Frasi

frasi d'amore

Poesie di Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Anjeza Gonxha Bojaxhiu (Skopje, 26 agosto 1910 –Calcutta, 5 settembre 1997), è stata una religiosa e beata albanese, di fede cattolica, fondatrice della congregazione religiosa delle Missionarie della Carità.

Ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel1979, e il 19 ottobre 2003 è stata proclamata beata da Papa Giovanni Paolo II.

In questo post una sua bellissima poesia d’amore per il prossimo. Le delusioni e il dolore ci spingono a chiuderci in noi stessi e creare barriere, a volte in modo inconscio.

Madre Teresa di Calcutta ci esorta ad aprirci al mondo, e di continuare a farlo anche quando la logica e l’istinto di conservazione ci spingerebbe a fare l’esatto contrario.

Dai il meglio di te…

L’uomo è irragionevole, illogico, egocentrico

NON IMPORTA, AMALO

Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici

NON IMPORTA, FA’ IL BENE

Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici

NON IMPORTA, REALIZZALI

Il bene che fai verrà domani dimenticato

NON IMPORTA, FA’ IL BENE

L’onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile

NON IMPORTA, SII FRANCO E ONESTO

Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo

NON IMPORTA, COSTRUISCI

Se aiuti la gente, se ne risentirà

NON IMPORTA, AIUTALA

Da’ al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci

NON IMPORTA, DA’ IL MEGLIO DI TE

 

Il giorno più bello

Il giorno più bello? Oggi.
L’ostacolo più grande? La paura.
La cosa più facile? Sbagliarsi.
L’errore più grande? Rinunciare.
La radice di tutti i mali? L’egoismo.
La distrazione migliore? Il lavoro.
La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento.
I migliori professionisti? I bambini.
Il primo bisogno? Comunicare.
La felicità più grande? Essere utili agli altri.
Il mistero più grande? La morte.
Il difetto peggiore? Il malumore.
La persona più pericolosa? Quella che mente.
Il sentimento più brutto? Il rancore.
Il regalo più bello? Il perdono.
Quello indispensabile? La famiglia.
La rotta migliore? La via giusta.
La sensazione più piacevole? La pace interiore.
L’accoglienza migliore? Il sorriso.
La miglior medicina? L’ottimismo.
La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto.
La forza più grande? La fede.
Le persone più necessarie? I sacerdoti.
La cosa più bella del mondo? L’amore.

Vivi la vita

La vita è un’opportunità, coglila.
La vita è bellezza, ammirala.
La vita è beatitudine, assaporala.
La vita è un sogno, fanne una realtà.
La vita è una sfida, affrontala.
La vita è un dovere, compilo.
La vita è un gioco, giocalo.
La vita è preziosa, abbine cura.
La vita è una ricchezza, conservala.
La vita è amore, godine.
La vita è un mistero, scoprilo.
La vita è promessa, adempila.
La vita è tristezza, superala.
La vita è un inno, cantalo.
La vita è una lotta, accettala.
La vita è un’avventura, rischiala.
La vita è felicità, meritala.
La vita è la vita, difendila.

Sulla gioia

Un cuore gioioso è il normale risultato
di un cuore che arde d’amore.
Lagioia non è semplicemente una questione di temperamento,
è sempre difficile mantenersi gioiosi:
una ragione di più per dover cercare di attingere
alla gioia e farla crescere nei nostri cuori.

La gioia è preghiera; la gioia è forza; la gioia è amore.
E più dona chi dona con gioia.

Ai bimbi e ai poveri, a tutti coloro che soffrono e sono soli,
donate loro sempre un gaio sorriso;
donate loro non solo le vostre premure, ma anche il vostro cuore.
Può darsi che non si sia in grado di donare molto,
però possiamo sempre donare la gioia
che scaturisce da un cuore colmo d’amore.
Se nel vostro lavoro incontrate difficoltà e le accettate con gioia,
con un largo sorriso, in ciò, al pari di molte altre cose,
vedrete le vostre opere buone.
E il modo migliore per dimostrare la vostra gratitudine
consiste nell’accettare ogni cosa con gioia.

