Poesie

amore

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Tutto è finito

Si lo so, tutto è finito
non parlar, non dirmi niente
già da un pezzo l’ho capito
che il finale era imminente.
Si lo so, tutto è finito
sei d’un altro innamorata
già da un pezzo l’ho capito
questa scena l’ho aspettata.

La commedia dell’amore
è finita finalmente
hai spezzato questo cuore
non parlar, non dirmi niente.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'O piso

Si metto int’ ‘a valanza
stu bbene ca te voglio,
semplice e genuino
carnale e senza ‘mbruoglio,
schiuppato int’a stu core
cu tutt’ ‘o sentimento,
crisciuto cu ll’ammore
appassionatamente:
nun t’aggio ditto ancora?…
pesa tre tunnellate
e nu quintale ‘a fora!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Balcune e llogge

Comme a na reggia, ricca e capricciosa,
ammubbigliaie sta casa ‘e tutt’ ‘e ccose
che saccio che piacevano a sta sposa,
balcune e llogge carrecate ‘e rose;
‘ncoppa ‘o buffè cunfiette e sciure ‘e sposa,
Ch’addore ‘e sciure ‘arancio pe sta casa!
Sta casa c’addurava ‘e mille rose,
che festa dinto a ll’aria s’era spasa!

Balcune e llogge carrecate ‘e rose.
Mo sò rimasto sulo into a sta casa;
mme guardo attuorno e veco tutt’ ‘e ccose,
ma ‘a sposa nun ce stà stà fore casa.

È morta… Se n’ è ghiuta ‘mparaviso!
Pecchè nun porto ‘o llutto? – Nun è cosa,-
rispongo ‘a ggente e faccio ‘o pizzo a rriso,
ma dinto ‘o core è tutto n’ata cosa!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Il dramma di Don Ciccio Caccavalle

‘O terzo piano, int’ ‘o palazzo mio,
a pporta a mme sta ‘e casa na famiglia,
ggente per bene… timorata ‘e Ddio:
marito, moglie, ‘o nonno e quatto figlie.
‘O capo ‘e casa, ‘On Ciccio Caccavalle,
tene na putechella int’ ‘o Cavone:
venne aucielle, scigne e pappavalle,
ma sta sempe arretrato c’ ‘opesone.

‘E chisti tiempe ‘a scigna chi s’ ‘a compra?!
Venne ogni morte ‘e papa n’auciello;
o pappavallo è addiventato n’ombra,
nun parla cchiù p’ ‘a famma, ‘o puveriello!

‘A moglie ‘e Caccavalle, Donn’Aminta,
è una signora con le mani d’oro:
mantene chella casa linda e pinta
ca si ‘a vedite è overo nu splendore.

‘O nonno, sittant’anne, malandato,
sta segregato dint’a nu stanzino:
‘O pover’ommo sta sempe malato,
tene ‘e dulure, affanno e nun cammina.

E che bbuò fa! Nce vonno ‘e mmedicine,
a fella ‘e carne, ‘o ppoco ‘e muzzarella…
Magnanno nce ‘o vuò dà ‘o bicchiere ‘e vino
e nu tuscano pe na fumatella?

‘A figlia, Donn’Aminta, notte e ghiuorno
fa l’assistenza al caro genitore;
trascura ‘e figlie e nun se mette scuorno,
e Don Ciccillo sta cu ll’uocchie ‘a fora.

Don Ciccio Caccavalle, quanno è ‘a sera
ca se ritira, sta sempe ammurbato
pe vvia d”o nonno (‘o pate d”a mugliera),
e fa: – Che ddiece ‘e guaio ch’aggio passato. –

Fra medicine, miedece e salasse
‘o pover’ommo adda purtà sta croce.
Gli affari vanno male, non s’incassa,
e ‘o viecchio nun è carne ca lle coce.

E chesto è overo… ‘On Ciccio sta nguaiato!
Porta sul’issso ‘o piso ‘ncoppa ‘e spalle;
‘o viecchio nun’è manco penzionato
e s’è appuiato ‘ncuollo a Caccavalle.

