Poesie

Totò

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Donna Amalia

V’aggia spià na cosa Donn’Amà:
vurria sapè pecchè quanno ve veco,
la capa mia nun po’ cchiù raggiunà.
Si me parlate, ‘mpietto ‘a voce vosta,
m’arriva comme n’arpa, nu viulino;
quanno rerite sento ‘e manduline:
na sinfunia ‘e Betove e di Sciopè.
Che v’aggio ditto… niente Donn’Amà!
Quanno cu st’uocchie vuoste me guardate,
me sento tutto ‘o sango e friccecà.
‘O core fa na sosta, nun cammina;
me dice chiano chiano sottovoce:
– Dincello a Donn’Amalia… è bella, è ddoce!…
i’ tengo ‘o desiderio ‘e ma spusà. -

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'A vita è ingiusta

‘A vita è ingiusta pecché è fatta a scale.
Ognuno sta piazzato a nu scalino,
ma sti scalini nun sò tutte eguale:
sò state predisposte da ‘o destino
ch’ha regolato chesta umanità.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Felicità

Vurria sapè ched’è chesta parola,
vurria sapè che vvò significà.
Sarrà gnuranza ‘a mia, mancanza ‘e scola,
ma chi ll’ha ntiso maje annummenà.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Ammore perduto

Ammore perduto
ì t’ero truvato,
nun aggio saputo
tenerte cu mme.
Ammore perduto,
mmà ha ditto stu core
ca tarde ha saputo
tu ch’ire pe mme.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'A cunzegna

‘A sera quanno ‘o sole se nne trase
e da’ ‘a cunzegna a’ luna p’ ‘a nuttata
lle dice dinto ‘a recchia: “I’ vaco a’ casa:
t’arraccumanno tutt’ ‘e nnammurate”.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Il fine dicitore

“Ninì Santoro, il fine dicitore,
maestro di eleganza e di maniere,
il re del music-hall, il gran signore,
debutta questa sera al Trianon”.
Guardanno ‘o manifesto, chi liggeva
penzava: certo chisto è n’artistone.
Tenevemo st’attore? E chi ‘o ssapeva!
Stasera stessa mm’ ‘o vaco a ssentì.

C’ ‘o tubbo, ‘a caramella e nu bucchino
d’avorio giallo, luongo miezo metro;
un fazzoletto bianco nel taschino,
ncuollo nu frack ‘e seta blummarè

Tutt’ ‘o teatro illuminato a giorno,
na marcia trionfale comm’ “Aida”,
Santoro ascette e cu na faccia ‘e corne
pareva ca diceva: “Eccomi qua!

Mo v’aggia fa vedè chi è Santoro,
il fine dicitore, il fantasista
ca quanno arape ‘a vocca caccia ll’oro,
oro colato ‘e primma qualità”.

‘O pubblico ansioso s’aspettava:
chi sa mo ch’esce ‘a vocca a stu Santoro.
Ma ch’era ascì… Santoro ‘ncacagliava,
faceva smorfie, zumpe e niente cchiù.

Nun fernette nemmeno ‘o riturnello
d”o primmo raccuntino d’avventure,
quann’uno arreto a me: “Santò, si bello!”
(‘Ndranghete!) E allazza nu pernacchio ‘e nuvità.

Fuie cumm’a nu signale ‘e na battaglia,
mancava poco e nce scappava ‘o muorto:
‘e sische mme parevano mitraglia.
Santoro nun putette continuà.

“Ll’artista” se facette ‘a mappatella:
‘o frack, ‘o tubbo, ‘o fazzuletto bianco,
s’annascunnette pure ‘a caramella.
Dicette: “Aggio sbagliato,.. Ch’aggia fa?”.

Trent’anne so passate ‘a chella sera
che il fine dicitore fantasista
pe fforza avette chiudere ‘a carriera
a beneficio dell’umanità.

Aiere steva scritto into ‘o giurnale che:
“dopo varii e lunghi appostamenti
è stato assicurato un criminale
alla Giustizia delle Autorità”.