Se sarete colmi di gioia, la gioia risplenderà nei vostri occhi
e nel vostro aspetto, nella vostra conversazione e nel vostro appagamento.
Non sarete in grado di nasconderla poiché la gioia trabocca.

La gioia è assai contagiosa.
Cercate, perciò, di essere sempre
traboccanti di gioia dovunque andiate.

La gioia dev’essere uno dei cardini della nostra vita.
È il pegno di una personalità generosa.
A volte è altresì un manto che avvolge
una vita di sacrificio e di donazione di sé.
Una persona che possiede questa dote spesso raggiunge alti vertici.
Splende come un sole in seno a una comunità.

Che Dio vi renda in amore tutto l’amore che avete donato
o tutta la gioia e la pace che avete seminato attorno a voi,
da un capo all’altro del mondo.

Ama la vita

Ama la vita così com’è
Amala pienamente, senza pretese;
amala quando ti amano o quando ti odiano,
amala quando nessuno ti capisce,
o quando tutti ti comprendono.
Amala quando tutti ti abbandonano,
o quando ti esaltano come un re.
Amala quando ti rubano tutto,
o quando te lo regalano.
Amala quando ha senso
o quando sembra non averlo nemmeno un pò.
Amala nella piena felicità,
o nella solitudine assoluta.
Amala quando sei forte,
o quando ti senti debole.
Amala quando hai paura,
o quando hai una montagna di coraggio.
Amala non soltanto per i grandi piaceri
e le enormi soddisfazioni;
amala anche per le piccolissime gioie.
Amala seppure non ti dà ciò che potrebbe,
amala anche se non è come la vorresti.
Amala ogni volta che nasci
ed ogni volta che stai per morire.
Ma non amare mai senza amore.
Non vivere mai senza vita!

read more

Frasi d'amore e sull'amore - Raccolta di frasi

Trovare una definizione univoca dell’amore è impossibile. Amore è passione travolgente o è il desiderio del bene altrui?

Esistono diversi tipi d’amore, ma quello che segna di più la vita di una persona è l’amore che fa perdere il controllo e che ci obbliga a venire a patti con l’etica e la ragione.

Da sempre filosofi e artisti cercano di comprendere e raffigurare l’amore con parole e immagini sempre diverse.

In questo post abbiamo raccolto una serie di frasi d’amore e sull’amore di autori famosi.

read more

Frasi su Odio e Amore di François de La Rochefoucauld

L’odio è un sentimento estremo che la maggior parte della gente, nel corso della propria vita, ha provato almeno una volta. L’odio può nascere dall’invidia, dalla irriconoscenza nei nostri confronti, da un tradimento. Esso si fonda però, ed è questo a nostro avviso la sua peggiore connotazione, da un senso di inadeguatezza.

Qualcuno ci ha fatto un torto, non siamo capaci di reagire, ed allora odiamo nella speranza magari che qualcun altro faccia giustizia per nostro conto. Non sappiamo agire e quindi odiamo. Brutta cosa! François de La Rochefoucauld scriveva che Se si giudica l’amore dai suoi effetti principali, assomiglia molto di più all’odio che all’amicizia.

Quindi, secondo il pensiero del letterato francese, l’odio è un sentimento distruttivo allo stesso modo in cui può esserlo l’amore. Una caratteristica che viene attribuita all’amore è la capacità di mandare in tilt il cervello. A ben pensarci, la stessa cosa avviene per qualunque sentimento portato all’eccesso. A sostegno della tesi che alla base dell’odio c’è il riconoscimento di una personale inadeguatezza, Cesare Pavese diceva che Si odiano gli altri perché si odia sé stessi.

read more

Amore è guardare oltre di noi

Il vecchio contadino piantava l’albero di ulivo perché i suoi nipoti potessero raccogliere le olive. Il vecchio contadino faceva qualcosa che a lui non avrebbe portato alcun beneficio, ma che sarebbe servita a coloro che sarebbero venuti dopo di lui.

