Frasi sui viaggi

Il bello è dentro di noi

Diceva Socrate: Perché ti meravigli tanto se viaggiando ti sei annoiato? Portandoti dietro te stesso hai finito col viaggiare proprio con quell’individuo dal quale volevi fuggire.

La fuga per allontanarci dai nostri problemi. Quante volte l’abbiamo pensato senza renderci conto che è assolutamente inutile.

In modi diversi ve ne proponiamo altre formulazioni.

  • Anche se giriamo il mondo in cerca di ciò che è bello, o lo portiamo già in noi, o non lo troveremo. Ralph Waldo Emerson
  • I viaggi sono i viaggiatori. Fernando Pessoa
  • Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina. Sant’Agostino
  • Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi. Marcel Proust

E infine la poesia “L’occhio di Dio” di Victor Hugo, che racconta di Caino che vuole fuggire dallo sguardo di Dio che non riesce a evitare neppure dopo la sepoltura.

Quando Caino scarmigliato
in mezzo alla bufera
livido, coi suoi figlioli
involti di ferine pelli
fuggì dinanzi da Geova
calava la sera.

Il bieco pellegrino
giunse alle falde di un monte
in un gran piano.

La sua consorte stracca
e i suoi figlioli ansimanti gli dissero
“Posiamo sulla terra e dormiamo”

Il fratricida non potendo dormire
meditava ai pié del monte:
e quando alzò la testa
nel più profondo del funereo cielo
vide un occhio spalancato e grande
che nel silenzio lo mirava fisso.

“Sono troppo vicino”
disse allora con un brivido.
E in fretta ridestati i figlioli dormienti
e la compagna stanca riprese a fuggire
sinistro verso l’ignoto.

Errò per trenta giorni, errò per trenta notti.
Andava muto, pallido, sussultando a ogni brusio
furtivo, senza mai guardarsi addietro
senza riposo, né tregua, nè sonno.

Giunse ai lidi del mare
in quel paese che poi fu Assur.
“Sostiamo – disse – questo è un asilo sicuro.
Omai toccammo i termini del mondo, ora sostiamo”.
Ma come fece per sedere ei vide l’occhio
allo stesso punto nel ciel cupo
e in fondo all’immutabile orizzonte
e trasalì di nero raccapriccio.
“Nascondetemi” urlò, mentre i nepoti
si mettevano un dito sulla bocca
tremar vedendo l’avolo feroce.

A Giabel, padre di color che vanno
sotto tende di pelo nel deserto, disse Caino:
“Spiega la tua tela da questa parte”.
Il fluttuante muro fu svolto e quando
fu fissato al suolo con masselli di piombo
“Ora vedete più nulla?” chiese Tzilla
la figliola dei suoi figlioli,
la bambina bionda più dolce dell’aurora.
E a lei Caino: “Vedo quell’occhio sempre”.

Allora Giuba, padre di quelli
che entrano nei boschi
suonando trombe e battendo tamburi disse:
“Saprò ben io trovare il modo”.
Alzò un muro di bronzo
e dietro a quello trasse Caino.
E quei “L’occhio mi guarda sempre”.

Allora Tubalkain, padre dei fabbri,
costrusse una città smisurata e sovrumana.
Intanto i suoi fratelli davano la caccia
ai figlioli di Enoc e di Set per il pianoro.
E a chi passava crepavano gli occhi e
nell’azzurra sera lanciavan dardi alle virginee stelle.
La tela delle tende diede luogo al granito
i cui massi eran fasciati con catene di ferro.
Essa pareva una città d’inferno
e la grande ombra delle torri oscurava le campagne.
E sulla porta incisero: Vietato l’ingresso a Dio.
Quand’ebbero alla fine chiuso e murato
tutto in una torre di pietra, al centro,
fu serrato l’avo. Egli rimase lugubre e stravolto.
” O padre mio, l’occhio è scomparso?”
chiese tremante Izilla.
“No lo vedo sempre” risponde a lei Caino.
E poi soggiunge “Voglio star sottoterra
come un uomo solo nel suo sepolcro.
Nessuno mai non mi vedrà, nè io vedrò più alcuno”.

Fu scavata una fossa e il fratricida disse: “Va bene”.
Lui solo discese in quella volta senza fine oscura;
ma quando si sedè sulla sua scranna
e sul suo capo chiusero la tomba
l’occhio era dentro e fisso su Caino.


Cerca tra migliaia di frasi

Post correlati a Frasi sui viaggi

L’idea di amore secondo Bertrand Russel

Quando Bertrand Russel scrive Temere l'amore è temere la vita, e chi teme la vita è già morto per tre quarti, egli di certo non pensa al sentimento..

Frasi sull’entusiasmo da Metastasio ad Einstein

Basta non creare gerarchie E' sufficiente che a ciascuna azione che dobbiamo compiere attribuiamo l'importanza che le è dovuta nel contesto in cui e..

Il destino in frasi di poeti e filosofi francesi

Il destino non esiste, ci sono solo scelte da fare. Vero fino a un certo punto Sostenere che ogni caso che ci avviene dipende dal destino è troppo. ..

Il pericolo raccontato con ironia

Prendiamola a ridere E' ben noto che l'ironia non sminuisce la profondità del pensiero che si vuole comunicare. Il poeta latino Orazio scriveva "Cas..

Frasi umoristiche sul lavoro di Brecht, Hugo, Russel e altri

Ridiamoci su! Il lavoro è estasi e dannazione. Quando manca lo si vorrebbe, quando si ha ci si lamenta. Questa doppia predisposizione così come ..

Lascia un Commento


phpJobScheduler