Poesie

gatto

"La ballata del condannato a morte"- di Gesualdo Bufalino

Dell’autore de libro  “Diceria dell’untore “, ecco  “La ballata del condannato a morte ” in cui ritroviamo, in tema con la linea letteraria di Gesualdo Bufalino, una perfetta fusione tra poesia, sarcasmo e  tragico.

Sull’ ultime soglie 
ne ho cinque, di voglie
per ultimo gusto un vino vetusto
per ultimo tatto il pelo di un gatto
per ultimo udito del mare il muggito
per ultima vista un ciel d’ametista
 per ultimo odore l’occulto d’un fiore
Infine vorrei il cinque far sei
e stringermi al petto avanti ch’io muoia,
ignuda nel letto, la figlia del boia!

(Gesualdo Bufalino)

read more

Trilussa: Er gatto e er cane

Er Gatto e er Cane

Un Gatto soriano diceva a un Barbone:
-Nun porto rispetto nemmanco ar padrone,
perchè a l’occasione  je graffio la mano;
Ma tu che lo lecchi te becchi le botte:
te mena, te sfotte,  te mette in catena
cor muso rinchiuso e un cerchio col bollo
sull’osso del collo.
Seconno la moda te taja li ricci
te spunta la coda….che belli capricci!
Io guarda….so’ un Gatto, so’ un ladro, lo dico:
ma a me nun s’azzarda de famme ste cose……
Er cane rispose:
-Ma io je so’ amico!

Mi permetto di dissentire parzialmente con Trilussa. Questa poesia  non dà il giusto merito ai gatti: I gatti di casa sono  affettuosi  e coccoloni come cagnolini….certo se li importuni, essedo felini, le unghie le devono tirare fuori………. sennò  che felini sono? Rispettiamo gli animali ed essi saranno sempre degli ottimi amici!

read more
Pagina » 1


Cerca tra altri post

Lascia un Commento


phpJobScheduler