‘O viecchio no… nun vò senti raggione.
Pretenne ‘a fella ‘e carne, ‘a muzzarella…
‘A sera po’, chello ca cchiù indispone:
– Ciccì, mme l’he purtata ‘a sfugliatella? –

Don Ciccio vò convincere ‘a mugliera,
ca pure essendo ‘a figlia, ragiunasse:
– ‘O vicchiariello soffre ‘e sta manera…
è meglio ca ‘o Signore s’ ‘o chiammasse! –

E infatti Caccavalle, ch’è credente,
a San Gennaro nuosto ha fatt’ ‘o vuto:
– Gennà, si ‘o faje murì te porto argiento!…
sta grazia me l’he fa… faccia ‘ngialluta! –

Ma Caccavalle tene n’attenuante,
se vede ca nun naviga int’ a ll’oro…
Invece io saccio ‘e ggente benestante
che tene tant’ ‘e pile ‘ncopp’ ‘o core!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Ngiulina

Chisto è ‘o ritratto e chiste so’ ‘e capille:
na ciocca ‘e seta nera avvellutata.
E cheste songo ‘e llettere: cchiù ‘e mille;
lettere ‘e ‘na guagliona nnammurata.
Ngiulina se chiammava sta figliola
ch’è stata ‘a primma nnammurata mia.
Trent’anne sò passate… Mamma mia!

‘A tengo nnanze a ll’uocchie, pare aiere:
vocca ‘e curallo, ‘na faccella ‘e cera,
‘nu paro d’uocchie verde, ‘e cciglie nere,
senza russetto… semplice e sincera.

Teneva sidece anne e io diciotto.
Faceva ‘a sartulella a ‘o Chiatamone.
Scenneva d”a fatica ‘mpunto ll’otto,
e mm’aspettava a me sotto ‘o purtone.

Senza parlà, subbeto sotto ‘o vraccio
nce pigliavemo e ghievemo a ffà ammore.
Vicino ‘a casa soia, ‘ncoppa Brancaccio,
parole doce e zucchero int’ ‘o core.

Mettennoce appuiate ‘nfaccia ‘o muro,
a musso a mmusso, tutt’ e dduie abbracciate:
dint’ ‘a penombra ‘e n’ angulillo oscuro,
quanta suspire e vvase appassiunate!

‘A tengo nnanze a ll’uocchie, pare aiere:
vocca ‘e curallo, na faccella ‘e cera;
nu paro d’uocchie verde, ‘e cciglie nere,
senza russetto… semplice e sincera.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'A statuetta

Comme è limpida sta fronte,
purcellana trasparente,
statuetta ‘e Capemonte,
comme ‘o sole sì lucente!
E guardanno stu splendore
– manammè! – mme sò abbagliato.
S’è appicciato chistu core,
e me songo annammurato..

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Il cimitero della civiltà

Aiere ha fatto n’anno – ‘o diece ‘e maggio,
na matenata calda e chiena ‘e sole -,
penzaie ‘ncapo a me: “Cu che curaggio
io stamattina vaco a faticà!”.
Facenno ‘o paro e sparo mme susette:
“Mo mme ne vaco ‘a parte ‘e copp’ ‘o Campo”.
Int’a ddiece minute mme vestette
cu ‘e mucassine e cu ‘o vestito blu.

Nun facette sparà manco ‘o cannone
ca già stevo assettato int’ ‘a cantina,
annanze a nu piatto ‘e maccarune:
nu zito ch’affucava int ‘o ragù.

C’ ‘a panza chiena, a passo… chianu chiano
mme ne trasette dint’a na campagna,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
ca m’ ‘o zucavo comme ‘o biberò.

Tutto a nu tratto veco nu spiazzale
chino ‘e ferraglie vecchie e arrugginite.
E ched’è, neh?… nu campo ‘e residuate:
“il cimitero della civiltà”.

Nu carro armato cu ‘a lamiera rotta…
trattore viecchie… macchine scassate…
n’ “Alfetta” senza ‘e qquatte rote ‘a sotto…
pareva ‘o campusanto d”a Pietà!

Guardanno a uno a uno sti ruttame,
pare ca ognuno ‘e lloro mme diceva:
“Guardate ccà cosa addiventiamo
quanno ‘a vicchiaia subbentra a giuventù”.

Mmiezo a sta pace, a stu silenzio ‘e morte,
tutto a nu tratto sento nu bisbiglio…
appizzo ‘e rrecchie e sento ‘e di cchiù forte:
“Mia cara Giulietta, come va?”.

Chi è ca sta parlanno cu Giulietta?
Nmiezo a stu campo nun ce sta nisciuno…
Tu vuo vedè che l’hanno cu ll'”Alfetta”?
Cheste so ccose ‘e pazze! E chi sarrà?

