Poesie

amore

Poesie d’amore di Edgar Allan Poe: A Elena

La tua bellezza Elena è per me
Come quei legni di Nicea d’un tempo
Che adagio per un odoroso mare
Portavano lo stanco e tediato viaggiatore
Alla riva natia.
Per mari disperati abituato a errare,
i tuoi capelli di giacinto, il puro viso,
le grazie tue di Naiade mi hanno riportato
alla gloria che fu la Grecia
alla grandezza di Roma.
Ed ecco! Nella nicchia splendere
Simile ad una statua tu m’appari
Con la lampada d’agata in mano!
Ah Psiche, venuta da quelle regioni
Che sono Terra-Santa

read more

Poesie d’amore di Edgar Allan Poe: Vorresti essere amata?

Vorresti essere amata? E tu fa’ che il tuo cuore
non si discosti dal sentiero di ora!
Essendo ogni cosa che ora tu sei,
non essere mai altro che non sei.
Così i tuoi cortesi modi di vita,
la tua grazia, la tua più che bellezza
saranno un tema d’elogio senza fine,
e l’amore – non altro che un puro dovere.

read more

Poesie d’amore di Edgar Allan Poe: Un sogno dentro un sogno

Questo mio bacio accogli sulla fronte!
E, da te ora separandomi,
lascia che io ti dica
che non sbagli se pensi
che furono un sogno i miei giorni;
e, tuttavia, se la speranza volò via
in una notte o in un giorno,
in una visione o in nient’altro,
è forse per questo meno svanita?
Tutto quello che vediamo, quel che sembriamo
non è che un sogno dentro un sogno.

Sto nel fragore
di un lido tormentato dalla risacca,
stringo in una mano
granelli di sabbia dorata.
Soltanto pochi! E pur come scivolano via,
per le mie dita, e ricadono sul mare!
Ed io piango – io piango!
O Dio! Non potrò trattenerli con una stretta più salda?
O Dio! Mai potrò salvarne
almeno uno, dall’onda spietata?
Tutto quel che vediamo, quel che sembriamo
non è che un sogno dentro un sogno?

read more

Poesie d’amore di Rabindranath Tagore: Io desidero te, soltanto te

Io desidero te, soltanto te
il mio cuore lo ripeta senza fine.
Sono falsi e vuoti i desideri
che continuamente mi distolgono da te.
Come la notte nell’oscurità
cela il desiderio della luce,
così nella profondità
della mia incoscienza risuona questo grido:
“Io desidero te, soltanto te”.
Come la tempesta cerca fine
nella pace, anche se lotta
contro la pace con tutta la sua furia,
così la mia ribellione
lotta contro il tuo amore eppure grida:
“Io desidero te, soltanto te”.

read more

Poesie d’amore di Fernando Pessoa: Le lettere d’amore

Tutte le lettere d’amore sono
ridicole.
Non sarebbero lettere d’amore se non fossero
ridicole.

Anch’io ho scritto ai miei tempi lettere d’amore,
come le altre,
ridicole.

Le lettere d’amore, se c’è l’amore,
devono essere
ridicole.

Ma dopotutto
solo coloro che non hanno mai scritto
lettere d’amore
sono
ridicoli.

Magari fosse ancora il tempo in cui scrivevo
senza accorgermene
lettere d’amore
ridicole.

La verità è che oggi
sono i miei ricordi
di quelle lettere
a essere ridicoli.

read more

Poesie d'amore di Fernndo Pessoa: E' l'amore che è essenziale

E’ l’amore che è essenziale.
Il sesso è solo un accidente.
Può essere uguale
o differente.
L’uomo non è un animale
è una carne intelligente,
anche se a volte malata.

read more

Poesie d’amore di Fernando Pessoa: Amo tutto ciò che è stato

Amo tutto ciò che è stato,
tutto quello che non è più,
il dolore che ormai non mi duole,
l’antica e erronea fede,
l’ieri che ha lasciato dolore,
quello che ha lasciato allegria
solo perché è stato, è volato
e oggi è già un altro giorno.

read more

Poesie d’'amore di John Keats: Compassione ti chiedo

Compassione ti chiedo – e pietà – e amore – sì, amore,
un amore misericordioso che strazio soltanto non sia,
costante, innocente, con un pensiero solo dominante,
senza veli o maschere, che anche nudo sia puro!
Tutta, tutta, lasciami averti – mia!
La tua forma e la tua bellezza, quel veleno dolce
d’amore, il tuo bacio, e le tue mani, e gli occhi divini,
il seno caldo, bianco, luminoso, capace di mille piaceri –
te stessa – la tua amica – per pietà, tutta lasciami averti,
e non tenerti un atomo solo – o morirò –
se vivessi sarebbe come un servo miserabile,
dimentico, tra tanta inutile infelicità,
ch’abbia un senso la vita – il palato della mente
perderò il suo gesto, la mia ambizione la vista.

