Poesie d’amore di Anna Achmatova: Tu verrai comunque

Tu verrai comunque
perché dunque non ora?
Ti attendo
sono sfinita
Ho spento il lume e aperto l’uscio
a te, così semplice e prodigiosa.
Prendi per questo l’aspetto che più ti aggrada
irrompi come una palla avvelenata
o insinuati furtiva come un freddo bandito
o intossicami col delirio del tifo
o con una storiella da te inventata
e nota a tutti fino alla nausea
che io veda la punta di un berretto turchino
e il capopalazzo pallido di paura.
Ora per me tutto è uguale
turbina lo Enisej
risplende la stella polare
e annebbia un ultimo terrore
l’azzurro bagliore di occhi addolorati.

Altre poesie

Post correlati a Poesie d’amore di Anna Achmatova: Tu verrai comunque

Quartina sulla purezza assoluta

Dedicata a tutti coloro che sono impegnati ogni giorno nella strenua difesa della propria purezza assoluta. A tutte le anime belle che posti davant..

Messaggio per il viandante

Percorrendo il sentiero del viandante, il percorso di trekking lungo la riva orientale del lago di Lecco, ci si imbatte frequentemente in cappelle, ed..

Poesia di Charles Bukowski - Autoinvitati

Autoinvitati va bene, mettimi le mutande al contrario, telefona in Cina, fai volar via gli uccelli, compra un quadro di una colomba rossa e ricorda..

Il tranviere metafisico

Ritorna a volte il sogno in cui mi avviene di manovrare un tram senza rotaie tra campi di patate e fichi verdi nel coltivato le ruote non sprofonda..

Poesie d'amore di Pablo Neruda: Ode al primo giorno dell'anno

Lo distinguiamo dagli altri come se fosse un cavallino diverso da tutti i cavalli. Gli adorniamo la fronte con un nastro, gli posiamo sul co..

Lascia un Commento


phpJobScheduler