Frasi

dolore

Frasi sul dolore

Cos’è il dolore? E’ causa di sofferenza e di disagio fisico e psichico ed è un compagno indesiderato nella nostra vita.

Eliminare il dolore dalla nostra vita è impossibile. Si può contenere, renderlo sopportabile, e sicuramente sublimarlo in attività creative che ci conducano verso un percorso di miglioramento personale e raggiungimento di una maggiore consapevolezza di noi stessi.

Esistono vari tipi di dolore. La causa delle peggiori sofferenze di natura psichica è dentro noi stessi. Spesso è difficile liberarsene perché in fondo all’animo siamo noi stessi a non volercene liberare.

In questo post ecco una piccola raccolta di fasi sul dolore di autori famosi.

read more

Frasi d'amore e di dolore di Pablo Neruda

La tristezza dell’esule

L’impegno politico di Neruda che lo vide schierato sempre dalla parte dei più deboli e lo portò più ad assumere posizioni di opposizione ai regimi cileni lo costrinse più di una volta all’esilio.

La sua scelta politica si radicalizzò quando il dittatore spagnolo Francisco Franco fece uccidere il poeta Federico Garcia Lorca di cui era diventato grande amico durante un viaggio in Spagna.

La sua poesia trasuda si questi sentimenti di egualitarismo che ritiene un diritto inalienabile di ogni uomo e trasmette la malinconia e la nostalgia di chi è lontano dalla patria non proprio volere.

Per questo sei la sete e ciò che deve saziarla.

Io andavo lungo il sentiero… tu venivi… il mio amore cadde tra le tue braccia… il tuo amore tremò nelle mie.

Mentre il vento triste galoppa uccidendo farfalle, io ti amo e la mia gioia morde la tua bocca di susina.

Due amanti felici non hanno fine ne morte, nascono e muoiono più volte vivendo, hanno l’eternità della natura.

Farfalla da sogno, par quasi che i tuoi occhi siano volati via… ed è come se un bacio ti chiudesse la bocca.

E da allora sono perché tu sei e da allora sei, sono e siamo e per amore sarò, sarai, saremo.

Non assomigli più a nessuna da quando ti amo.

read more

Frasi e aforismi sul "successo" di poeti e filosofi famosi

Tra i significati più controversi

Le definizioni che troviamo di questa parola portano più alle condizioni per raggiungere il successo che alla precisazione della sua essenza.

Leonardo lo considera una conseguenza naturale di un comportamento virtuoso dicendo implicitamente che il successo non va cercato, ma deve venire da solo. Egli aveva chiaro che la ricerca del successo può generare azioni ignobili che rifiutate dalla sua morale.

Leggendo quanto scritto da altri uomini che hanno lasciato una forte impronta nella letteratura e nella filosofia, rileviamo lo stesso concetto.

  • Chi semina virtù fama raccoglie. Leonardo da Vinci
  • Chiunque può simpatizzare col dolore di un amico, ma solo un animo nobile riesce a simpatizzare col successo di un amico. Oscar Wilde
  • Chi ha pazienza può ottenere ciò che vuole. Benjamin Franklin
  • Avere ragione è una ragione in più per non aver alcun successo. Friedrich Nietzsche
  • Le avversità possono essere delle formidabili occasioni. Thomas Mann
  • Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare. Friedrich Nietzsche
  • Nessun vincitore crede al caso. Friedrich Nietzsche
  • Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità. Pablo Neruda
  • Niente di grande è stato fatto al mondo senza il contributo della passione. Georg Hegel
  • Il significato di un uomo non va ricercato in ciò che egli raggiunge, ma in ciò che vorrebbe raggiungere. Kahlil Gibran
  • Bisogna sempre giocare lealmente, quando si hanno in mano le carte vincenti. Oscar Wilde
read more

Frasi e aforismi sulla "lontananza" da Euripide in poi

Lontano dagli occhi lontano dal cuore?

Secondo un proverbio africano “Il cammino attraverso la foresta non è lungo se si ama la persona che si va a trovare”.

La parola lontananza tanto nel suo significato di distanza fisica come nel significato di distanza spirituale includerebbe la caratteristica di relatività.

Alcuni tra i seguenti aforismi sulla lontananza ne sono una conferma.

