Per il Sud non servono partiti, servono idee

I servizi mandati in onda nella puntata del 7 maggio di Exit sulla Sicilia hanno messo in vetrina una situazione a dir poco agghiacciante. Gli spazi della Fiera campionaria di Palermo ridotti a cumuli di macerie con i dipendenti a passeggiare tra i viali senza fare nulla in attesa di essere assegnati ad altri uffici; i patronati finanziati con fondi della Regione trasformati in comitati elettorali; il servizio del 118 utilizzato cinicamente per soli biechi fini elettoralistici; il carrozzone della Formazione Professionale che produce l’1,50% di occupazione assorbendo finanziamenti per circa 350 milioni di euro all’anno.
Va dato atto ai redattori del programma di averci risparmiato i cumuli di spazzatura che deturpano le città e le buche di cui sono piene le strade cittadine.
Un panorama desolante al cospetto del quale Andrea Chenier avrebbe cantato “In cotanta miseria, la patrizia prole che fa?” La patrizia prole è costituita dagli innumerevoli amministratori nazionali, regionali e locali incapaci anche di comprendere la reale dimensione della polveriera sulla quale stanno seduti. Questi poveri amministratori non possono fare nulla perché nulla sanno fare, in quanto se avessero saputo fare avrebbero già fatto. Sono cresciuti addestrati a produrre consenso spendendo i soldi pubblici e non a creare risorse nuove. Hanno avuto a disposizione decenni per combattere la mafia ed invece si sono alleate con la mafia per ottenere voti; il fiume di risorse venuto dalla UE per riqualificare il sistema produttivo, dall’industria, all’agricoltura, al turismo è stato totalmente sperperato e la ricchezza che questi settori in qualche misura producevano si è via via squagliata.
Il presidente della Regione l’onorevole Lombardo a cosa pensa per rilanciare l’economia siciliana? Pensa soltanto a ciò a cui può pensare: fare un partito da chiamare “Partito del Sud”. Una vera genialata! Egli pensa infatti che se ci sarà un partito del sud l’agricoltura tornerà ad essere florida e competitiva, frotte di turisti sgomiteranno per venire a visitare la Sicilia, fabbriche e fabbrichette sorgeranno come i funghi formando un tessuto industriale mai visto prima, forse la stessa FIAT rinuncerà a chiudere lo stabilimento di Termini Imerese ed al contrario ne triplicherà la produzione. Tutto questo dal giorno stesso in cui verrà costituito il Partito del Sud.
Era così facile. Che peccato non averci pensato prima!

Post correlati a Per il Sud non servono partiti, servono idee

Storia della mondezza .....ovvero dei rifiuti urbani.

Dodicimila anni fa nasce l'agricoltura: l'uomo non dovendo vagare da un luogo all'altro  alla ricerca di cibo, da nomade diventa stanziale: nascono i..

L'anagrafe a Palermo - Cittadino devi soffrire!

Palermo è stata l'ultima tra le grandi citta a informatizzare i suoi servizi anagrafici. Poca cosa se consideriamo che Palermo contava una popolazion..

Il ministro Brambilla e il turismo a Lampedusa

Se la prossima stagione turistica di Lampedusa dovesse risultare un fallimento, certo non potremo darne la colpa al ministro responsabile del settore...

Governare con la canicola!

Riportiamo uno stralcio dell'intervista rilasciata dall'Assessore al Bilancio del Comune di Palermo al quotidiano Giornale di Sicilia in edicola..

I rifiuti a Palermo sono colpa del destino

A Palermo siamo davvero preoccupati. Da anni abbiamo dato mandato ai nostri governanti di trasformare la città in una cloaca e, adesso che ci sono ri..

One Comments

  • trust

    16 marzo 2010

    Il Trust, è opportuno sottolinearlo, è perfettamente legale da diversi anni (1985) in Italia…

Lascia un Commento


phpJobScheduler