William Shakespeare tra realtà e leggenda

Scrittore poliedrico e instancabile

Drammaturgo e poeta inglese (Stratford on Avon 1564 – 1616). La vita del massimo drammaturgo inglese è poco documentata e per questo è stata oggetto di congetture ed ipotesi le più svariate. Di certo si conoscono la data del suo battesimo (avvenuto a Stratford il 24 aprile del 1564) oltre alla sua firma su vari documenti che testimoniano le sue attività sia come attore che come autore drammatico, il testamento e la tomba. Esistono teorie che attribuiscono le sue opere a F. Bacone ed a Marlowe. Ultimamente si è fatta avanti l’ipotesi che potesse essere di origine Italiana soprattutto perché molte opere sono ambientate in città italiane. La biografia ufficiale dice che era il terzo figlio (su otto) di Mary Arden e Jhon Shakespeare, commerciante in pelli, e che avesse studiato presso le scuole locali ma non fece studi universitari. A diciotto anni sposò Ann Hatawaj, più grande di otto anni, che gli diede una figlia chiamata Susan e successivamente i gemelli Judith e Hamnet. Non si conosce la professione del giovane Shakespeare tuttavia si ha testimonianza della sua presenza a Londra nel 1592 dove certamente si dedicava al teatro. Si sono ricostruite con fatica le date delle suo opere che sono molto varie nella forma e nel contenuto: dai sonetti alle opere teatrali alle operette ecc. I sonetti pubblicati nel 1609 lo collocano tra i più grandi autori della letteratura inglese. Riaperti i teatri dopo la pestilenza del 1593, le compagnie teatrali si ricostituirono e Shakespeare fu attore, autore e anche impresario. Questa attività lo rese ricco. Si costruì un teatro, il Globe, sulla sponda meridionale del Tamigi che fu la sua sede permanente fino al 1613 quando il teatro fu distrutto da un incendio durante la rappresentazione di Enrico VIII. Il primo dramma di cui si conosce la data certa è il Titus Andronicus, tutti gli altri sono datati solamente per notizie indirette. La varietà dell’invenzione in Shakespeare è notevole; basta leggere l’elenco delle sue splendide opere dai soggetti sempre originali ed accattivanti forse per assecondare il gusto elisabettiano dell’epoca. Le sue opere si possono raggruppare in Drammi storici, Commedie, Drammi romani, Drammi dialettici, Drammi moderni, Drammi romanzeschi.

Per approndimenti su vita e le opere

Post correlati a William Shakespeare tra realtà e leggenda

Vademecum per vincere le elezioni

Poco meno di cinque secoli fa William Shakespeare scriveva che "Il saggio sa di essere stupido, è lo stupido invece che crede di essere saggio". P..

Pacemaker: l'inventore morto a 92 anni.

All'età di 92 anni è morto a Buffalo l'ingegnere Wilson Greatbatch. Non aveva ideato solamente il pacemaker ma è stato l'autore di ben altre 150 i..

L'Italia vista dall'estero. La crisi non tocca Berlusconi, solo un'invenzione della sinistra pessimista

Berlusconi non conosce crisi. Beato lui! Il capo del Governo italiano è sicuro che il suo Paese resista alla crisi meglio degli altri. Sul piano per..

Invenzioni, marchi e brevetti

A Tindari, un piccolo centro in provincia di Messina, sorge un Santuario dedicato ad una Madonna nera. La strada che sale per raggiungere il Santuario..

Metodi e principi per la valutazione degli immobili

Il valore di un immobole risulta dalla corretta sintesi di una varietà di fattori da considerare congiuntamente quali l'ubicazione, la destinazione d..


phpJobScheduler