  • Non c’è dolore più grande della perdita della terra natia. Euripide
  • La lontananza rimpicciolisce gli oggetti all’occhio, li ingrandisce al pensiero. Arthur Schopenhauer
  • Ogni separazione ci fa pregustare la morte; ogni riunione ci fa pregustare la risurrezione. Arthur Schopenhauer
  • Come arrivano lontano i raggi di una piccola candela, così splende una buona azione in un mondo malvagio. William Shakespeare
  • Il riso è la distanza più corta tra due persone. Anonimo
  • Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare. Friedrich Nietzsche
  • Ci sono delle attrattive che possono essere ammirate solo da lontano. Samuel Johnson
  • L’amore è cieco, ma sa vedere da lontano. Proverbio Russo
  • Così noi viviamo, per sempre prendendo congedo. Rainer Maria Rilke
  • Se vi separate dall’amico, non addoloratevi, perché la sua assenza vi illuminerà su ciò che in lui amate. Kahlil Gibran
  • Più lontani si va e meno si apprende e ci si avvicina alla verità. Per questo l’uomo saggio non cammina e arriva. Lao Tzu
  • Una distanza materiale non potrà mai separarci davvero dagli amici. Se anche solo desideri essere accanto a qualcuno che ami, ci sei già. Richard Bach
read more

I segreti d'amore in frasi e aforismi famosi

Ti confido un segreto

Far conoscere anche ad una persona sola eppure fidata qualcosa che si vuole rimanga riservata è il più grosso degli azzardi. In genere questa confidenza, sempre con la raccomandazione di mantenerla assolutmente riservata, finisce con il fare il giro del mondo. In effetti può verificarsi il caso che a qualcuno la confidenza non arrivi mai. Il caso tipico è quello del coniuge tradito il quale sarà l’unico a non sapere quando tutti gli altri sanno. Il segreto può inerire le più svariate materie. Se ci tenete davvero non confidatelo neppure a voi stessi.

  • Amore e tosse non si possono nascondere. Ovidio
  • L’intima natura delle cose ama nascondersi. Eraclito
  • E’ sincero il dolore di chi piange in segreto. Marziale
  • La verità è un segreto che il morente porta con sé. Sören Kierkegaard
  • Le belle azioni nascoste sono le più stimabili. Blaise Pascal
  • Il segreto dell’esistenza umana non sta soltanto nel vivere, ma anche nel sapere per che cosa si vive. Fëdor Dostoevskij
  • Se riveli al vento i tuoi segreti, non devi poi rimproverare al vento di rivelarli agli alberi. Kahlil Gibran
  • La cosa più bella che possiamo sperimentare è il mistero; è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza. Albert Einstein
  • Tutto è ignoto: un enigma, un inesplicabile mistero. Dubbio, incertezza, sospensione di giudizio appaiono l’unico risultato della nostra più accurata indagine. David Hume
  • Dar molto, dar moltissimo, ma non dar mai tutto; ecco per la donna il più prezioso segreto per essere lungamente amata. Paolo Mantegazza
read more

Il dolore scolpito in proverbi e frasi celebri di filosofi e poeti dell'età classica

Il dolore può uccidere

C’è quello del corpo e c’è quello dell’animo.

Esso è da sempre una sensazione e un sentimento che l’uomo ha provato e tentato di comunicare per essere compreso dai suoi simili.

I proverbi riassumono in modo esemplare le percezioni collettive. I filosofi e poeti dell’età classica ne danno una definizione più diretta e meno aforistica dei loro colleghi che sono vissuti centinaia o addirittura migliaia d’anni dopo.

Eccone degli esempi.

  • Non siate ingordi di avventure se non sapete affrontare le sventure. 
Proverbio Cinese
  • Chi si marita per amore, di notte ha piacere, di giorno ha dolore. Proverbio italiano
  • L’amore comincia con balli e canti e finisce con pene e pianti. 
Proverbio Popolare
  • I più grandi dolori sono quelli di cui noi stessi siamo la causa. 
Sofocle
  • L’amore ha più fiele che miele. 
Ovidio
  • E’ sincero il dolore di chi piange in segreto.
 Marziale
  • Non c’è dolore più grande della perdita della terra natia. 
Euripide
  • Né la ricchezza più grande, né l’ammirazione delle folle, né altra cosa che dipenda da cause indefinite sono in grado di sciogliere il turbamento dell’animo e di procurare vera gioia. 
Epicuro
  • Una parola ci libera di tutto il peso e il dolore della vita: quella parola è amore. 
Sofocle
  • E’ proprio vero che la maggior parte dei mali che capitano all’uomo sono cagionati dall’uomo. 
Plinio il Vecchio
  • In realtà, quei tormenti che si attribuiscono al più oscuro inferno, sono tutti qui nella vita. 
Lucrezio
read more

