Frasi

Marcel Proust

Frasi sulla malattia come provvida diversità

La diversità come valore

L’uomo è per natura egocentrico e ciò lo porta a giudicare assumendosi come riferimento per la misura di tutte le cose.

Chi non la pensa come noi sbaglia, chi si veste in modo diverso non ha buon gusto e via dicendo.

In effetti il discorso contiene elementi più maliziosi, perché anche chi si veste come me finisce con lo sbagliare, perché il suo fisico non è adatto a valorizzare gli abiti indossati.

Sulla scia di questo ragionamento uomini che hanno fatto la storia dell’umanità, pensiamo solo a Gesù Cristo, sarebbero niente altro che dei poveri mentecatti.

La diversità, temuta dagli spiriti pigri, è il sale che promuove il progresso e rende la vita più interessante.

  • E’ il genio, come una perla nell’ostrica, solo una splendida malattia? Heinrich Heine
  • Tu sei una persona diversa, che vuole essere uguale. E questo, dal mio punto di vista, è considerato una malattia grave. Paulo Coelho
  • I tre quarti delle malattie delle persone intelligenti provengono dalla loro intelligenza. Marcel Proust
  • Quello che non mi uccide, mi fortifica. Friedrich Nietzsche
  • Sapere di non sapere è la cosa migliore. Fingere di sapere quando non si sa è una malattia. Lao Tzu
read more

Frasi sulla simpatia di Wilde, Totò e altri autori famosi

E’ una dote naturale?

E’ simpatico chi sa farsi carico in qualche modo dei problemi degli altri e riesce a procurare un, pur se momentaneo, sollievo ad un’angustia.

Il simpatico è strutturalmente un altruista così come l’antipatico è un egoista.

  • Le stranezze delle persone simpatiche riescono esasperanti, ma non c’è persona simpatica che non sia per qualche verso strana.
    Marcel Proust
  • Niente è più comune della reciproca antipatia, quando un’approvazione reciproca è particolarmente attesa.
    Samuel Johnson
  • Chiunque può simpatizzare col dolore di un amico, ma solo un animo nobile riesce a simpatizzare col successo di un amico.
    Oscar Wilde
  • Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiesero il bis. Totò
read more

Frasi sulla "Fantasia" che sa trasformare i sogni in realtà

“O nonna, nonna, deh com’era bella …”

Così Giosuè Carducci invocava la nonna nella celebre poesia “Davanti a San Guido”. La nonna che gli raccontava le favole e lo faceva viaggiare nel mondo della fantasia, quel mondo che racconta realtà inesistenti, ma nel quale piace trascorrere molta parte del proprio tempo.

Lasciarsi andare alla fantasia è forza, è debolezza o cos’altro è?

Celebri personaggi ne scrivono così.

  • La mia fantasia è inceppata: ho bisogno di un piccolo dispiacere. Leo Longanesi
  • L’immaginazione è la prima fonte della felicità umana. Giacomo Leopardi
  • La coerenza è l’ultimo rifugio delle persone prive d’immaginazione. Oscar Wilde
  • Lasciamo le belle donne agli uomini senza fantasia. Marcel Proust
  • Le streghe hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di bruciarle. Voltaire
  • Nessun vascello c’è che come un libro possa portarci in contrade lontane. Emily Dickinson
  • Ogni uomo ama due donne: l’una creata dalla sua immaginazione, l’altra deve ancora nascere. Kahlil Gibran
  • La conoscenza non è niente, l’immaginazione è tutto. Anatole France
  • I nostri pensieri danno forma a ciò che noi supponiamo sia la realtà. Isabel Allende
  • La verità non sta in un solo sogno, ma in molti sogni. Pier Paolo Pasolini
read more

Frasi sui viaggi

Il bello è dentro di noi

Diceva Socrate: Perché ti meravigli tanto se viaggiando ti sei annoiato? Portandoti dietro te stesso hai finito col viaggiare proprio con quell’individuo dal quale volevi fuggire.

La fuga per allontanarci dai nostri problemi. Quante volte l’abbiamo pensato senza renderci conto che è assolutamente inutile.

In modi diversi ve ne proponiamo altre formulazioni.

  • Anche se giriamo il mondo in cerca di ciò che è bello, o lo portiamo già in noi, o non lo troveremo. Ralph Waldo Emerson
  • I viaggi sono i viaggiatori. Fernando Pessoa
  • Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina. Sant’Agostino
  • Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi. Marcel Proust

E infine la poesia “L’occhio di Dio” di Victor Hugo, che racconta di Caino che vuole fuggire dallo sguardo di Dio che non riesce a evitare neppure dopo la sepoltura.

Quando Caino scarmigliato
in mezzo alla bufera
livido, coi suoi figlioli
involti di ferine pelli
fuggì dinanzi da Geova
calava la sera.

Il bieco pellegrino
giunse alle falde di un monte
in un gran piano.