Piantare l’ulivo era un atto d’amore per i nipoti ed i nipoti dei nipoti ed era anche un modo per assicurarsi un pezzetto di immortalità. Questo vecchio contadino agiva come insegna il proverbio indiano secondo il quale “Abbiamo la Terra non in eredità dai genitori, ma in affitto dai figli“.

Questi contadini sono scomparsi, cancellati dalla cultura del “tutto e subito”. Con essi è scomparso il sentimento che animava le loro azioni, il sentimento che comunemente è chiamato amore. In amore ci può essere un pizzico di egoismo, ma soltanto un pizzico. L’amore deve animare il desiderio per il bene degli altri; senza questo non può esistere.

read more

La generosità in una frase di Kahlil Gibran

Khalil Gibran nato a Bsharri nel 1883 fu poeta, pittore e filosofo libanese di religione cristiano-maronita che emigrò negli Stati Uniti all’età di 14 anni.
Fu tra i fondatori, insieme a Mikha’il Nu’ayma, dell’Associazione degli scrittori, punto d’incontro dei letterati arabi emigrati in America. La sua poesia venne tradotta in oltre 20 lingue, e divenne un mito per i giovani che considerarono le sue opere come breviari mistici. Gibran ha cercato di unire nelle sue opere la civiltà occidentale e quella orientale.

In perfetto stile orientale avendo anche presente quanto nel mondo occidentale la generosità sia merce rara su questo sentimento si esprime così: Chi ti dà una serpe quando chiedi un pesce, può darsi abbia solo serpi da dare. La sua, dunque, è generosità.
Non sempre gli altri possono rspondere alle nostre attese secondo i nostri desideri. Ed anche quando ciò che essi ci danno ci sembra inadeguato rispetto alle nostre attese, non dimentichiamo che tuttavia potrebbe essere il massimo atto d’amore che essi sono in grado di darci.

Altre frasi di Gibran.

read more

Amore e generosità secondo Sofocle

Sofocle, considerato insieme ad Euripide ed Eschilo uno dei maggiori drammaturghi greci, definì la generosità come “L’opera umana più bella per essere utile al prossimo“. La generosità nasce dall’amore verso gli altri ai quali si vuole alleviare le sofferenze. La generosità, per essere davvero tale, deve provenire da un moto spontaneo dell’animo, non dev’essere contaminata da alcuna forma di esibizionismo. Seneca diceva che Ciò che è dato con orgoglio ed ostentazione dipende più dall’ambizione che dalla generosità.

Sono convinto che nessuna forma di organizzazione sociale può essere così perfetta da occuparsi dei bisogni di tutti e pertanto comprendo bene la necessità che ciascuno di noi supplisca se può e come può per offrire un aiuto a coloro che ne hanno bisogno tanto attraverso forme di volontariato quanto con donazioni in denaro. Mi chiedo tuttavia dove finisce il dovere della collettività ed è giusto che inizi l’intervento individuale. Questa mattina nel breve tragitto di circa 500 metri ho incontrato, ho voluto contarle, ben 12 persone che mi hanno chiesto di offrire un aiuto in denaro e guardando la televisione subito dopo pranzo, in circa 1 ora sono stato sollecitato 3 volte ad offrire un contributo a favore di organizzazioni varie attraverso l’invio di un SMS. Qualche volta compongo il numero telefonico, la maggior parte delle volte ovviamente no. Mi chiedo se devo provare per ciò un senso di colpa oppure un senso di ribellione se chi dovrebbe non finanzia la ricerca contro le malattie rare, non realizza scuole e pozzi per prelevare l’acqua potabile nei paesi africani e altro ancora.

Rimanendo al caso italiano se i ministri non acquistassero le case con le tangenti che provengono dalle tasche di cittadini, se dimezzassimo il numero degli amministratori nazionali e locali dimezzando nel contempo i loro stipendi, non libereremmo talmente tante risorse da ridurre di molto la necessità di queste contribuzioni?

Ditemi la vostra. Sono ben accette anche le critiche più feroci!

read more

Amore e desiderio nel pensiero di Hermann Hesse

La parola “amore” appartiene al gruppo di parole delle quali esistono tante definizioni quanti sono gli esseri umani. Altre parole di questo gruppo sono tra le altre, giusto per capirci, libertà, amicizia, saggezza.

