Poesie

amore

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): A Franca

Chist’ uocchie tuie songo ddoie feneste
aperte, spalancate ‘ncoppa ‘o mare;
m’affaccio e veco tutte ‘e cose care
‘nfunn’a ‘stu mare, verde comme l’uocchie tuie:
e veco ‘o bbene, ‘o sentimento, ammore,
e assaie cchiù ‘nfunno ancora
io veco chello ca tu ‘e date a mme… ‘o core.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Ho bisogno di vederti

Ho bisogno di vederti
tutti i giorni vita mia.
Ho bisogno di sentire
quella dolce melodia
quella musica oppiata
che m’inebria e che mi nuoce
quella musica drogata
che mi piace… la tua voce.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Esempio

Pe mme la donna è comme ‘a mascatura:
pe farla funzionà nce vò ‘o chiavino.
Senza ‘o chiavino tu può stà sicuro,
fa ‘a ruggine e nun haje cchiù che ne fa!…

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Uocchie 'Ncantatore

Te guardo dint’ all’uocchie e veco ‘o mare,
‘o sole, ‘a luna, ‘e stelle e ‘o cielo blù
sti dduje smeralde ‘e guardo e cchiù me pare
ca st’uocchie belle ‘e ttiene solo tu.
Songh’ uocchie ca me ‘ncantano,
so Iluce ca m’abbagliano.
Mettono dint’ all’anema,
‘mpietto, nu desiderio
‘e t’abbraccià, t’astregnere,
vasà sta vocca ‘e zucchero.
Ammore mio magnifico
i’ me vulesse perdere… stanotte ‘mbraccio a tte!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Gli uocchi tuoj

Gli uocchi tuoj che cangnano? culore
song bell? ognj mumenti,
song tutt? sentiment?.
Sì ridono s?appicciano
come due fiamme ardentì,
song? stelle lucenti cha? tienì
in? fronte tu.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'A livella

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fa chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
… sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
p è segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo.. calmo calmo,
dicette a don Gennaro: “Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi, ca simmo eguale?…
… Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora è fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?… è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”

read more

Poesie d’amore di Antonio De Curtis (Totò): 'O schiattamuorto

I’faccio ‘o schiattamuorto ‘e professione,
modestamente songo conosciuto
p è tutt’ ‘e ccase ‘e dinto a stu rione,
pecché quann’io manèo ‘nu tavuto.
songo ‘nu specialista ‘e qualità.

I tengo mode, garbo e gentilezza
‘O muorto mmano a me po’ sta’ sicuro,
ca nun ave nu sgarbo. ‘na schifezza.
Io lo tratto comme fosse ‘nu cieaturu
che dice a ‘o pate.

E ‘o cocco luongo,’int’ ‘, ‘o spurtone
pure si é vecchio pare n’angiulillo
‘O muorto nun ha età, é un guaglione
ca s’é addurmuto placido e tranquillo
‘nu suonno doce p è ll’eternità

E ‘o suonno eterno tene stu vantaggio
ca si t’adduorme un te scite maie,
Capisco, pé murìnce vo”o curaggio :
ma quanno chella vene tu che ffaie?
Nn’ ‘a manne n’ata vota all’ aldilà?

Chella nun fa o viaggio inutilmente
Chella nun se ne va maie avvacante.
Sì povero, s’ ricco, sì putente,
‘faccia a sti cose chella fa ‘a gnurante,
comme a ‘nu sbirru che tìadda arrestà

E si t’arresta non ce stanno sante,
nun ce stanno ragione ‘a fa’ presente :
te llaggio ditto, chella fa a gnurante…
‘A chesta recchia, dice, io non ce sento;
e si nun sente, tu ch’allucche a ffà ?