Mme movo chianu chiano… indifferente,
piglio e mm’assetto ‘ncopp’ ‘o carro armato…
quanno ‘a sotto mme sento ‘e di: “Accidente!…
E chisto mo chi è?… Che vularrà?”.

Chi ha ditto sti pparole? Chi ha parlato?
I’ faccio sta domanda e zompo all’erta…
“So io ch’aggio parlato: ‘o carro armato…
Proprio addu me v’aviveve assettà?

A Napule nun se po’ sta cuieto.
Aiere un brutto cane mascalzone
se ferma, addora… aiza ‘a coscia ‘e reto,
e po’ mme fa pipi ‘nfaccia ‘o sciassi”.

“Vi prego di accettare le mie scuse,
v’ ‘e ffaccio a nome anche del mio paese;
Ma voi siete tedesco o Made in Usa?
E come vi trovate in Italy?”.

“Sono tedesco, venni da Berlino
per far la guerra contro l’Inghilterra;
ma poi – chiamalo caso oppur destino –
‘e mmazzate ll’avette proprio ccà!”.

“Ah, si… mo mme ricordo… le mazzate
ch’avisteve da noi napoletani…
E quanto furon… quattro le giornate,
si nun mme sbaglio: o qualche cosa ‘e cchiù?”.

“Furon quattro. Mazzate ‘a tutte pizze:
prete, benzina, sputazzate ‘nfacccia…
Aviveve vedè chilli scugnizze
che cosa se facettero afferrà!”.

“Caro Signore, ‘o nuosto è nu paisiello
ca tene – è overo – tanta tulleranza;
ma nun nce aimma scurdà ca Masaniello
apparteneva a chesta gente ccà.

E mo mm’ite ‘a scusà ll’impertinenza,
primma aggio ‘ntiso ‘e dì: “Cara Giulietta”.
Facitemmella chesta confidenza:
si nun mme sbaglio era st’ “Alfetta” ccà?”.

“Appunto, si, è qui da noi da un mese…
‘A puverella è stata disgraziata,
è capitata ‘nmano a un brutto arnese,
… Chisto nun ha saputo maie guidà.

Io mm’ ‘a pigliasse cu ‘e rappresentante,
cu chilli llà che cacciano ‘e ppatente;
chiunque ‘e nuie, oggi, senza cuntante,
se piglia ‘a macchinetta e se ne va”.

“Di macchine in Italia c’è abbondanza…-
rispose sottovoce ‘a puverella –
si no che ffa… po’ nce grattammo ‘a panza:
chillo ca vene ll’avimmo acchiappà”.

“Giulietta, raccontate qui al signore
i vostri guai” – dicette ‘o carro armato.
L'”Alfetta” rispunnette a malincuore:
“Se ci tenete, li racconterò.

Come sapete, sono milanese,
son figlia d’Alfa e di papà Romeo,
per fare me papà non badò a spese;
mi volle fare bella “come il fò”.

Infatti, mi adagiarono in vetrina,
tutta agghindata… splendida… lucente!
Ero un'”Alfetta” ancora signorina:
facevo tanta gola in verità!

Un giorno si presenta un giovanotto
cu tanto nu paccotto ‘e cambiale,
io, puverella!, avette fa ‘o fagotto,
penzanno:Chi sa comme va a fernì!

Si rivelò cretino, senza gusto:
apparteneva ‘a “gioventù bruciata”.
Diceva a tutti quanti: “Io sono un fusto;
‘e ffemmene cu mmico hanna cadè!”.

Senza rispetto, senza nu cuntegno…
cambiava tutt’ ‘e giorne… signorina:
ci conduceva al solito convegno…
… alla periferia della città.

Chello ca cumbinava ‘o giuvinotto?
Chi maie ve lo potrebbe raccontare:
io nn’aggio mantenute cannelotte
‘e tutte specie, ‘e tutte ‘e qqualità:

la signorina di buona famiglia,
a vedova, ‘a zetella, ‘a mmaretata…
E quanno succedette ‘o parapiglia,
stavamo proprio cu una ‘e chesti ccà.

In una curva, questo gran cretino,
volle fare un sorpasso proibito,
di fronte a noi veniva un camioncino,
un cozzo, svenni, e mo mme trovo ccà”.

“A nu fetente ‘e chisto ce vulesse
nu paliatone, na scassata d’osse’…
Ma comme – dico i’ po’ – sò sempe ‘e stesse
ca t’hanna cumbinà sti guaie ccà?”.