L’amore viene definito per le sensazioni che produce (L’amore porta molta felicità, molto più di quanto struggersi per qualcuno porti dolore – Albert Einstein) o come analogia o contrapposizione ad altro sentimento (L’amicizia fra due persone di sesso diverso o non è nulla o è amore – Alphonse Karr) o in forma di negazione (Non ama colui al quale i difetti della persona amata non appaiono virtù – Johann Wolfgang Goethe) ed in tanti altri modi che possono richiamare anche figure retoriche come la metafora o la sineddoche.

Hermann Hesse, lo scrittore, poeta e pittore tedesco Nobel per la letteratura nel 1946, definisce l’amore con la frase L’amore è il desiderio fattosi saggio, conferendo così all’amore la caratteristica di un sentimento tranquillo e duraturo, in contrapposizione alle passioni dominate dall’irruenza e dalla fugacità.

Altre frasi di Hermann Hesse.

read more

Amore, bellezza ed emozioni in un pensiero di Kahlil Gibran - frasi

Nulla è in sè, ma tutto è come lo percepiamo. Schopenhauer diceva che “il mondo è la mia rappresentazione”, e quindi esso appare in modo diverso a ciascuno di noi, perché diversi siamo l’uno dall’altro. Kahlil Gibran dice a sua volta che L’aspetto delle cose varia secondo le emozioni; e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi. Ciascuno di noi è in costante divenire come il fiume di Eraclito. Ciò che ieri ci ha ispirato amore, oggi ci è differente o addirittura ci ispira odio; la stessa idea di bello cambia con lo stato d’animo. E’ un’esperienza che tutti abbiamo fatto e continuamente facciamo. Noi siamo “il nostro stato d’animo” come è rappresentato nella magistrale poesia di Victor Hugo dedicata a Caino.

read more

L'amore e la bellezza in una frase di Voltaire

Nella continua ricerca di modelli assoluti, finiamo con il dimenticare troppo spesso che noi siamo immersi in una realtà complessa che ci produce emozioni dipendenti da chi e come siamo in un determinato momento della nostra vita.  I greci che furono motivati in modo quasi ossessivo dal volere sistematizzare inventarono i miti. Venere era la bellezza, Marte il coraggio, Minerva la saggezza. Le cose non saranno per caso più semplici? Che amore, bellezza e coraggio non siano valori assoluti?

Voltaire diceva: Chiedete al rospo che cosa sia la bellezza e vi risponderà che è la femmina del rospo. E’ di questi giorni la polemica se gli italiani del nord siano più intelligenti di quelli del sud, come sosterrebbe la tesi di un sociologo irlandese. Ma cos’è l’intelligenza? E’ certo che non possiamo darne dieci definizioni tutte buone, ma diverse l’una dall’altra?

read more

Frasi sull’amore di Hermann Hesse

Ogni volta che si incontra qualche frase sull’amore si scopre quanto questa parola si presti alle definizioni più disparate. Nel suo significato più diffuso la parola amore esprime la reciproca attrazione tra due persone di sesso diverso, quella attrazione che poi si trasforma nel desiderio di percorrere assieme il cammino della vita. Pur se il più diffuso, questo significato è anche il meno appropriato.

Se ci soffermiamo per un attimo sulle due frasi di Hermann Hesse, lo scrittore, poeta e pittore tedesco vissuto a cavallo del ‘900, La felicità è amore, nient’altro e L’amore è il desiderio fattosi saggio, vediamo che il significato della parola viene trasformato.

Altre frasi sull’amore.

read more

Amore e matrimonio in una frase di Oscar Wilde

Oscar Wilde è forse il più geniale tra gli aforisti di tutti i tempi. Le sue frasi sono secche e penetranti come stilettate.

Dicendo Si dovrebbe essere sempre innamorati. Ecco perché non bisognerebbe mai sposarsi! egli pone in antitesi amore e matrimonio. L’amore è uno stato dell’animo, il matrimonio una sorta di contratto; il primo ha natura sovramateriale, il secondo no.