‘A morta,’e vvote, é comme ll’aministia
che libera pè sempre ‘a tutt’ ‘e guai
a qualcheduno cam parola mia,
‘ncoppa a sta terra nun ha avuto maie
‘nu pocu ‘e pace…’na tranquillità

E qante n’aggio visto è cose brutte;
‘ nu muorto ancora vivo dinto ‘o lietto
‘na mugliera c< giò teneva 'o lutto appriparato dinto a 'nu cassetto, aspettanno 'o mumento 'e s' 'o 'ngigna. C'é quacche ricco che rimane scritto
E ‘ncapo a isso penza ‘e fa ‘o deritto ;

Ma ‘o ssape, o no, ca ‘e llire ‘e llasse cca?!

‘A morta é una, ‘e mezze songhe tante
ca tene sempre pronta sta signora.
Però ,’a cchiù trista é
che può truvà p’ ‘a strada a qualunch’ora
( Comme se dice?…) p è fatalità

Ormai per me il trapasso é ‘na pazziella ;
‘nu passaggio dal sonoro al muto.
E quanno s’é stutata ‘a lampetella
significa ca l’opera è fernuta
e ‘o primm’ttore s’é ghiuto a cucca

read more

Poesie d'amore di Archiloco: Con una fronda di mirto

Con una fronda di mirto giocava
ed una fresca rosa;
e la sua chioma
le ombrava lieve e gli òmeri e le spalle.

read more

Poesie d'amore di Archiloco: Malattia d'amore

Giaccio in preda all’amore, disperato,
senza respiro, da dolori atroci
per volontà divina
trafitto nelle ossa.

read more

Poesie d’amore di Archiloco: Forza mio cuore

Cuore mio, devastato da mali senza fine,
svegliati! c’è da lottare, ai nemici fa’ guerra,
faccia a faccia combattili, sta’ duro!
Non esaltarti se vinci, se perdi non chiuderti in casa
a piangere: sii allegro, sii anche amaro
ma sii sempre te stesso: tu lo sai
sotto quale destino l’uomo lotta

read more

Poesie d’amore di Archiloco: Esortazioni a se stesso

Cuore, cuore sconvolto da tormenti
che non hanno rimedio, risollevati,
resisti ai tuoi nemici, protendendo
contro di loro il petto, e resta saldo
nel corpo a corpo. Non mostrarti troppo
arrogante se vinci, e non abbatterti,
se vinto, fra i lamenti e ai mali affliggiti
senza strafare, impara a riconoscere
quale alterna vicenda regge gli uomini.

read more

Poesie d’amore di Archiloco: Smarrimento

Tale voglia d’amore, abbarbicandosi
al di sotto del cuore, mi versò
fitta nebbia sugli occhi e, come un ladro,
strappò dal petto l’anima indifesa.

read more

Poesie d’amore di Anacreonte: La fanciulla di Lesbo

La palla rossa
a me lancia Eros dai capelli d’oro
e con una fanciulla dai sandali a colori
mi spinge a giocare.

Ma essa, ch’è di Lesbo dalle belle case,
sdegna a me bianco già sul capo
e avida sospira per un altro.

read more

Poesie d’amore di Anacreonte: Libagioni

Suvvia dunque,
portaci un orcio, ragazzo,
di modo che beva d’un fiato,
versando dieci parti d’acqua e dieci di vino,
affinchè di nuovo io possa baccheggiare sfrenatamente.
Suvvia, di nuovo non più così con chiasso e urla
pratichiamo la bevuta sciitica,
ma sorseggiando fra canti leggiadri.

read more

Poesie d’amore di Dante Alighieri: Guido, I' vorrei che tu Lapo ed Io

Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io
fossimo presi per incantamento,
e messi in un vasel ch’ad ogni vento
per mare andasse al voler vostro e mio,

sì che fortuna od altro tempo rio
non ci potesse dare impedimento,
anzi, vivendo sempre in un talento,
di stare insieme crescesse ‘l disio.

E monna Vanna e monna Lagia poi
con quella ch’è sul numer de le trenta
con noi ponesse il buono incantatore:

e quivi ragionar sempre d’amore,
e ciascuna di lor fosse contenta,
sì come i’ credo che saremmo noi.

read more
Pagina » 12345678910111213141516171819202122232425


Cerca tra altri post

Lascia un Commento


phpJobScheduler