read more

Poesie d’'amore di John Keats: Mia cara ragazza

Mia cara ragazza, ti amo ancora e ancora e senza
riserve… In ogni modo possibile, anche le mie
gelosie non erano che agonie dell’Amore, nelle
fitte piu’ intense che mai ho provato, sarei morto
per te.
Tu sempre nuova. L’ultimo dei tuoi baci era il
piu’ dolce, l’ultimo sorriso il piu’ luminoso,
l’ultimo movimento il piu’ aggraziato.

read more

Poesie d'’amore di John Keats: Voglio una coppa piena

Voglio una coppa piena sino all’orlo
E dentro annegarci l’anima:
Riempitela d’una droga capace
Di bandire la Donna dalla mente.
E non voglio dell’acqua poetica, che scaldi
I sensi al desiderio lussurioso,
Ma una sorsata profonda
Tracannata dalle onde del Lete,
Per liberare con un incanto il mio
Petto disperato dall’immagine
Più bella che gli occhi miei festanti
Videro, intossicandone la mente.

È inutile – mi perseguita struggente
La dolcezza di quel viso.
Lo sfavillio del suo sguardo splendente –
E quel seno, terrestre paradiso.

Mai più felice sarà la vista mia,
Ché ha perso il visibile ogni sapore:
Perduto è il piacere della poesia,
L’ammirazione per il classico nitore.

Sapesse lei come batte il mio cuore,
Con un sorriso ne lenirebbe la pena,
E sollevato ne sentirei la dolcezza,
La gioia, mescolata col dolore.
Come un toscano perduto in Lapponia,
Tra le nevi, pensa al suo dolce Arno,
Così sarà lei per me in eterno
L’aura della mia memoria.

read more

Poesie d’'amore di Rabindranath Tagore: Spegni la lampada

Spegni la lampada, tesoro, la lampada
della tua notte solitaria.
Ti giunge l’invito ad aprire la porta,
sta per sorgere la luce del mattino.
Lascia nell’angolo il tuo liuto, amore,
lo strumento della tua vita solitaria.
Ti giunge l’invito a venir fuori in silenzio,
sta per cantare il nuovo giorno.

read more

Poesie d'’amore di Rabindranath Tagore: Quando la notte vado sola

Quando la notte vado sola al mio appuntamento d’amore,
gli uccelli non cantano, il vento non soffia,
le case ai lati della strada sono silenziose.
Solo i miei bracciali tintinnano a ogni passo
e io me ne vergogno.

Quando siedo al balcone e ascolto giungere i suoi passi,
non c’è stormire di foglie sui rami,
l’acqua del fiume è ferma, come la spada
sulle ginocchia d’una sentinella addormentata.
Solo il mio cuore batte con violenza e io
non so come tranquillizzarlo.

Quando il mio amore arriva e siede vicino a me,
quando il mio corpo freme e le mie palpebre s’abbassano,
la notte s’oscura, il vento spegne la lampada
e le nuvole velano le stelle.
E’ allora che il gioiello sul mio seno scintilla,
e io non so come nasconderlo.

read more

Poesie d'’amore di Saffo: A me pare uguale agli dei

A me pare uguale agli dèi
chi a te vicino così dolce
suono ascolta mentre tu parli

e ridi amorosamente. Subito a me
il cuore si agita nel petto
solo che appena ti veda, e la voce

si perde sulla lingua inerte.
Un fuoco sottile affiora rapido alla pelle,
e ho buio negli occhi e il rombo
del sangue alle orecchie.

E tutta in sudore e tremante
come erba patita scoloro:
e morte non pare lontana
a me rapita di mente.

read more

Poesie d'’amore di Ugo Foscolo: Di se stesso all'amata

Così gl’interi giorni in lungo incerto
sonno gemo! ma poi quando la bruna
notte gli astri nel ciel chiama e la luna,
e il freddo aer di mute ombre è coverto;

Dove selvoso è il piano e più deserto
allor lento io vagando, ad una ad una
palpo le piaghe onde la rea fortuna,
e amore, e il mondo hanno il mio core aperto.

Stanco mi appoggio or al troncon d’un pino,
ed or prostrato ove strepitan l’onde,
con le speranze mie parlo e deliro.

Ma per te le mortali ire e il destino
spesso obbliando, a te, donna, io sospiro:
luce degli occhi miei chi mi t’asconde?

read more

Poesie d’'amore di Ugo Foscolo: Sì, ho baciato Teresa

Sì, ho baciato Teresa;
i fiori e le piante esalavano
in quel momento un odore soave;
le aure erano tutte armonia;
i rivi risuonavano da lontano;
e tutte le cose s’abbellivano
allo splendore della luna
che era tutta piena della luce
infinita della divinità.
Gli elementi e gli esseri esultavano
nella gioia di due cuori ebbri di amore.
– Ho baciata e ribaciata quella mano…
e Teresa mi abbracciava tutta tremante,
e trasfondea i suoi sospiri nella mia bocca,
e il suo cuore palpitava su questo petto:
mirandomi co’ suoi grandi occhi languenti,
mi baciava, e le sue labbra umide,
socchiuse mormoravano su le mie

read more
Pagina » 12345678910111213141516171819202122232425


Cerca tra altri post

Lascia un Commento


phpJobScheduler