Poesie d’amore di Antonio De Curtis (Totò): Il dramma di Don Ciccio Caccavalle

‘O terzo piano, int’ ‘o palazzo mio,
a pporta a mme sta ‘e casa na famiglia,
ggente per bene… timorata ‘e Ddio:
marito, moglie, ‘o nonno e quatto figlie.
‘O capo ‘e casa, ‘On Ciccio Caccavalle,
tene na putechella int’ ‘o Cavone:
venne aucielle, scigne e pappavalle,
ma sta sempe arretrato c’ ‘opesone.

‘E chisti tiempe ‘a scigna chi s’ ‘a compra?!
Venne ogni morte ‘e papa n’auciello;
o pappavallo è addiventato n’ombra,
nun parla cchiù p’ ‘a famma, ‘o puveriello!

‘A moglie ‘e Caccavalle, Donn’Aminta,
è una signora con le mani d’oro:
mantene chella casa linda e pinta
ca si ‘a vedite è overo nu splendore.

‘O nonno, sittant’anne, malandato,
sta segregato dint’a nu stanzino:
‘O pover’ommo sta sempe malato,
tene ‘e dulure, affanno e nun cammina.

E che bbuò fa! Nce vonno ‘e mmedicine,
a fella ‘e carne, ‘o ppoco ‘e muzzarella…
Magnanno nce ‘o vuò dà ‘o bicchiere ‘e vino
e nu tuscano pe na fumatella?

‘A figlia, Donn’Aminta, notte e ghiuorno
fa l’assistenza al caro genitore;
trascura ‘e figlie e nun se mette scuorno,
e Don Ciccillo sta cu ll’uocchie ‘a fora.

Don Ciccio Caccavalle, quanno è ‘a sera
ca se ritira, sta sempe ammurbato
pe vvia d”o nonno (‘o pate d”a mugliera),
e fa: – Che ddiece ‘e guaio ch’aggio passato. –

Fra medicine, miedece e salasse
‘o pover’ommo adda purtà sta croce.
Gli affari vanno male, non s’incassa,
e ‘o viecchio nun è carne ca lle coce.

E chesto è overo… ‘On Ciccio sta nguaiato!
Porta sul’issso ‘o piso ‘ncoppa ‘e spalle;
‘o viecchio nun’è manco penzionato
e s’è appuiato ‘ncuollo a Caccavalle.

‘O viecchio no… nun vò senti raggione.
Pretenne ‘a fella ‘e carne, ‘a muzzarella…
‘A sera po’, chello ca cchiù indispone:
– Ciccì, mme l’he purtata ‘a sfugliatella? –

Don Ciccio vò convincere ‘a mugliera,
ca pure essendo ‘a figlia, ragiunasse:
– ‘O vicchiariello soffre ‘e sta manera…
è meglio ca ‘o Signore s’ ‘o chiammasse! –

E infatti Caccavalle, ch’è credente,
a San Gennaro nuosto ha fatt’ ‘o vuto:
– Gennà, si ‘o faje murì te porto argiento!…
sta grazia me l’he fa… faccia ‘ngialluta! –

Ma Caccavalle tene n’attenuante,
se vede ca nun naviga int’ a ll’oro…
Invece io saccio ‘e ggente benestante
che tene tant’ ‘e pile ‘ncopp’ ‘o core!

Altre poesie

Post correlati a Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Il dramma di Don Ciccio Caccavalle

Poesie di Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Anjeza Gonxha Bojaxhiu (Skopje, 26 agosto 1910 –Calcutta, 5 settembre 1997), è stata una religiosa e b..

Amo tutto ciò che è stato ( Fernando Pessoa )

Amo tutto ciò che è stato, tutto quello che non è più, il dolore che ormai non mi duole, l’antica e erronea fede, l’ieri che ha lasciato d..

Oggi "29 Settembre"

Questa canzone, resta sempre  indimenticabile per coloro che erano giovane negli anni 70; fu interpretata sia da Battisti, coautore con Mogol , che d..

Le Nozze ..... Ode di Giuseppe Parini

LE  NOZZE È pur dolce in su i begli anni de la calda età novella lo sposar vaga donzella, che d?amor già ne ferì. In quel giorno i prim..

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Donna Amalia

V'aggia spià na cosa Donn'Amà: vurria sapè pecchè quanno ve veco, la capa mia nun po' cchiù raggiunà. Si me parlate, 'mpietto 'a voce vosta, ..

Lascia un Commento


phpJobScheduler