Poesie d’amore di Antonio De Curtis (Totò): Il fine dicitore

“Ninì Santoro, il fine dicitore,
maestro di eleganza e di maniere,
il re del music-hall, il gran signore,
debutta questa sera al Trianon”.
Guardanno ‘o manifesto, chi liggeva
penzava: certo chisto è n’artistone.
Tenevemo st’attore? E chi ‘o ssapeva!
Stasera stessa mm’ ‘o vaco a ssentì.

C’ ‘o tubbo, ‘a caramella e nu bucchino
d’avorio giallo, luongo miezo metro;
un fazzoletto bianco nel taschino,
ncuollo nu frack ‘e seta blummarè

Tutt’ ‘o teatro illuminato a giorno,
na marcia trionfale comm’ “Aida”,
Santoro ascette e cu na faccia ‘e corne
pareva ca diceva: “Eccomi qua!

Mo v’aggia fa vedè chi è Santoro,
il fine dicitore, il fantasista
ca quanno arape ‘a vocca caccia ll’oro,
oro colato ‘e primma qualità”.

‘O pubblico ansioso s’aspettava:
chi sa mo ch’esce ‘a vocca a stu Santoro.
Ma ch’era ascì… Santoro ‘ncacagliava,
faceva smorfie, zumpe e niente cchiù.

Nun fernette nemmeno ‘o riturnello
d”o primmo raccuntino d’avventure,
quann’uno arreto a me: “Santò, si bello!”
(‘Ndranghete!) E allazza nu pernacchio ‘e nuvità.

Fuie cumm’a nu signale ‘e na battaglia,
mancava poco e nce scappava ‘o muorto:
‘e sische mme parevano mitraglia.
Santoro nun putette continuà.

“Ll’artista” se facette ‘a mappatella:
‘o frack, ‘o tubbo, ‘o fazzuletto bianco,
s’annascunnette pure ‘a caramella.
Dicette: “Aggio sbagliato,.. Ch’aggia fa?”.

Trent’anne so passate ‘a chella sera
che il fine dicitore fantasista
pe fforza avette chiudere ‘a carriera
a beneficio dell’umanità.

Aiere steva scritto into ‘o giurnale che:
“dopo varii e lunghi appostamenti
è stato assicurato un criminale
alla Giustizia delle Autorità”.

E chi era, neh, stu disgraziato?
Santoro… il dicitore fantasista,
ca, pe magnà, al furto s’era dato
o pover’ommo pe putè campà.

Io penso che fu l’epoca sbagliata;
trent’anne fa tutto era n’ata cosa.
Oggi che il nostro gusto s’è cambiato
Santoro fosse na celebrità.

Altre poesie

Post correlati a Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Il fine dicitore

Poesie di Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Anjeza Gonxha Bojaxhiu (Skopje, 26 agosto 1910 –Calcutta, 5 settembre 1997), è stata una religiosa e b..

Amo tutto ciò che è stato ( Fernando Pessoa )

Amo tutto ciò che è stato, tutto quello che non è più, il dolore che ormai non mi duole, l’antica e erronea fede, l’ieri che ha lasciato d..

Oggi "29 Settembre"

Questa canzone, resta sempre  indimenticabile per coloro che erano giovane negli anni 70; fu interpretata sia da Battisti, coautore con Mogol , che d..

Le Nozze ..... Ode di Giuseppe Parini

LE  NOZZE È pur dolce in su i begli anni de la calda età novella lo sposar vaga donzella, che d?amor già ne ferì. In quel giorno i prim..

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Donna Amalia

V'aggia spià na cosa Donn'Amà: vurria sapè pecchè quanno ve veco, la capa mia nun po' cchiù raggiunà. Si me parlate, 'mpietto 'a voce vosta, ..

Lascia un Commento


phpJobScheduler