La sua consorte stracca
e i suoi figlioli ansimanti gli dissero
“Posiamo sulla terra e dormiamo”

Il fratricida non potendo dormire
meditava ai pié del monte:
e quando alzò la testa
nel più profondo del funereo cielo
vide un occhio spalancato e grande
che nel silenzio lo mirava fisso.

“Sono troppo vicino”
disse allora con un brivido.
E in fretta ridestati i figlioli dormienti
e la compagna stanca riprese a fuggire
sinistro verso l’ignoto.

Errò per trenta giorni, errò per trenta notti.
Andava muto, pallido, sussultando a ogni brusio
furtivo, senza mai guardarsi addietro
senza riposo, né tregua, nè sonno.

Giunse ai lidi del mare
in quel paese che poi fu Assur.
“Sostiamo – disse – questo è un asilo sicuro.
Omai toccammo i termini del mondo, ora sostiamo”.
Ma come fece per sedere ei vide l’occhio
allo stesso punto nel ciel cupo
e in fondo all’immutabile orizzonte
e trasalì di nero raccapriccio.
“Nascondetemi” urlò, mentre i nepoti
si mettevano un dito sulla bocca
tremar vedendo l’avolo feroce.

A Giabel, padre di color che vanno
sotto tende di pelo nel deserto, disse Caino:
“Spiega la tua tela da questa parte”.
Il fluttuante muro fu svolto e quando
fu fissato al suolo con masselli di piombo
“Ora vedete più nulla?” chiese Tzilla
la figliola dei suoi figlioli,
la bambina bionda più dolce dell’aurora.
E a lei Caino: “Vedo quell’occhio sempre”.

Allora Giuba, padre di quelli
che entrano nei boschi
suonando trombe e battendo tamburi disse:
“Saprò ben io trovare il modo”.
Alzò un muro di bronzo
e dietro a quello trasse Caino.
E quei “L’occhio mi guarda sempre”.

Allora Tubalkain, padre dei fabbri,
costrusse una città smisurata e sovrumana.
Intanto i suoi fratelli davano la caccia
ai figlioli di Enoc e di Set per il pianoro.
E a chi passava crepavano gli occhi e
nell’azzurra sera lanciavan dardi alle virginee stelle.
La tela delle tende diede luogo al granito
i cui massi eran fasciati con catene di ferro.
Essa pareva una città d’inferno
e la grande ombra delle torri oscurava le campagne.
E sulla porta incisero: Vietato l’ingresso a Dio.
Quand’ebbero alla fine chiuso e murato
tutto in una torre di pietra, al centro,
fu serrato l’avo. Egli rimase lugubre e stravolto.
” O padre mio, l’occhio è scomparso?”
chiese tremante Izilla.
“No lo vedo sempre” risponde a lei Caino.
E poi soggiunge “Voglio star sottoterra
come un uomo solo nel suo sepolcro.
Nessuno mai non mi vedrà, nè io vedrò più alcuno”.

Fu scavata una fossa e il fratricida disse: “Va bene”.
Lui solo discese in quella volta senza fine oscura;
ma quando si sedè sulla sua scranna
e sul suo capo chiusero la tomba
l’occhio era dentro e fisso su Caino.

read more

La follia in aforismi di Oscar Wilde e altri

Esiste davvero la follia?

C’è chi dice si, c’è chi ne dubita ritenendo che la ragione è la follia del più forte, mentre la ragione del meno forte è follia. San Francesco che donò tuttte le sue ricchezze e scelse di vivere povero e scalzo era saggio o era folle? Le sfaccettature sono tante e in questi aforismi ne ritroviamo un vasto campionario.

  • Per riacquistare la giovinezza basta solo ripeterne le follie. Oscar Wilde
  • Tutti siamo nati matti. Qualcuno lo rimane. Samuel Beckett
  • Siamo tutti costretti, per rendere sopportabile la realtà, a coltivare in noi qualche piccola pazzia. Marcel Proust
  • La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia. Hermann Hesse
  • Chi è normale non ha molta fantasia. Edoardo Bennato
  • Gli uomini sono così necessariamente pazzi, che il non essere pazzo equivarrebbe ad essere soggetto a un altro genere di pazzia. Blaise Pascal
  • I pazzi osano dove gli angeli temono d’andare. Alexander Pope
  • Non esiste grande genio senza una dose di follia. Aristotele
  • L’unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo. Salvador Dalì
  • Fanatico è colui che non può cambiare idea e non intende cambiare argomento. Winston Churchill
  • Genio e follia hanno qualcosa in comune: entrambi vivono in un mondo diverso da quello che esiste per gli altri. Arthur Schopenhauer
  • Gli uomini non si capiscono a vicenda. Ci sono meno pazzi di quanto si creda. François de La Rochefoucauld
  • Occorre avere un po? di caos in sé per partorire una stella danzante. Friedrich Nietzsche
  • Meglio esser pazzo per conto proprio, anziché savio secondo la volontà altrui! Friedrich Nietzsche
  • Quando un pazzo sembra perfettamente ragionevole è gran tempo, credetemi, di mettergli la camicia di forza. Edgar Allan Poe
  • Il genio è una varietà della pazzia. Carlo Dossi
  • Posso misurare il moto dei corpi, non l’umana follia. Isaac Newton
  • Assurdità e bellezza hanno stretti rapporti l’una con l’altra. Edward Morgan Forster
  • La ragione è la follia del più forte. La ragione del meno forte è follia. Eugène Ionesco
  • Chi vive senza follia non è così saggio come crede. François de La Rochefoucauld
read more