E chi era, neh, stu disgraziato?
Santoro… il dicitore fantasista,
ca, pe magnà, al furto s’era dato
o pover’ommo pe putè campà.

Io penso che fu l’epoca sbagliata;
trent’anne fa tutto era n’ata cosa.
Oggi che il nostro gusto s’è cambiato
Santoro fosse na celebrità.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Pe stà vicino a tte

Vulesse addeventà nu barbuncino:
uno ‘e chilli canille nire e riccie
ca siente ‘e dì p’ ‘a strada: “Che carino!…
sembra un batuffolino… nu capriccio”.
E me ‘nfezzasse dint’ ‘a na vetrina
d”o primmo magazzino ca truvasse;
e tu, passanno ‘a llà ogni matina,
te ‘ncapricciasse ‘e me e m’accattasse.

Io già me veco cu nu cullarino
tutto ‘ndurato cu ddoje campanelle
sdraiato appiede a tte ‘ncopp’ ‘o cuscino:
p’ ‘a gioia, cchiù nun ce stesse dint’ ‘a pella!

E quanno po’ tu me pigliasse ‘mbraccio,
dicenneme parole azzuccuselle,
io t’alleccasse ‘e mmane, l’uocchie e ‘a faccia
sbattenno ‘e zampe, ‘e rrecchie e ‘sta curella.

Pe stà sempe cu tte matina e sera
nun me ‘mpurtasse ‘e fa sta vita ‘e cane!
Vicino a tte t’ ‘o giuro ‘e sta manera
vulesse bbene pure ‘o acchiappacane!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): All'intrasatta...

L’ammore è na jurnata ‘e sole
ca schioppa all’intrasatta dint’ ‘o core.
E ‘o sole mio si tu!…
Schiuppanno all’intrasatta dint’ ‘a stu core
he dato vita nova a chesta vita;
l’essenza profumata ‘e na viola
e ll’uocchie appassiunate ‘e Margarita.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Tutto è finito

Si lo so, tutto è finito
non parlar, non dirmi niente
già da un pezzo l’ho capito
che il finale era imminente.
Si lo so, tutto è finito
sei d’un altro innamorata
già da un pezzo l’ho capito
questa scena l’ho aspettata.

La commedia dell’amore
è finita finalmente
hai spezzato questo cuore
non parlar, non dirmi niente.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'O piso

Si metto int’ ‘a valanza
stu bbene ca te voglio,
semplice e genuino
carnale e senza ‘mbruoglio,
schiuppato int’a stu core
cu tutt’ ‘o sentimento,
crisciuto cu ll’ammore
appassionatamente:
nun t’aggio ditto ancora?…
pesa tre tunnellate
e nu quintale ‘a fora!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Balcune e llogge

Comme a na reggia, ricca e capricciosa,
ammubbigliaie sta casa ‘e tutt’ ‘e ccose
che saccio che piacevano a sta sposa,
balcune e llogge carrecate ‘e rose;
‘ncoppa ‘o buffè cunfiette e sciure ‘e sposa,
Ch’addore ‘e sciure ‘arancio pe sta casa!
Sta casa c’addurava ‘e mille rose,
che festa dinto a ll’aria s’era spasa!

Balcune e llogge carrecate ‘e rose.
Mo sò rimasto sulo into a sta casa;
mme guardo attuorno e veco tutt’ ‘e ccose,
ma ‘a sposa nun ce stà stà fore casa.

È morta… Se n’ è ghiuta ‘mparaviso!
Pecchè nun porto ‘o llutto? – Nun è cosa,-
rispongo ‘a ggente e faccio ‘o pizzo a rriso,
ma dinto ‘o core è tutto n’ata cosa!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Il dramma di Don Ciccio Caccavalle

‘O terzo piano, int’ ‘o palazzo mio,
a pporta a mme sta ‘e casa na famiglia,
ggente per bene… timorata ‘e Ddio:
marito, moglie, ‘o nonno e quatto figlie.
‘O capo ‘e casa, ‘On Ciccio Caccavalle,
tene na putechella int’ ‘o Cavone:
venne aucielle, scigne e pappavalle,
ma sta sempe arretrato c’ ‘opesone.

