Frasi

Aristofane

Frasi di Aristofane

Aristofane (450 a.C. circa – 385 a.C. circa) è stato un commediografo greco antico, uno dei principali esponenti della Commedia antica insieme a Cratino ed Eupoli, e l’unico di cui ci siano pervenute alcune opere complete.  Gli Acarnesi ottenne il primo posto alle Lenee del 425 a.C.,  I cavalieri del 424 a.C. Le nuvole del 423 a.C. , Le vespe del 422 a.C., La pace del 421 a.C., Gli uccelli del 414 a.C. , Le donne alle Tesmoforie (Tesmoforiazuse) del 411 a.C. , Lisistrata del 411 a.C. , Le rane del 405 a.C., Le donne al parlamento (Ecclesiazuse) del 391 a.C., ***** del 388 a.C.

Aristofane, attraverso la sua opera, portò in scena la vita sociale e politica di Atene, assestandosi spesso su posizioni chiare nei confronti delle vicende della sua epoca. Assunse una posizione pacifista, in una grecia dove le polis erano costantemente in lite tra loro,  e portò più volte in scena le donne, mostrandosi molto attento a rispettoso del loro ruolo nella società. Secondo Aristofane le donne sono più sagge degli uomini, nel decidere i destini della polis. Ad esempio, in Lisistrata, le donne greche di diverse città si mettono d’accordo per convincere i loro uomini a cessare le ostilità, con un metodo molto efficace: lo sciopero del sesso.

Per informazioni sulla vita e le opere di Aristofane, clicca qui.

In questo post una raccolta di frasi di Aristofane.

read more

Frasi "cattive" sulle donne

Non c’è nulla al mondo peggio delle donne impudiche, tranne forse le donne. Aristofane

La donna per l’uomo è uno scopo, l’uomo per la donna è un mezzo. Alphonse Karr

Le donne si lasciano convincere da colui che ragiona, non dai suoi ragionamenti. Alphonse Karr

L’unica cosa che interessa alle donne della testa di un uomo sono i capelli. Enrique Jardiel Poncela

Per andare d’accordo con una donna il segreto è uno solo: riconoscere di avere sempre torto. Achille Campanile

Una donna che ha un amante è un angelo, una donna che ha due amanti è un mostro, una donna che ha tre amanti è una donna. Victor Hugo

read more

Frasi e aforismi sull'ozio da Aristofane a Wilde

L’ozio come aspirazione

E’ impossibile godere appieno dell’ozio se non si ha un sacco di lavoro da fare. Il solito paradosso della incontentabilità dell’uomo.

Chi ambisce all’ozio, in effetti nella maggior parte dei casi, vorrebbe fare altro da ciò che è costretto a fare.

Per l’uomo intelligente, e l’uomo è intelligente, non esiste il desiderio di non fare nulla, ma piuttosto quello di fare altro.

  • Chiunque è un uomo libero non può starsene a dormire. Aristofane
  • La felicità rende l’uomo pigro. Tacito
  • Il racconto è il romanzo di un pigro. Antonio Tabucchi
  • Nessuno ha mai commesso un errore più grande di colui che non ha fatto niente perché poteva fare troppo poco. Edmund Burke
  • Nulla fa chi troppe cose pensa. Torquato Tasso
  • L’ozio rende lente le ore e veloci gli anni. Cesare Pavese
  • Una buona cura per il mal di mare è stare seduti sotto un albero. Spike Milligan
  • Nulla è impossibile per colui che non deve farlo. Arthur Bloch
  • Il lavoro è il rifugio di coloro che non hanno nulla di meglio da fare. Oscar Wilde
read more

Frasi sui nemici di scrittori e filosofi dell'antichità

Non hai nemici? Createli!

Gli italiani abbiamo la necessità di avere nemici. Lo tocchiamo con mano osservando il dibattito politico, dove da un giorno all’altro un nemico può diventare amico e il giorno dopo tornare di nuovo nemico.

Come si può definire un nemico?

Nemico è colui che fa del male ad un’altro deliberatamente senza trarne vantaggio per se.

Nemico è colui che prova piacere delle disgrazie degli altri anche se a lui non torna niente.

  • L’uomo saggio impara molte cose dai suoi nemici. Aristofane
  • Neppure Apollo sta sempre con l’arco teso. Orazio Flacco
  • L’uomo è il peggior nemico di sé stesso. Cicerone
  • Chiunque può arrabbiarsi, questo è facile; ma arrabbiarsi con la persona giusta, e nel grado giusto, ed al momento giusto, e per lo scopo giusto, e nel modo giusto: questo non è nelle possibilità di chiunque e non è facile. Aristotele
read more

La libertà secondo poeti e filosofi dell'età classica

Liberarsi dai bisogni materiali

Quando gli interessi dello spirito prevalgono su quelli materiali, in quel momento l’uomo conquista la libertà, diventa il solo padrone di sè stesso.

  • Sarà sempre uno schiavo chi non sa vivere con poco. Orazio Flacco
  • Chi dice ciò che vuole deve aspettarsi in risposta ciò che non vuole. Euripide
  • Chiunque è un uomo libero non può starsene a dormire. Aristofane
  • La libertà consiste nell’essere padrone della propria vita e nel fare poco conto delle ricchezze. Platone
  • La libertà è l’affrancamento dalle passioni. Seneca
  • La libertà è la base di uno stato democratico. Aristotele
  • Vuoi ottenere la vera libertà? Renditi schiavo della filosofia. Seneca
  • La purezza nella vita è la libertà dal peccato. Orazio Flacco
read more

Gli animali visti dagli uomini in frasi celebri di Mark Twain e altri

Meglio gli uomini o gli animali?