“E che penzate ‘e fa donna Giulietta?”.
“E ch’aggia fa? – rispose ‘a puverella-
So che domani viene una carretta,
mme pigliano e mme portano a squaglià”.

“Giulietta… via, fatevi coraggio –
(dicette ‘o carro armato). lo ero un “Tigre”,
il popolo tremava al mio passaggio!…
Mannaggia ‘a guerra e chi ‘a vulette fa!

lo so cosa faranno del mio squaglio:
cupierche ‘e cassarole, rubinette,
incudini, martelli, o qualche maglio,
e na duzzina ‘e fierre pe stirà”

“lo vi capisco… sono dispiaciuto…
ma p’ ‘e metalli ‘a morte nun esiste;
invece ‘e n’ommo, quanno se n’è ghiuto

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Ma che dulore!

State a sentì, ve voglio dì na cosa,
ma nun m’aita chiammà po’ scustumato;
chello ca v’aggia dì è na quaccosa
ca i’ penso che vvuje ggià nn’ite parlato.
Sta cusarella è ccosa ca sta a cuore
a tuttequante nuje napulitane:
sentennela ‘e struppià, ma che dulore,
p’arraggia ‘e vvote me magnasse ‘e mmane!

Ma nun è proprio chisto l’argomento,
si ‘a ‘nguaiano o no la povera canzone…
Sanno parlà sultanto ‘e tradimento!
‘A verità, stu fatto m’indispone.

Na vota se cantava ” ‘O sole mio “,
“Pusilleco… Surriento… Marechiaro”,
” ‘O Vommero nce stà na tratturia “…
“A purpe vanno a ppesca cu ‘e llampare”…

Chelli parole ‘e sti canzone antiche,
mettevano int’ ‘o core n’allerezza;
chesti pparole ‘e mo?… Che ffà… V’ ‘o ddico?
Nun è pe criticà: sò na schifezza!

“Torna cu mme… nun ‘mporta chi t’ha avuta”
” ‘O ssaccio ca tu ggià staje ‘mbraccio a n’ato”…
“Stongo chiagnenno ‘a che te ne si gghiuta”…
“Che pozzo fa s’io songo ‘nnammurato”…

Mettimmece na pezza, amici cari,
e nun cantammo cchiù: “Tu m’he traduto”.
Sentenno sti ccanzone, a mme me pare,
‘e sta’ a sentì ‘o lamiento d”e curnute!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Dick

Tengo ‘nu cane ch’è fenomenale,
se chiama “Dick”, ‘o voglio bene assaie.
Si perdere l’avesse? Nun sia maie!
Per me sarebbe un lutto nazionale.
Ll ‘aggio crisciuto comm’a ‘nu guaglione,
cu zucchero, biscotte e papparelle;
ll’aggio tirato su cu ‘e mmullechelle
e ll’aggio dato buona educazione.

Gnorsì, mo è gruosso. È quase giuvinotto.
Capisce tutto… Ile manca ‘a parola.
È cane ‘e razza, tene bbona scola,
è lupo alsaziano, è polizziotto.

Chello ca mo ve conto è molto bello.
In casa ha stabilito ‘a gerarchia.
Vò bene ‘ a mamma ch’è ‘a signora mia,
e a figliemo isso ‘o tratta da fratello.

‘E me se penza ca lle songo ‘o pate:
si ‘o guardo dinto a ll’uocchiemme capisce,
appizza ‘e rrecchie, corre, m’ubbidisce,
e pè fa ‘e pressa torna senza fiato.

Ogn’anno, ‘int’a ll’estate, va in amore,
s’appecundrisce e mette ‘o musso sotto.
St’anno s’è ‘nnammurato ‘e na basotta
ca nun ne vò sapè: nun è in calore.

Povero Dick, soffre ‘e che manera!
Porta pur’isso mpietto stu dulore:
è cane, si… ma tene pure ‘o core
e ‘o sango dinto ‘e vvene… vo ‘a mugliera…

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Essa

Me sceto a matina
cu ll’uocchie te cerco addò staje; duorme…
vicino a me a suonno chino
te guardo: si bella!
Cu st’uocchie ‘nchiuse,
cu stu pizzo ‘a riso
si tale e quale a n’angelo
che sonna ‘o paraviso.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'A vita

‘A vita è bella, sì, è stato un dono,
un dono che ti ha fatto la natura.
Ma quanno po’ sta vita è ‘na sciagura,
vuie mm’ ‘o chiammate dono chisto ccà ?