Il cuore, la casa dell'amore in aforismi di Pascal e altri autori celebri

Il cuore batte

Se i sentimenti hanno una casa, quella dell’amore è certamente il cuore; esso è anche immaginato come il luogo dei segreti e della riservatezza. Con questo significato Plutarco diceva “Quello che sta nel cuore del sobrio è sulla lingua dell’ubriaco”. In prevalenza esso è simbolo dell’amore terreno e celeste come possiamo leggere in questi celebri aforismi.

  • Il cuore, non la ragione, sente Dio; ecco ciò che è la fede: Dio sensibile al cuore, non alla ragione. Blaise Pascal
  • La mente si lascia sempre abbindolare dal cuore. François de La Rochefoucauld
  • Le opere, come nei pozzi artesiani, salgono tanto più alte quanto più a fondo la sofferenza ha scavato il cuore. Marcel Proust
  • Il cuore è una ricchezza che non si vende e non si compra, ma si regala. Gustave Flaubert
  • Chi ascolta attentamente l’autentica voce del cuore e della coscienza è illuminato dalla sua verità. Georg Hegel
  • Quando siete felici guardate nella profondità del vostro cuore e scoprirete che ciò che ora vi sta dando gioia è soltanto ciò che prima vi ha dato dispiacere. Quando siete addolorati guardate nuovamente nel vostro cuore e vedrete che in verità voi state piangendo per ciò che prima era la vostra delizia. Kahlil Gibran
  • L’amore non ha altro desiderio che quello di realizzarsi, ma se amate ed è inevitabile che abbiate dei desideri, fate in modo che essi siano questi: svegliarsi all’alba con le ali al cuore e ringraziare per un altro giorno d’amore. Kahlil Gibran
  • Nel cuore delle donne non ci vede chiaro che l’esaminatore disinteressato. Edmondo De Amicis
  • Una ragazza è sempre un mistero: non c’è che affidarsi al suo viso e all’ispirazione del proprio cuore. Edmondo De Amicis
  • L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo. Gandhi
  • La ricchezza del mio cuore è infinita come il mare, così profondo il mio amore: più te ne do, più ne ho, perché entrambi sono infiniti. William Shakespeare
  • La bellezza del mondo ha due tagli, uno di gioia, l’altro d’angoscia, e taglia in due il cuore. Virginia Woolf
  • Amo la gente e amo che la gente mi ami, ma lascio il mio cuore dove Dio lo ha messo: all’interno di noi stessi. Francis Scott Fitzgerald
read more

L'arte forma sublime d'amore in aforismi di Seneca, Guttuso e altri

Una metafora dei sentimenti

L’arte nasce dal bisogno insopprimibile dell’uomo di manifestare i propri sentimenti. Conoscerla è conoscere la storia dell’umanità dalle origini ai giorni nostri. L’arte è nella musica, nella pittura, nella letteratura e in tutte le altre forme che consentono la espressione del pensiero e dei sentimenti.

  • La vita è breve, l’arte vasta, l’occasione istantanea, l’esperienza ingannevole, il giudizio difficile. Ippocrate
  • Tutta l’arte è imitazione della natura. Seneca
  • La pittura è una lunga fatica di imitazione di ciò che si ama. Renato Guttuso
  • L’arte non consiste nel rappresentare cose nuove, bensì nel rappresentare con novità. Ugo Foscolo
  • L’opera d’arte è sempre una confessione. Umberto Saba
  • Un’opera d’arte è soprattutto un’avventura della mente. Eugène Ionesco
  • Le opere, come nei pozzi artesiani, salgono tanto più alte quanto più a fondo la sofferenza ha scavato il cuore. Marcel Proust
  • La cosa più bella che possiamo sperimentare è il mistero; è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza. Albert Einstein
  • Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso e si usano le opere d’arte per guardare la propria anima. George Bernard Shaw
  • Tutte le arti contribuiscono all’arte più grande di tutte: quella di vivere. Bertolt Brecht
  • Anelo all’eternità perché lì troverò i miei quadri non dipinti e le mie poesie non scritte. Kahlil Gibran
read more
Pagina » 1


Cerca tra altri post


phpJobScheduler