Le opinioni sono quanto mai discordi e non ci azzardiamo a manifestare la nostra. Lasciamo la parola ai “grandi” che sanno esprimere le loro sensazioni con poche parole e in modo penetrante ed efficace. Sul tema specifico ne abbiamo trovate un buon numero e ve le proponiamo. Si parte da Aristofane per finire a Woody Allen e vedrete voi stessi quali differenze.

  • Non puoi insegnare al granchio a camminare diritto. Aristofane
  • Mi piacciono i maiali. I cani ci guardano dal basso. I gatti ci guardano dall’alto. I maiali ci trattano da loro pari. Winston Churchill
  • Non importa se un gatto è bianco o nero, finché cattura i topi. Deng Xiaoping
  • Il leone e il vitello giaceranno insieme. Ma il vitello dormirà ben poco. Woody Allen
  • Una volta nel gregge è inutile che abbai: scodinzola! Anton Cechov
  • Se prendi un cane che muore di fame e lo ingrassi, non ti morderà. E’ questa la differenza principale tra un cane e un uomo. Mark Twain
  • Due cose mi hanno sempre sorpreso: l’intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini. Tristan Bernard
  • Quando gioco col mio gatto, chissà se sono io che mi sto divertendo con lui, o lui con me. Michel Eyquem de Montaigne
  • Un animale può essere feroce e anche astuto, ma per mentire bene non c’è che l’uomo.
  • Herbert George Wells
  • L’uomo è l’unico animale che arrossisce, ma è l’unico ad averne bisogno. Mark Twain
  • Grandezza e progresso morale di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali. Gandhi
read more

Il "bene" secondo Socrate e altri poeti e filosofi dell'antichità

Alla perenne ricerca del bene

Il bene e il male sono valori assoluti? L’essere umano cerca e vuole il bene? E’ una domanda antica e irrisolta. Socrate ed altri filosofi e poeti dell’antica Grecia e Roma si esprimevano così.

  • Nulla può far danno a un uomo buono, né in vita né dopo la morte. Socrate
  • C’è un solo bene: il sapere. E un solo male: l’ignoranza. Socrate
  • Nessuno, vedendo il male, lo preferisce, ma ne rimane ingannato, parendogli un bene rispetto al male peggiore. Epicuro
  • E’ bene, nella vita come ad un banchetto, non alzarsi né assetati né ubriachi. Aristotele
  • E’ tutt’altro che facile determinare se la natura si è dimostrata per l’uomo una tenera madre o una spietata matrigna. Plinio il Vecchio
  • Chi vi vuole bene, vi fa paura. Aristofane
  • Amare significa volere per una persona le cose che si ritengono buone, a motivo di lei e non per sé stessi, ed essere pronti a compiere queste cose, secondo le proprie possibilità. Aristotele
  • A ragione definirono il bene: ciò a cui ogni cosa tende. Aristotele
  • In realtà non c’è nessun male che non abbia qualcosa di buono. Plinio il Vecchio
  • Nessuno deve pensare che, nel corso della vita, tutto debba sempre andargli bene, perché la sorte è volubile e dopo un lungo periodo di sereno è inevitabile che venga il brutto tempo. Esopo
  • Vedo ciò che è meglio e lo lodo, ma faccio ciò che è peggio. Ovidio
read more

La saggezza in frasi di autori celebri dell'antica Grecia

Chi è il saggio?

La saggezza è conoscere la natura umana e comportarsi di conseguenza. E’ abbastanza accettato che la saggezza si associa all’esperienza e che perciò la ritroviamo in primo luogo è più abbondante tra le persone più anziane. Non per nulla il saggio è ritratto con la barba lunga e bianca. Questa rassegna di frasi e di pensieri sul saggio e sulla saggezza attribuiti a uomini dell’antica Grecia, mostrano come il concetto di saggezza si è mantenuto sostanzialmente immutato nel corso dei secoli a riprova che i tempi modificano gli agi, le abitudini alimentari ed i modi di vestirsi, ma hanno inciso poco sul comportamento dell’essere umano. Il confronto con pensieri di autori più recenti ne sono una riprova inconfutabile.

  • C’è un solo bene: il sapere. E un solo male: l’ignoranza. Socrate
  • Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un’esistenza felice, la più grande è l’amicizia. Epicuro
  • Parla da saggio ad un ignorante ed egli dirà che hai poco senno. Euripide
  • Tutti gli uomini per natura tendono al sapere. Aristotele
  • L’uomo saggio impara molte cose dai suoi nemici. Aristofane
  • Molte parole non sono mai indizio di molta sapienza. Talète
  • Il vero sapiente è colui che sa di non sapere. Socrate
  • Chi legge sa molto; chi osserva sa molto di più. Aristotele
  • Prima condizione della felicità è l’essere saggi. Sofocle
  • Il pensiero successivo è immancabilmente più saggio. Euripide
  • L’inferno, inutile ai savi, è necessario all’insensata plebe. Polibio
read more
Pagina » 1


Cerca tra altri post


phpJobScheduler