Ovidio e l'amore

Ovidio e l’amore

Ovidio nasce a Sulmona nel 43 a.c. Si sposa per tre volte: ma se, nei primi due casi, divorzia presto, il terzo è invece il più significativo. Delle prime due mogli non si sa nulla, tranne che da una di loro nasce Perilla, a sua volta scrittrice colta. Il terzo matrimonio avviene con Fabia, fedele consorte nella gioia e nel dolore, della quale il poeta, nelle sue opere, conserva un ricordo commosso.

Gli affetti familiari non impediscono però che Ovidio si dedichi alla vita romana del tempo, mondana e salottiera. Lo scrittore ne diventa uno dei protagonisti, oltre che il “poeta ufficiale”; comincia a scrivere le sue prime opere giovanili e, soltanto ventenne, il suo nome è già celebrato negli ambienti della mondanità. Ad aiutare il poeta contribuiscono la sua sensibilità, lo spirito aperto e la signorilità, che facilitano la sua presenza negli ambienti salottieri. E’ autore dell’opera Ars amatoria l’Arte di amare, considerata, fino a qualche anno addietro un’opera porno e quindi introvabile nelle librerie. In questa opera si leggono queste sue frasi sull’amore.

  • Amore e tosse non si possono nascondere.
  • E mi stupisco se non è questo, quello che si chiama Amore.
  • Quando il cuore è colmo d’ogni gioia e non lo stringe dolore alcuno, s’apre per se solo: Venere in lui s’insinua dolcemente.
  • L’amore è cosa piena di ansioso timore.
  • Se togli la lotta, l’amore non dura.
  • Un amante crede tutto quello che teme.
  • Se vuoi essere amato, sii amabile.
  • Non posso vivere sia con te che senza di te.
  • Che una bella donna conceda o neghi i suoi favori, le piace sempre che le vengano chiesti.
  • Nell’amore non bisogna mai affrettare il piacere.

Per altre frasi di autori celebri Clicca qui

read more

Frasi sull'uomo di Albert Camus

Frasi sull’uomo di Albert Camus

Albert Camus, romanziere, filosofo e drammaturgo francese, nasce a Mondovì il 7 novembre 1913 e muore a Villeblevin il 4 gennaio 1960.

Il suo lavoro è teso allo studio dei turbamenti dell’animo umano di fronte all’esistenza. La ricerca di un profondo e autentico legame fra gli esseri umani è reso impossibile dall assurdo che incombe sull’esistenza umana. La ricerca del legame inter-umano che continuamente sfugge è simile allo sforzo immane che Sisifo compie per tornare sempre allo stesso punto. Il legame umano pare infine essere non altro che il rendersi consapevoli dell’assurdo e del cercare di superarlo nella solidarietà. Ecco alcuni frasi prese dalle sue opere.

  • La grandezza dell’uomo è nella decisione di essere più forte della sua condizione.
  • Non voglio essere un genio: ho già problemi a sufficienza cercando di essere solo un uomo.
  • Una sola frase basterà a descrivere l’uomo moderno: egli fornicava e leggeva i giornali.
  • Ahimè, dopo una certa età ognuno è responsabile della sua faccia.
  • Una sola cosa è più tragica del dolore: la vita di un uomo felice.
  • Creare è dare una forma al proprio destino.
  • L’uomo non è del tutto colpevole, poiché non ha cominciato la storia; né del tutto innocente, poiché la continua.
  • Per essere felici non ci si deve occupare troppo del prossimo.
  • Gli esseri umani si dividono in 3 categorie: quelli che preferiscono non avere niente da nascondere piuttosto che essere obbligati a mentire, quelli che preferiscono mentire che non aver niente da nascondere e quelli che amano sia mentire sia nascondere.
  • Un impiegatuccio in un ufficio postale è pari a un conquistatore se la consapevolezza è comune ad entrambi.
  • Invece di uccidere e morire per diventare quello che non siamo, dovremo vivere e lasciare vivere per creare quello che realmente siamo.
read more

Desiderio e piacere secondo Platone

Desiderio e piacere secondo Platone

La ricerca della verità che anima il pensiero del grande filosofo greco si imbatte nella necessità di definire i sentimenti umani. Tra questi cos’è il desiderio? Cos’è il piacere? Le frasi che seguono ne forniscono, in forma di metafora, il significato che vi attribuisce il filosofo.