‘E chisti tiempe ‘a scigna chi s’ ‘a compra?!
Venne ogni morte ‘e papa n’auciello;
o pappavallo è addiventato n’ombra,
nun parla cchiù p’ ‘a famma, ‘o puveriello!

‘A moglie ‘e Caccavalle, Donn’Aminta,
è una signora con le mani d’oro:
mantene chella casa linda e pinta
ca si ‘a vedite è overo nu splendore.

‘O nonno, sittant’anne, malandato,
sta segregato dint’a nu stanzino:
‘O pover’ommo sta sempe malato,
tene ‘e dulure, affanno e nun cammina.

E che bbuò fa! Nce vonno ‘e mmedicine,
a fella ‘e carne, ‘o ppoco ‘e muzzarella…
Magnanno nce ‘o vuò dà ‘o bicchiere ‘e vino
e nu tuscano pe na fumatella?

‘A figlia, Donn’Aminta, notte e ghiuorno
fa l’assistenza al caro genitore;
trascura ‘e figlie e nun se mette scuorno,
e Don Ciccillo sta cu ll’uocchie ‘a fora.

Don Ciccio Caccavalle, quanno è ‘a sera
ca se ritira, sta sempe ammurbato
pe vvia d”o nonno (‘o pate d”a mugliera),
e fa: – Che ddiece ‘e guaio ch’aggio passato. –

Fra medicine, miedece e salasse
‘o pover’ommo adda purtà sta croce.
Gli affari vanno male, non s’incassa,
e ‘o viecchio nun è carne ca lle coce.

E chesto è overo… ‘On Ciccio sta nguaiato!
Porta sul’issso ‘o piso ‘ncoppa ‘e spalle;
‘o viecchio nun’è manco penzionato
e s’è appuiato ‘ncuollo a Caccavalle.

‘O viecchio no… nun vò senti raggione.
Pretenne ‘a fella ‘e carne, ‘a muzzarella…
‘A sera po’, chello ca cchiù indispone:
– Ciccì, mme l’he purtata ‘a sfugliatella? –

Don Ciccio vò convincere ‘a mugliera,
ca pure essendo ‘a figlia, ragiunasse:
– ‘O vicchiariello soffre ‘e sta manera…
è meglio ca ‘o Signore s’ ‘o chiammasse! –

E infatti Caccavalle, ch’è credente,
a San Gennaro nuosto ha fatt’ ‘o vuto:
– Gennà, si ‘o faje murì te porto argiento!…
sta grazia me l’he fa… faccia ‘ngialluta! –

Ma Caccavalle tene n’attenuante,
se vede ca nun naviga int’ a ll’oro…
Invece io saccio ‘e ggente benestante
che tene tant’ ‘e pile ‘ncopp’ ‘o core!

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Ngiulina

Chisto è ‘o ritratto e chiste so’ ‘e capille:
na ciocca ‘e seta nera avvellutata.
E cheste songo ‘e llettere: cchiù ‘e mille;
lettere ‘e ‘na guagliona nnammurata.
Ngiulina se chiammava sta figliola
ch’è stata ‘a primma nnammurata mia.
Trent’anne sò passate… Mamma mia!

‘A tengo nnanze a ll’uocchie, pare aiere:
vocca ‘e curallo, ‘na faccella ‘e cera,
‘nu paro d’uocchie verde, ‘e cciglie nere,
senza russetto… semplice e sincera.

Teneva sidece anne e io diciotto.
Faceva ‘a sartulella a ‘o Chiatamone.
Scenneva d”a fatica ‘mpunto ll’otto,
e mm’aspettava a me sotto ‘o purtone.

Senza parlà, subbeto sotto ‘o vraccio
nce pigliavemo e ghievemo a ffà ammore.
Vicino ‘a casa soia, ‘ncoppa Brancaccio,
parole doce e zucchero int’ ‘o core.