E nun parlo pè me ca, stuorto o muorto,
riesco a mm’abbuscà ‘na mille lire.
Tengo ‘a salute e, non faccio per dire,
songo uno ‘e chille ca se fire ‘e fa.

Ma quante n’aggio visto ‘e disgraziate :
cecate, ciunche, scieme, sordomute.
Gente ca nun ha visto e maie avuto
‘nu poco ‘e bbene ‘a chesta umanità.

Guerre, miseria, famma, malatie,
crestiane addeventate pelle e ossa,
e tanta gioventù c’ ‘o culo ‘a fossa.
Chisto nun è ‘nu dono, è ‘nfamità..

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Chi è ll'ommo?

Nun songo nu grand’ommo
nun songo nu scienziato.
‘A scola nun sò gghiuto
nisciuno m’ha mannato.
S’ i’ songo intelliggente?
e m’ ‘o spiate a mme?
I’ songo nato a Napule,
che ne pozzo sapè?!
Appartengo alla massa…
a chella folla ‘e ggente
ca nun capisce proprio ‘o riesto ‘e niente.
Però ve pozzo dicere na cosa:
campanno notte e ghiuomo a stu paese
pur i’ me sò ‘mparato quacche cosa,
quaccosa ca se chiamma umanità.
Senza sapè nè leggere e nè scrivere,
da onesto cittadino anarfabbeta,
ve pozzo parlà ‘ncopp’ a n’ argomento
ca certamente ve po’ interessà: chi è ll’ommo.
Ll’ommo è nu pupazzo ‘e carne
cu sango e cu cervello
ca primma ‘e venì al mondo
(cioè ‘ncopp’ a sta terra)
madre natura, ca è sempre priviggente,
l’ha miso ‘nfunno ‘a ll’anema,
cusuto dint’o core, na vurzella
cu dinto tante e tante pupazzielle
che saccio: ‘o mariuncello,
na strega ‘e Beneviento,
nu scienziatiello atomico
cu a faccia indisponente,
nu bello Capo ‘e Stato
vestuto ‘a Pulcinella;
curtielle, accette, strummolo
e quacche sciabbulella.
Penzanno ca ‘o pupazzo
nu juomo se fa ommo,
si se vò divertì,
chesto ‘o ppò fa. E comme?
Sceglienno ‘a dint’ ‘o mazzo
ca tene dint’ ‘a vurzella,
chello ca cchiù lle piace
fra tutte ‘e pazzielle.
Si po’ sentite ‘e dicere:
“‘O tale hanno arrestato!
Era uno senza scrupolo:
pazziava al peculato.
E trene nun camminano?
‘A posta s’he fermata?”.
Chi tene ‘mmano ‘o strummolo,
pazzianno s’he spassato.
‘O scienziatiello atomico
ch’ ‘a bomba ‘a tena stretta
“Madonna! – tremma ‘o popolo-
E si mo chisto ‘a jetta?”.
Guardate che disgrazia
si ‘a sciabbulella afferra
nu capo ca è lunatico:
te fa scuppià na guerra.
Senza penzà ca ‘o popolo:
mamme, mugliere e figlie,
chiagneno a tante ‘e lacreme.
Distrutte sò ‘e famiglie!
A sti pupazze ‘e carne affocaggente
l’avessame educà cu ‘o manganiello,
oppure, la natura priviggente,
avess’ ‘a fa turnà nu Masaniello.
Ma ‘e ccose no… nun cagnano
e v’ ‘o dich’i’ ‘o pecchè:
nuie simme tanta pecure…
facimmo sempe “mbee”.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'A nnammurata mia

‘A nnammurata mia se chiamma Ammore,
e tene l’uocchie comme a ll’acqua ‘e mare.
E ddoce comme è doce ‘a primmavera,
è tutta gentilezza, anema e core..

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Che me manca!

I’ tengo ‘e llire, nun me manca niente,
me pozzo accattà chello ca me piace:
na statua d’oro, nu vapore argiento…
palazze, ville… case in quantità.
– Chi è cchiù felice ‘e te?! – mme dice ‘a ggente.
– Si ricco, si guaglione… che te manca? –
E chest’ è overo, nun me manca niente.
Sulo na cosa mme vurria accattà…

Nu core… tutto core ‘e tennerezza
ca me vulesse na muntagna ‘e bbene…
ca me sbattesse ‘mmano p’ ‘a priezza,
cuntento pe mme dà ‘a felicità.