  • Da tempo dunque è connaturato negli uomini l’amore degli uni per gli altri che si fa conciliatore dell’antica natura e che tenta di fare un essere solo da due e di curare la natura umana.
  • Se ad essi proprio nel momento in cui giacciono insieme si accostasse Efesto con i propri strumenti e domandasse “Cos’è dunque, uomini, che volete che vi succeda l’un l’altro?” e, trovandosi essi in difficoltà, chiedesse ancora: “Forse agognate questo, di congiungervi indissolubilmente l’uno con l’altro in una sola cosa, così da non lasciarvi tra di voi nè di giorno nè di notte? Perchè se bramate questo, sono pronto a fondervi insieme e a comporvi in una sola natura fino al punto che da due diventiate uno solo”.
  • Dopo che la natura umana fu divisa in due parti, ogni metà per desiderio dell’altra tentava di entrare in congiunzione e cingendosi con le braccia e stringendosi l’un l’altra, se ne morivano di fame e di torpore per non voler far nulla l’una separatamente dall’altra.
  • Abbietto è l’amante volgare innamorato più del corpo che dell’anima: non è un individuo che resti saldo, come salda non è nemmeno la cosa che egli ama. Infatti quando svanisce il fiore della bellezza del corpo del quale era preso “si ritira a volo” ad onta dei molti discorsi e delle promesse. Chi invece si è innamorato dello spirito quando è nobile resta costante per tutta la vita perchè si è attaccato a una cosa che resta ben salda.
  • Che cosa strana sembra essere questa che dagli uomini viene chiamata piacere; e come sorprendentemente essa, per sua natura, si trova con quello che sembra il suo contrario: il dolore. Ed essi tutti e due insieme non vogliono coesistere nell’uomo, ma se poi qualcuno insegue l’uno di questi e l’afferra, egli, in un certo modo, è obbligato a prendere anche l’altro, come fossero attaccati ad un sol apice, pur essendo due.

Per frasi e aforismi dello stesso autore su temi vari Clicca qui

read more

Frasi d'amore e sull'amore di Dostoevskij

Frasi d’amore e sull’amore di Dostoevskij

“Da un essere umano, che cosa ci si può attendere? Lo si colmi di tutti i beni del mondo, lo si sprofondi fino alla radice dei capelli nella felicità, e anche oltre, fin sopra la testa, sì che alla superficie della felicità non salga che qualche bollicina, come sul pelo dell’acqua – gli si diano la tranquillità e di che vivere, al segno che non gli rimanga proprio nient’altro da fare se non dormire, divorare pasticcini e pensare alla sopravvivenza dell’umanità; ebbene, in questo stesso istante, proprio lo stesso essere umano che avete reso felice, da quel bel tipo che è, e unicamente per ingratitudine, e per insultare, vi giocherà un brutto tiro. Egli metterà in gioco persino i pasticcini, e si augurerà la più nociva assurdità, la più dispendiosa sciocchezza, soltanto per aggiungere a questa positiva razionalità un proprio funesto e capriccioso elemento. Egli vorrà conservare le sue stravaganti idee, la sua banale stupidità….”

Figura quanto mai controversa, scrittore e filosofo dell’800 russo, è considerato uno dei più grandi romanzieri di tutti i tempi.

Alcune frasi e aforismi dello scrittore russo.

