Poesie

Francesco Petrarca

Poesie d’amore di Francesco Petrarca: Chiare fresche e dolci acque

Chiare fresche e dolci acque
ove le belle membra
pose colei che sola a me par donna;
gentil ramo, ove piacque,
(con sospir mi rimembra)
a lei di fare al bel fianco colonna;
erba e fior che la gonna
leggiadra ricoverse con l’angelico seno;
aere sacro sereno
ove Amor co’ begli occhi il cor m’aperse:
date udienza insieme
a le dolenti mie parole estreme.

S’egli è pur mio destino,
e ‘l cielo in ciò s’adopra,
ch’Amor quest’occhi lagrimando chiuda,
qualche grazia il meschino
corpo fra voi ricopra,
e torni l’alma al proprio albergo ignuda;
la morte fia men cruda
se questa spene porto
a quel dubbioso passo,
ché lo spirito lasso
non poria mai più riposato porto
né in più tranquilla fossa
fuggir la carne travagliata e l’ossa.

Tempo verrà ancor forse
ch’a l’usato soggiorno
torni la fera bella e mansueta,
e là ‘v’ella mi scorse
nel benedetto giorno,
volga la vista disiosa e lieta,
cercandomi; ed o pietà!
già terra infra le pietre
vedendo, Amor l’inspiri
in guisa che sospiri
sì dolcemente che mercé m’impetre,
e faccia forza al cielo
asciugandosi gli occhi col bel velo.

Da’ be’ rami scendea,
(dolce ne la memoria)
una pioggia di fior sovra ‘l suo grembo;
ed ella si sedea
umile in tanta gloria,
coverta già de l’amoroso nembo;
qual fior cadea sul lembo,
qual su le treccie bionde,
ch’oro forbito e perle
eran quel dì a vederle;
qual si posava in terra e qual su l’onde,
qual con un vago errore
girando perea dir: “Qui regna Amore”.

Quante volte diss’io
allor pien di spavento:
“Costei per fermo nacque in paradiso!”.
Così carco d’oblio
il divin portamento
e ‘l volto e le parole e’l dolce riso
m’aveano, e sì diviso
da l’imagine vera,
ch’i’ dicea sospirando:
“Qui come venn’io o quando?”
credendo esser in ciel, non là dov’era.
Da indi in qua mi piace
quest’erba sì ch’altrove non ò pace.

Se tu avessi ornamenti quant’ai voglia,
poresti arditamente
uscir del bosco e gir infra la gente.

read more

Poesie d’amore di Francesco Petrarca: Zefiro torna, e 'l bel tempo rimena

Zefiro torna, e ‘l bel tempo rimena,
e i fiori e l’erbe, sua dolce famiglia,
et garrir Progne et pianger Filomena,
e primavera candida e vermiglia.

Ridono i prati, e ‘l ciel si rasserena;
Giove s’allegra di mirar sua figlia;
l’aria e l’acqua e la terra è d’amor piena;
ogni animal d’amar si riconsiglia.

Ma per me, lasso, tornano i più gravi
sospiri, che del cor profondo tragge
quella ch’al ciel se ne portò le chiavi;

e cantar augelletti, e fiorir piagge,
e ‘n belle donne oneste atti soavi
sono un deserto, e fere aspre e selvagge.

read more

Poesie d’amore di Francesco Petrarca: Io amai sempre et amo forte ancora

Io amai sempre et amo forte ancora
e son per amar più di giorno i n giorno
quel dolce loco ove piangendo torno
spesse fiate quando Amor m ‘ accora ,

e son fermo d’amare il tempo e l ‘ora
ch ‘ogni vil cura mi levar dintorno ,
e più colei lo cui bel viso adorno
di ben far co ‘ suoi esempli m’ innamora .

Ma chi pensò veder mai tutti insieme ,
per assalirmi il core or quindi or quinci ,
questi dolci nemici ch ‘ i ‘ tant ‘ amo ?

Amor , con quanto sforzo oggi mi vinci !
E se non ch ‘al desio cresce la speme ,
i ‘ cadrei morto , ove più viver bramo .

read more

Poesie d’amore di Francesco Petrarca: Benedetto sia il giorno …

Benedetto sia ‘ l giorno e ‘ l mese e l ‘ anno
e la stagione e ‘ l tempo e l ‘ ora e ‘ l punto
e ‘ l bel paese e ‘ l loco ov’ io fui giunto
da’ duo begli occhi che legato m ‘ ànno ;

e benedetto il primo dolce affanno
ch ‘ i’ ebbe ad essere con amor congiunto ,
e l ‘ arco e le saette ond ‘ io fui punto ,
e le piaghe che ‘infin al cor mi vanno .

Benedette le voci tante ch ‘ io
chiamando il nome di mia Donna ò sparte ,
e i sospiri e le lagrime e ‘ l desio ;

e benedette sian tutte le carte
ov ‘ io fama l’acquisto , e ‘ l pensier mio ,
ch ‘ è sol di lei , sì ch ‘altra non v’à parte .

read more

Poesie d'amore di Francesco Petrarca: Movesi il vecchierel canuto e bianco

Movesi il vecchierel canuto e bianco

Movesi il vecchierel canuto e bianco
del dolce loco ov’ha sua età fornita,
e da la famigliuola sbigottita
che vede il caro padre venir manco;
indi traendo poi l’antiquo fianco
per l’estreme giornate di sua vita,
quanto più pò, col buon voler s’aita,
rotto dagli anni, e dal cammino stanco;
e viene a Roma, seguendo ‘l desio,
per mirar la sembianza di colui
ch’ancor lassù nel ciel vedere spera:
così, lasso, talor vo cercand’io,
donna, quanto è possibile, in altrui
la disïata vostra forma vera.

read more
Pagina » 1


Cerca tra altri post

Lascia un Commento


phpJobScheduler