Dipende a me; nun voglio aspettà ancora.
Tuzzuliaje a porta ‘e na figliola:
– Che t’aggia dà pe m’accattà stu core?
Qualunque prezzo, dì, che t’aggia dà? –

Me rispunnette cu bella maniera:
– ‘O core nun se venne… se riala…
crediteme, ca io ve sò sincera…
cu ‘e llire ‘o core nun se po’ accattà!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'A mundana

“Cammina, su, non fare resistenza!”
diceva ‘o brigadiere, e ‘a strascenava.
“Sta storia adda fernì, è un’indecenza!”.
“Chi sa c’ha fatto”- ‘a ggente se spiava.
“C’ha fatto?” – rispunnette nu signore.
È na povera ddia… è na mundana”.
“E ‘a porteno accussì? Gesù, che core!”
murmuliaie Nannina ” ‘a parulana “.
“Lassateme… nun aggio fatto niente!”.
“E lass’ ‘a jì – dicette nu cucchiere –
ma vuie ‘e vvedite quanto sò fetiente?”.
“Nce vò nu core a ffà chillu mestiere”.
“Sta purtanno ‘o brigante Musolino-
se mettette alluccà Peppe ” ‘o Fravaglia” –
Si ‘o ssape ll’onorevole Merlini
‘o fa ‘a proposta p’ ‘o fa avè ‘a medaglia”.
Quase ogne ghiuorno, ‘a povera figliola
approfittava ca na caruzzella
a Nnapule scenneva d’Afragola
pe nu passaggio fino ‘a Ruanella.
‘O nomme? Nun ‘o saccio.
Saccio sulo ca ‘e ccumpagne
‘a chiammaveno ” ‘A pezzente”.
Pe sparagnà, ‘a sera, dduie fasule,
e, spisse vote, nun magnava niente!
Cu chelle ppoche lire ch’abbuscava
aveva mantenè tutta ‘a famiglia;
e quanno ‘e vvote po’… nun aizava,
steva diuno ‘o pate, ‘a mamma e ‘o figlio.
‘O pate, viecchio, ciunco… into a nu lietto
senza lenzole, cu na cupertella.
E ‘a mamma ca campava pe dispietto
d”a morte e d”a miseria.
Puverella! A piede o lietto, dinto a nu spurtone,
na criatura janca e malaticcia,
pe pazziella ‘nmano nu scarpone
e na tozzola ‘e pane sereticcio.
Nun appena fuie ‘ncoppa ‘a Sezione,
se mettette alluccà comme a na pazza.
‘E strille se sentivano a ‘o puntone.
“Ch’ è stato, neh? Ched’è chisto schiamazzo?
Avanti, fate entrà sta… Capinera”-
dicette ‘o Cummissario a nu piantone.
E ‘o milite, cu grazia e cu maniera,
‘a votta dinto cu nu sbuttulone.
“Ah! Sì tu? – dicette ‘o funzionario-
Si nun mme sbaglio, tu si recidiva?
Si cunusciuta cca a Muntecalvario.
Addò t’hanno acchiappata, neh, addò stive?”.
“All’angolo d”o vico ‘a Speranzella.
Steve parlanno cu nu marenaro,
quanno veco ‘e passà na carruzzella
Cu dinto don Ciccillo ‘o farenaro.
Don Ciccio fa nu segno: “Fuitenne!
Curre ca sta passando ‘o pattuglione”.
I’ dico a ‘o marenaro: “Iatevenne.
Stu brigadiere ‘o saccio… è nu ‘nfamone”
.”A legge è legge – dice ‘o cavaliere
Nun aggio che te fa, ragazza mia.
I’ te cunziglio: lassa stu mestiere,
e lievete pe sempe ‘a miezo ‘a via”.
“E che mme metto a ffà, signore bello,
‘a sarta, ‘a lavannara, ‘a panettera?
Spisso mm’ ‘o sento chistu riturnello”
.”E truovete nu posto ‘e cammarera!”.
“Signò, dicite overo opuro apposta?
Vulite pazzià? E nun è umano.
V’ ‘a mettisseve dinto ‘a casa vosta
chi… pe disgrazia ha avuta fa ‘a puttana?!”.

navigazioneopere simili

read more
Pagina » 12345678910111213141516171819202122232425


Cerca tra altri post

Lascia un Commento


phpJobScheduler