  • L’amore! Ma l’amore è tutto, è un diamante, è il tesoro di una fanciulla! Per meritare questo amore c’è chi è pronto a buttar via l’anima, ad affrontare la morte.
  • Il segreto di una vita riuscita è impegnarsi ad agire per ciò che ami e amare ciò per cui ti impegni.
  • L’uomo preferisce sempre ricordare il proprio dolore piuttosto che la felicità.
  • Per un dolore vero, autentico, anche gli imbecilli sono diventati qualche volta intelligenti.
  • Soffrire e piangere significa vivere.
  • La bellezza salverà il mondo.
  • O anima mia, io t’ho dato il diritto di dire di no, come la tempesta, e di dire di sì, come dice di sì il cielo aperto.
  • A volte l’uomo è straordinariamente, appassionatamente innamorato della sofferenza.
  • Il segreto dell’esistenza umana non è vivere per vivere, ma avere qualcosa per cui vivere.
read more

Frasi sull'amore di Pablo Neruda

Frasi sull’amore di Pablo Neruda

Figlio di un impiegato delle ferrovie e di una insegnante rimase orfano a soli due mesi dalla nascita. Si trasferì con il padre a Temuco dove, dalle nuove nozze del genitore, nove anni dopo nacque il fratellastro Rodolfo. Il giovane Neruda, soprannominato Neftalì dal secondo nome della madre, dimostrò un interesse per la scrittura e la letteratura. Fu avversato dal padre ma incoraggiato dalla futura vincitrice del Premio Nobel Gabriela Mistral  che fu sua insegnante durante il periodo di formazione scolastica. Il suo primo lavoro ufficiale come scrittore fu l’articolo “Entusiasmo y perseverancia”, pubblicato ad appena 13 anni sul giornale locale “La Mañana”. Nel 1920 iniziò ad utilizzare per le sue pubblicazioni lo pseudonimo di Pablo Neruda, con cui è tutt’oggi pressoché esclusivamente conosciuto.

Per altre notizie su Pablo Neruda http://it.wikipedia.org/wiki/Pablo_Neruda

Frasi d’amore tratte dalle sue opere

Amare è così breve, e dimenticare così lungo.

Perchè tu mi oda le mie parole a volte si assottigliano come le orme dei gabbiani sulle spiagge.

Ridere è il linguaggio dell’anima.

Solo chi ama senza speranza conosce il vero amore.

Toglimi il pane, se vuoi, toglimi l’aria, ma non togliermi il tuo sorriso. Non togliermi la rosa, la lancia che sgrani, l’acqua che d’improvviso scoppia nella tua gioia, la repentina onda d’argento che ti nasce. Dura è la mia lotta e torno con gli occhi stanchi, a volte, d’aver visto la terra che non cambia, ma entrando il tuo sorriso sale al cielo cercandomi ed apre per me tutte le porte della vita … (da Il tuo sorriso)

L’età ci copre come una pioggerella, interminabile e arido è il tempo, una penna di sale tocca il tuo volto, una gocciolatura rose il mio vestito: il tempo non distingue tra le mie mani o un volo d’arance tra le tue: punge con neve e con zappa la vita: la vita tua ch’è la vita mia. La vita mia che ti diedi s’empie d’anni, come il volume d’un grappolo… (da L’età ci copre come una pioggerella)

Poveri poeti che la vita e la morte perseguitaron con la stessa cupa tenacia, poi son coperti d’impassibil pompa, abbandonati al rito e al dente funerario…(da Poveri poeti)

…Maledetto : solo l’umano ti perseguiti e dentro l’assoluto fuoco delle cose tu non possa consumarti, tu non possa perderti… (da Il generale Franco all’inferno)

Eppure simile al ricordo della terra, simile al petroso splendore del metallo e del silenzio , popolo, patria e avena, è la tua vittoria. Avanza la tua bandiera sforacchiata, come il tuo petto, sulle cicatrici del tempo e della terra (da La vittoria delle armi del popolo)

… città , città di fuoco resisti finchè un giorno verremo, indios naufraghi, a toccare le tue mura col bacio dei figli che speravano di arrivare. Stalingrado ancora non c’è il secondo Fronte ma tu non cadrai. Anche se dovessi morire non morirai! Poichè gli uomini non hanno più morte e devono continuare a lottare dal punto in cui cadono finchè la vittoria non sia nelle tue mani anche se saranno stanche e onorate, perchè altre mani rosse, se cadranno le vostre, semineranno per il mondo le ossa dei tuoi eroi in modo che il tuo seme copra tutta la terra (da Canto a Stalingrado)