Mettennoce appuiate ‘nfaccia ‘o muro,
a musso a mmusso, tutt’ e dduie abbracciate:
dint’ ‘a penombra ‘e n’ angulillo oscuro,
quanta suspire e vvase appassiunate!

‘A tengo nnanze a ll’uocchie, pare aiere:
vocca ‘e curallo, na faccella ‘e cera;
nu paro d’uocchie verde, ‘e cciglie nere,
senza russetto… semplice e sincera.

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): 'A statuetta

Comme è limpida sta fronte,
purcellana trasparente,
statuetta ‘e Capemonte,
comme ‘o sole sì lucente!
E guardanno stu splendore
– manammè! – mme sò abbagliato.
S’è appicciato chistu core,
e me songo annammurato..

read more

Poesie d'amore di Antonio De Curtis (Totò): Il cimitero della civiltà

Aiere ha fatto n’anno – ‘o diece ‘e maggio,
na matenata calda e chiena ‘e sole -,
penzaie ‘ncapo a me: “Cu che curaggio
io stamattina vaco a faticà!”.
Facenno ‘o paro e sparo mme susette:
“Mo mme ne vaco ‘a parte ‘e copp’ ‘o Campo”.
Int’a ddiece minute mme vestette
cu ‘e mucassine e cu ‘o vestito blu.

Nun facette sparà manco ‘o cannone
ca già stevo assettato int’ ‘a cantina,
annanze a nu piatto ‘e maccarune:
nu zito ch’affucava int ‘o ragù.

C’ ‘a panza chiena, a passo… chianu chiano
mme ne trasette dint’a na campagna,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
ca m’ ‘o zucavo comme ‘o biberò.

Tutto a nu tratto veco nu spiazzale
chino ‘e ferraglie vecchie e arrugginite.
E ched’è, neh?… nu campo ‘e residuate:
“il cimitero della civiltà”.

Nu carro armato cu ‘a lamiera rotta…
trattore viecchie… macchine scassate…
n’ “Alfetta” senza ‘e qquatte rote ‘a sotto…
pareva ‘o campusanto d”a Pietà!

Guardanno a uno a uno sti ruttame,
pare ca ognuno ‘e lloro mme diceva:
“Guardate ccà cosa addiventiamo
quanno ‘a vicchiaia subbentra a giuventù”.

Mmiezo a sta pace, a stu silenzio ‘e morte,
tutto a nu tratto sento nu bisbiglio…
appizzo ‘e rrecchie e sento ‘e di cchiù forte:
“Mia cara Giulietta, come va?”.

Chi è ca sta parlanno cu Giulietta?
Nmiezo a stu campo nun ce sta nisciuno…
Tu vuo vedè che l’hanno cu ll'”Alfetta”?
Cheste so ccose ‘e pazze! E chi sarrà?

Mme movo chianu chiano… indifferente,
piglio e mm’assetto ‘ncopp’ ‘o carro armato…
quanno ‘a sotto mme sento ‘e di: “Accidente!…
E chisto mo chi è?… Che vularrà?”.

Chi ha ditto sti pparole? Chi ha parlato?
I’ faccio sta domanda e zompo all’erta…
“So io ch’aggio parlato: ‘o carro armato…
Proprio addu me v’aviveve assettà?

A Napule nun se po’ sta cuieto.
Aiere un brutto cane mascalzone
se ferma, addora… aiza ‘a coscia ‘e reto,
e po’ mme fa pipi ‘nfaccia ‘o sciassi”.

“Vi prego di accettare le mie scuse,
v’ ‘e ffaccio a nome anche del mio paese;
Ma voi siete tedesco o Made in Usa?
E come vi trovate in Italy?”.

“Sono tedesco, venni da Berlino
per far la guerra contro l’Inghilterra;
ma poi – chiamalo caso oppur destino –
‘e mmazzate ll’avette proprio ccà!”.

“Ah, si… mo mme ricordo… le mazzate
ch’avisteve da noi napoletani…
E quanto furon… quattro le giornate,
si nun mme sbaglio: o qualche cosa ‘e cchiù?”.