L’amore prima che le persone riguarda le idee, il matrimonio riguarda le persone. L’amore eterno può esistere solo se inerisce la sfera dello spirito.

Altre frasi sul matrimonio.

read more

L’amore in un proverbio arabo

Lancia il tuo cuore davanti a te, e corri a raggiungerlo. Niente lacrime, niente frasi melliflue, niente struggimenti. L’amore è una sfida individuale, è un’aspirazione dell’animo.

Utilizzare questo termine per indicare l’attrazione di un uomo verso una donna o viceversa, ci sembra improprio. Se l’attrazione si esaurisce, si dice che l’amore è finito, ma se l’amore è lo stimolo a raggiungere il cuore lanciato oltre l’ostacolo, questo non si esaurisce mai. Ciò che può esaurirsi non è amore.

Chi ama la poesia o la pittura o la scienza, l’amerà per tutta la vita. E’ talmente certo che a poesia, pittura o scienza non si dice t’amero per sempre. Si sente la necessità di dirlo quando al contrario non si possiede questa certezza.

read more

L’idea di amore secondo Bertrand Russel

Quando Bertrand Russel scrive Temere l’amore è temere la vita, e chi teme la vita è già morto per tre quarti, egli di certo non pensa al sentimento che unisce un uomo ed una donna. La parola amore infatti viene molto, forse soprattutto utilizzata, per riferirsi a questa specie di attrazione; tuttavia il significato che vi attribuisce Russel ci evoca di più il verso di Dante amor che move il sole e l’altre stelle, con il quale il sommo poeta da una parte identifica Dio e dall’altra scolpisce l’anelito dell’uomo di esplorare al di là delle sue frontiere.
Ad un ragazzo che che chiese al padre cosa fosse l’amore, questi rispose che non lo sapeva definire, ma che avrebbe provato a farglielo capire. “Immagina di essere stanco e di non vedere l’ora di andare a letto, quando in TV inizia una trasmissione con la storia dell’affresco della Cappella Sistina da parte di Michelangelo. La storia ti colpisce e d’improvviso ti passa il sonno e rimani sveglio per le successive 3 ore. Questo è amore”.

read more

Amore e silenzio per William Shakespeare

Un vero amore non sa parlare. Così scrive William Shakespeare.Tentiamo di capire cosa volesse dire. A definire cosa fosse l’amore ci hanno provato in tanti. Ne sono venute definizioni in positivo “l’amore è …”, in negativo “l’amore non è …”, serie e umoristiche; se ne è cercata una genesi fisiologica, una sorta di chimismo.

In sottofondo è prevalente l’idea che l’amore è un sentimento che riguarda in primo luogo un uomo e una donna. Se, come scrive Dante, amore è quel sentimento che “move il sole e l’altre stelle“, ridurlo all’attrazione tra un uomo e una donna è assolutamente riduttivo. Ci piace perciò la definizione del drammaturgo inglese, grande cantore dell’amore, che lo immagina silenzioso motore delle passioni umane.

Altre frasi di Shakespeare.

read more

Amore e amicizia secondo Alphonse Karr

Alphonse Karr  è stato un giornalista e scrittore francese vissuto nel XIX secolo, noto per lo spiccato umorismo satirico che gli procurò anche molti nemici. Fu redattore capo de Le Figaro, fu il fondatore del settimanale satirico Guêpes (“Vespe”) e si dedicò anche alla vita politica, ma senza successo.

È autore di una gran quantità di aforismi. Su amicizia e amore egli scrisse che L’amicizia fra due persone di sesso diverso o non è nulla o è amore.

Le generazioni contemporanee tendono a mettere in discussione questa affermazione, sostenendo che invece le due cose non sono affatto incompatibili. Gli ultimi anni in effetti hanno visto un avvicinamento dei due sessi ed è quindi possibile che quanto i giovani di oggi affermano, corrisponda a verità. Coloro che oggi hanno anche soltanto 40 anni, ne dubitano fortemente.

Altre farsi di Alphonse Karr.

read more
Pagina » 12345


Cerca tra altri post


phpJobScheduler