, dolori cronici…….Quando tratteniamo  i rancori, il risentimento ci impedisce di perdonare!  Ma quando potremo essere pronti a perdonare? E’ un processo individuale!  Infatti il perdono è un grande impegno per un processo di cambiamento e può richiedere tempo e riflessione. Perdonare può essere una gran bella sfida con se stessi.  Avremo sicuramente perdonato  quando l’offesa non sarà più al centro dei nostri pensieri o sentimenti. Quando la nostra ostilità, il risentimento e  l’ infelicità hanno fatto   posto a compassione,  gentilezza e pace. Dobbiamo  considerare il perdono  come un modo per cambiare la nostra vita ,  portando a noi stessi più pace,  felicità e benessere emozionale e spirituale.

Ecco alcuni sinonimi di “perdono”: assoluzione, comprensione, condono, grazia, indulgenza, remissione, risparmio, ………

Alcuni esperti asseriscono che perdonare è  solamente una grande ipocrisia,  perchè “concedere il perdono”  nascerebbe solamente dalla necessità di continuare a vivere serenamente,  e pertando si tratterebbe semplicemente di una rimozione  ragionata  del problema che ci  ha danneggiato od offeso,  ma che nel subconscio continua ad operare subdolamente. Poichè il perdono, per questa teoria, è solo una condizione di pax mentale…… come si può tornare a vivere veramente bene  dopo un torto subito?

Riflettendo bene! Per riuscire a perdonare,  bisogna  innazitutto assolvere se stessi per essere stati incapaci di evitare quel torto che tanto ci fa star male. Infatti solo accetando le nostre fragilità  possimo rimuovere  quel senso di sconfitta e rabbia che subentra dopo un torto subito e che ci fa provare delle sensazioni dolorose e di  grande inquetudine. I torti subìti sono anche questi  “prove della vita”  da cui possiamo imparare qualche cosa di buono.  Infatti sarà difficile dimenticare veramente e perdonare completamente, come ci invita a fare il cristianesimo, quando l’offesa ci ha arrecato danni molto pesanti!

Il poeta Gibran,  fa dire al suo” Profeta” : Potessi io essere il pacificatore dell’anima vostra, che converte rivalità e discordia in unione e armonia!  Ma come potrò….  se non sarete voi stessi i pacificatori,  anzi gli amanti di ogni vostro elemento ? 

Post correlati a Cos'è il perdono?

Superstizioni : non è vero ma ci credo!

Non tutti ammettono di essere superstiziosi.......ma in fondo tutti un pò lo siamo . In effetti  la superstizione è la manifastazione di un aspetto..

San Giuseppe : La festa del papà

San Giuseppe, padre putativo di Gesù bambino, si festeggia il 19 marzo e con lui si  festeggiano tutti i papà......Tutti abbiamo o abbiamo avuto un..

Curarsi con i cibi: Il miele

Il miele è un alimento molto  importante non solo perchè  è buono ma sopratutto per le sue proprietà benefiche. Essendo  questo "nettare divino..

Curarsi con i cibi: La cistite

La cistite è un disturbo molto frequente  e fastidioso che interessa la vescica e spesso quasi tutto l'albero urinario. Si presenta con la necessit..

Curarsi con i cibi: Il colesterolo

Il colesterolo è un lipide normalmente presente nel nostro sangue. Però l'eccesso di colesterolo (quello cattivo, ovvero l' HDL) è  da tenere  s..

Lascia un Commento


phpJobScheduler