“Furon quattro. Mazzate ‘a tutte pizze:
prete, benzina, sputazzate ‘nfacccia…
Aviveve vedè chilli scugnizze
che cosa se facettero afferrà!”.

“Caro Signore, ‘o nuosto è nu paisiello
ca tene – è overo – tanta tulleranza;
ma nun nce aimma scurdà ca Masaniello
apparteneva a chesta gente ccà.

E mo mm’ite ‘a scusà ll’impertinenza,
primma aggio ‘ntiso ‘e dì: “Cara Giulietta”.
Facitemmella chesta confidenza:
si nun mme sbaglio era st’ “Alfetta” ccà?”.

“Appunto, si, è qui da noi da un mese…
‘A puverella è stata disgraziata,
è capitata ‘nmano a un brutto arnese,
… Chisto nun ha saputo maie guidà.

Io mm’ ‘a pigliasse cu ‘e rappresentante,
cu chilli llà che cacciano ‘e ppatente;
chiunque ‘e nuie, oggi, senza cuntante,
se piglia ‘a macchinetta e se ne va”.

“Di macchine in Italia c’è abbondanza…-
rispose sottovoce ‘a puverella –
si no che ffa… po’ nce grattammo ‘a panza:
chillo ca vene ll’avimmo acchiappà”.

“Giulietta, raccontate qui al signore
i vostri guai” – dicette ‘o carro armato.
L'”Alfetta” rispunnette a malincuore:
“Se ci tenete, li racconterò.

Come sapete, sono milanese,
son figlia d’Alfa e di papà Romeo,
per fare me papà non badò a spese;
mi volle fare bella “come il fò”.

Infatti, mi adagiarono in vetrina,
tutta agghindata… splendida… lucente!
Ero un'”Alfetta” ancora signorina:
facevo tanta gola in verità!

Un giorno si presenta un giovanotto
cu tanto nu paccotto ‘e cambiale,
io, puverella!, avette fa ‘o fagotto,
penzanno:Chi sa comme va a fernì!

Si rivelò cretino, senza gusto:
apparteneva ‘a “gioventù bruciata”.
Diceva a tutti quanti: “Io sono un fusto;
‘e ffemmene cu mmico hanna cadè!”.

Senza rispetto, senza nu cuntegno…
cambiava tutt’ ‘e giorne… signorina:
ci conduceva al solito convegno…
… alla periferia della città.

Chello ca cumbinava ‘o giuvinotto?
Chi maie ve lo potrebbe raccontare:
io nn’aggio mantenute cannelotte
‘e tutte specie, ‘e tutte ‘e qqualità:

la signorina di buona famiglia,
a vedova, ‘a zetella, ‘a mmaretata…
E quanno succedette ‘o parapiglia,
stavamo proprio cu una ‘e chesti ccà.

In una curva, questo gran cretino,
volle fare un sorpasso proibito,
di fronte a noi veniva un camioncino,
un cozzo, svenni, e mo mme trovo ccà”.

“A nu fetente ‘e chisto ce vulesse
nu paliatone, na scassata d’osse’…
Ma comme – dico i’ po’ – sò sempe ‘e stesse
ca t’hanna cumbinà sti guaie ccà?”.

“E che penzate ‘e fa donna Giulietta?”.
“E ch’aggia fa? – rispose ‘a puverella-
So che domani viene una carretta,
mme pigliano e mme portano a squaglià”.

“Giulietta… via, fatevi coraggio –
(dicette ‘o carro armato). lo ero un “Tigre”,
il popolo tremava al mio passaggio!…
Mannaggia ‘a guerra e chi ‘a vulette fa!

lo so cosa faranno del mio squaglio:
cupierche ‘e cassarole, rubinette,
incudini, martelli, o qualche maglio,
e na duzzina ‘e fierre pe stirà”

“lo vi capisco… sono dispiaciuto…
ma p’ ‘e metalli ‘a morte nun esiste;
invece ‘e n’ommo, quanno se n’è ghiuto

read more
Pagina » 12


Cerca tra altri post

Lascia un Commento


phpJobScheduler