Il mondo è mutato, la mia poesia è mutata. Una goccia di sangue caduta tra questi versi rimarrà viva su di essi, indelebile come l’amore ( dalla prefazione a Le furie e le pene )

Maledetti quelli che un giorno non guardarono; maledetti  quelli che alla solenne patria non offrirono il pane ma le lacrime; maledette uniformi macchiate e sottane di odiosi, sudici cani da covo e sepoltura …   o dura Spagna i tuoi feroci padroni ti costringevano a non seminare, a non far produrre le miniere, a concentrarti sulle tombe. Non costruite scuole, non riempite i granai: pregate bestie pregate perchè un dio dal culo immenso come quello del re vi aspetta: Lassù avrete la vostra minestra. (da La Spagna povera per colpa dei ricchi)

… cuori spezzati, abbiate fede nei vostri morti! Essi non soltanto sono radici sotto le pietre macchiate di sangue, ma le loro bocche mordono ancora esplosivo e vanno all’attacco come oceani di ferro e ancora i loro pugni levati smentiscono la morte. (da Canto alle madri dei miliziani caduti)

Capitano, combattente , là dove una bocca grida libertà, dove un orecchio ascolta,  dove un alloro di liberi sboccia, Bolivar, capitano, si riconosce il tuo viso. (da Un canto per Bolivar ,Simon Bolivar (1783-1830) patriota venezuelano)

Salve guerriglieri di tutte le regioni, toccate, toccate il sangue sotto la terra amata: attaccate gli stessi sinistri nemici, innalzate un’unica bandiera illuminata… (da Canto per la morte e la resurrezione di Luis Companys,(1883-1940) leader della sinistra catalana)

Patria tu nascesti dai taglialegna, dai figli imbattezzati, dai falegnami, da quanti diedero una goccia di sangue alato, e oggi rinascerai aspramente da dove il traditore e il carceriere ti credono per sempre sprofondata. Come allora nascerai dal popolo (da  America insorta )

Di nuovo la persecuzione oggi dilaga in Brasile lo insegue una fredda ingordigia dei mercanti di schiavi: da Wall Street hanno ordinato ai satelliti porcini di conficcare i canini nelle ferite del popolo, ed è cominciata la caccia in tutte le nostre Americhe distrutte da mercanti e carnefici (da Ancora i tiranni)

Portarono qui i fucili carichi e ordinarono la strage spietata: trovarono qui un popolo che cantava, un popolo raccolto per dovere e per amore, e l’esile fanciulla cadde con la sua bandiera, e lo stupore del popolo vide cadere i morti con furia e con dolore. (da I nemici)

La nostra lotta sarà in ogni luogo e nel nostro cuore queste bandiere che furono presenti alla vostra morte che si bagnarono del vostro angue si moltiplicheranno come le foglie dell’infinita primavera (da Sono qui)

…il giorno che in tutto il mondo noi aspettiamo in tanti: il giorno finale dei patimenti, un giorno di giustizia conquistata nella lotta… (da Sempre)

Pablo Neruda

Per frasi e aforismi di Pablo Neruda su Temi vari Clicca qui

Per frasi sull’amore di altri autori celebri Clicca qui

read more

Frasi sull'amore di vari autori

Frasi sull’amore di Gesualdo Bufalino, Karl Popper, Charles Baudelaire, Madre Teresa e altri

Chi insegna che non la ragione, ma l’amore sentimentale deve governare, apre la strada a coloro che governano con l’odio.
Karl Popper

Ciò che c’è di pericoloso nell’amore è il fatto che è delitto nel quale non si può fare a meno di un complice.
Charles Baudelaire

Ci sono sue cose che esigono una buona salute per essere fatte: l’amore e la rivoluzione.
Gesualdo Bufalino

Chi si marita per amore, di notte ha piacere, di giorno ha dolore.
Proverbio italiano

Dovreste conoscere ciò che vuole dire povertà, forse la nostra gente ha molti beni materiali, forse ha tutto, ma credo che se guardiamo nelle nostre case, vediamo quanto è difficile talvolta trovare un sorriso e il sorriso è il principio dell’amore. Allora incontriamoci con un sorriso e una volta che abbiamo cominciato l’un l’altro a amarci diviene naturale fare qualcosa per gli altri.
Madre Teresa

read more
Pagina » 1


Cerca tra altri post


phpJobScheduler